Sicurezza

Tesla
Stati Uniti, aperta un'inchiesta ufficiale sull’Autopilot

Tesla
Stati Uniti, aperta un'inchiesta ufficiale sull’Autopilot
Chiudi

La Tesla deve affrontare un’indagine ufficiale da parte delle autorità statunitensi: la Nhtsa (National Highway Traffic Safety Administration) ha avviato una procedura formale di verifica dei livelli minimi di sicurezza sul sistema di assistenza alla guida noto come Autopilot. 

Le motivazioni. L’indagine è stata avviata dopo una serie di incidenti che hanno coinvolto anche veicoli di emergenza o mezzi di soccorso. In particolare, l’agenzia federale preposta alla sicurezza nel mondo dei trasporti ha identificato, a partire dal gennaio 2018, 11 sinistri (con 17 feriti e un morto) in cui i modelli della Tesla hanno colpito uno o più veicoli coinvolti in incidenti e già oggetto di un primo intervento medico. Degli 11 casi, quattro sono avvenuti quest’anno e il più recente ha avuto luogo il mese scorso a San Diego, in California. In tutti gli incidenti la Nhtsa ha riscontrato l’utilizzo dell’Autopilot o di altri dispositivi per il controllo della velocità. 

I termini dell’indagine. L’inchiesta, che riguarda circa 765 mila vetture della Casa californiana in circolazione sulle strade degli Stati Uniti, era stata preceduta da una serie di verifiche preliminari condotte dai tecnici dell’agenzia sui sistemi di assistenza alla guida delle Tesla Model Y, X, S e 3 prodotte dal 2014 al 2021. Alcune squadre di investigatori sono state inviate sui luoghi degli incidenti, riscontrando che i sinistri "si sono verificati per la maggior parte dopo il tramonto", nonostante le precauzioni messe in campo dai soccorritori (coni stradali, frecce illuminate e altro ancora). 

Due senatori chiamano in causa la FTC. Intanto, dopo l’iniziativa dell’Nhtsa due esponenti del Senato hanno esortato la Federal Trade Commission (l’agenzia federale deputata a tutelare i consumatori e la concorrenza nel mercato) ad aprire un’indagine sulla Casa californiana. Secondo i due politici, entrambe democratici, pubblicizzando i propri sistemi di guida automatizzata come “completamente autonomi” senza che effettivamente lo siano, la Tesla avrebbe fuorviato gli acquirenti e creato un pericolo pubblico: “Le ripetute esagerazioni della Tesla e del signor Musk sulle capacità dei loro veicoli mettono i conducenti delle Tesla e gli automobilisti a rischio” hanno scritto Richard Blumenthal ed Edward Markey in una lettera indirizzata a Lina Khan, presidente della Federal Trade Commission.

COMMENTI