Primo contatto

MG EHS
Al volante della Suv plug-in

MG EHS
Al volante della Suv plug-in
Chiudi

Inutile cercare appigli nella lunga e travagliata storia della MG: non li troverete. La EHS, Suv ibrida plug-in dalle belle speranze, fa parte di un capitolo completamente nuovo. È costruita in Cina dalla Saic (il più grande produttore automobilistico della Repubblica Popolare) e poco o nulla ha a che fare con il passato del marchio inglese, intriso di meccanica artigianale, roadster e sportive.

Dotazione completa. Oggi, l’intento è ben altro: rendere la mobilità elettrica accessibile ai più. Prima di tutto con un prezzo invitante, considerato lo standing del mezzo in questione. La MG EHS Exclusive oggetto di questo primo contatto costa 38.350 euro, che scendono a 31.410 euro sommando l’incentivo statale di 6.500 euro (con rottamazione) e un ulteriore sconto offerto dalla casa. Senza usato da demolire, il bonus totale è di 3.720 euro. La vettura, inoltre, vanta una dotazione piuttosto ricca: dalla guida assistita di livello 2 ai sedili rivestiti di pelle, dal tetto panoramico all’impianto multimediale con connettività per smartphone, dal portellone elettrico ai sedili anteriori riscaldabili, di serie c’è davvero molto.

Spaziosa dietro. Lunga 4,57 metri, larga 1,88 e alta 1,69 metri, la EHS si lascia guardare volentieri, pur non essendo scevra da stilemi ripresi dalla concorrenza più o meno diretta, orientale ed europea. Ciò detto, il passo di 2,72 metri libera una grande quantità di spazio per le gambe di chi siede dietro. Si può viaggiare in quattro senza problemi e un eventuale quinto non è troppo sacrificato. Apprezzabile, poi, la presenza degli schienali regolabili in inclinazione e la buona fattura delle sedute. Per il bagagliaio, la Casa dichiara una capienza di 451 litri: verificheremo presto nella nostra prova su strada.

2021-mg-ehs-06

Infotainment un po’ lento. Altra (bella) sorpresa: la plancia – come, in generale, tutto l’abitacolo - è costruita con materiali di qualità, generalmente ben assemblati. Il sistema di infotainment, invece, ha ampi margini di miglioramento: impiega alcuni secondi di troppo ad accendersi in seguito all’avvio del motore e, in generale, lo schermo da 10,1" non è molto veloce a rispondere al tocco del dito. Fra l’altro, bisogna passare da lui anche per gestire la climatizzazione e il riscaldamento dei sedili: fortunatamente, non manca un pulsante fisico alla base della console che funge da scorciatoia e semplifica le cose. 

Particolarità ibride. Il powertrain è composto da un 1.5 turbobenzina da 162 CV e un motore elettrico da 90 kW, alimentato da una batteria agli ioni di litio da 16,6 kWh. Il sistema, in totale, eroga 258 cavalli e 370 Nm di coppia, tutti affidati alle ruote anteriori (la trazione integrale non è disponibile). Affrontiamo subito il tema della ricarica: di serie è previsto il caricatore da 3,7 kW, che permette di fare il pieno d’energia in circa 4 ore e mezza. Con la batteria al 100%, secondo la Casa, si possono percorrere fino a 52 km in elettrico. Particolare la trasmissione: il cuore a benzina si serve di un automatico a sei rapporti, mentre l'unità elettrica sfrutta un cambio dedicato a quattro marce, i cui passaggi da un rapporto all'altro si percepiscono nitidamente viaggiando in modalità Ev; fin troppo, a essere sinceri, perché il cambio marcia è piuttosto lento.

2021-mg-ehs-10

Poco feeling. Detto questo, quando i due propulsori spingono insieme, la EHS si muove con rapidità e i sorpassi si completano senza fatica. Meno rosea la frenata, con un pedale poco modulabile e a tratti spugnoso. Le sospensioni, inoltre, sono caratterizzate da una certa rigidezza su dossi e tombini, che in curva si trasforma in movimenti piuttosto controllati del corpo vettura. Da qui a parlare di sportività, però, ce ne passa: il principale imputato è lo sterzo, lento e poco comunicativo. Di buon livello, invece, la silenziosità, perché non arrivano rumori molesti alle orecchie degli occupanti, né dal rotolamento degli pneumatici né dal punto di vista aerodinamico. Soltanto il motore alza un po’ la voce in piena accelerazione, ma si tratta di un vizio comune a quasi tutte le ibride plug-in.

COMMENTI