Pedemontana Rigettata dal tribunale l'istanza di fallimento

Lucia Galli Lucia Galli
Pedemontana
Rigettata dal tribunale l'istanza di fallimento
Chiudi
 

La Pedemontana va avanti. Il tribunale di Milano ha rigettato, dopo un paio di udienze e una serie di indagini, l’istanza di fallimento avanzata lo scorso luglio dalla procura di Milano. Il dossier che poteva far chiudere i battenti alla A36, ferma al palo da un paio di anni, dopo aver già bruciato 1,2 miliardi di finanziamento pubblico per l’apertura delle tangenziali di Como e Varese, della tratta A (raccordo A8-A9) e della tratta B1 fino a Lentate sul Seveso, mirava a mettere in luce una serie di conti e cifre che rendevano, stando alla procura, insostenibile il prosieguo dell’opera e l’esistenza della società stessa oltre il termine di gennaio 2018.

Rinegoziato il mutuo. I soldi in cassa sarebbero terminati anche per la gestione ordinaria della "macchina" di Autostrada Pedemontana Lombarda. E invece, con un contro-dossier e un concreto impegno, messo nero su bianco, la società Apl, con il sostegno (ancora una volta) della Regione Lombardia, è riuscita a prolungare i termini di restituzione del prestito ponte di 200 milioni che una cordata di banche aveva già concesso negli scorsi anni. Il debito è stato trasformato in mutuo da estinguere entro il 2034, ridando almeno per un po’ fiato all’opera e alla volontà di chi intende completarne la costruzione, ferma a un terzo degli 87 km previsti.

Servono almeno 5 miliardi. Grande soddisfazione nel quartier generale di Assago: "Ci lasciamo alle spalle un momento di difficoltà e una spinosa vicenda che ho dovuto affrontare appena insediato", ha commentato Federico Maurizio D’Andrea, presidente della società. "Questo è un risultato professionale che intendo condividere innanzitutto con il personale e il Cda, con Milano Serravalle e con la Regione, che non hanno mai fatto mancare il loro appoggio”. Trovato il contante, ora serve tornare a pensare in grande. Tanto quanto i 5 miliardi (metà circa per la realizzazione, metà per gli extra costi presentati dall’appaltatore) che si calcola dovrebbero servire sia per riattivare i cantieri sia per procedere alla realizzazione dei nuovi lotti, a partire dal B2, che dovrebbe piegare verso sud fino a Cesano Maderno e Desio, per poi svoltare a est verso Monza e il Vimercatese e quindi verso Bergamo.

Milano-Meda e diossina. Fra le criticità del prossimo lotto, c’è quella del tracciato che andrà a sovrapporsi, rimodernandola, alla ex Ss Sp35 Milano-Meda, fondamentale arteria gravata da 100 mila veicoli che entrano in città ogni giorno. La Pedemontana le cambierà l'assetto, abbattendo e ricostruendo ben 36 ponti, mentre sarà introdotto il pedaggio nel tratto che diverrà autostradale. C’è da aspettarsi che tornino i vari comitati per il No, fra i quali quelli della zona di Seveso, preoccupati che i terreni interessati dalla diossina del 1976, in mancanza di una bonifica accurata, possano restituire i veleni della tragedia di 40 anni fa.

Meglio finirla. Secondo il fronte del "Sì alla Pedemontana", chiudere la partita senza realizzare i nuovi lotti sarebbe più costoso che andare avanti. Intanto perché resterebbero sospese molte pratiche di esproprio e indennizzo ancora aperte. E in secondo luogo perché alla Pedemontana sono collegate opere di viabilità locale a compensazione per un totale di circa 100 milioni: circa 12 interventi per 70 km di strade, di cui solo uno è stato fino a oggi realizzato.

Piano B. Un fronte "intermedio" è quello sposato da alcune istituzioni della Provincia di Monza e Brianza, che ritengono che si dovrebbe "snellire" il progetto, evitando dove possibile la terza corsia e il concetto di autostrada, e facendo arrivare i lavori fino alle tangenziali milanesi, senza proseguire fino a Bergamo.

Il nodo degli appalti. Sul destino della Pedemontana pende, infine, anche il ricorso presentato da Strabag, colosso austriaco che, dopo aver realizzato l’ultimo lotto, si è aggiudicato anche il successivo B2, ma ha presentato un extra costo di 2,5-3 miliardi sul progetto iniziale.

Poco amata e costosa. Un’altra delle criticità dell'A35 è costituita dagli alti costi del pedaggio e dalla scarsa appetibilità della strada, che la rendono poco frequentata e quindi poco redditizia, nonostante le campagne di sconti. Nei giorni scorsi è stato anche abolito il pagamento rapido per gli automobilisti non "abituali". Ora è necessario registrarsi prima con il telepass o sul sito di Conto Targa, in modo che il pagamento, con il nuovo sistema free flow senza caselli, sia sempre tracciato e tracciabile, evitando così l’emorragia di passaggi mai riscossi che si è verificata nei primi anni di esercizio dell’autostrada.

Marco Cera

Vorrei sapere, ad esempio, come fa uno straniero a pagare. Oppure anche un italiano che decide all´ultimo minuto di percorrere la Pedemontana e non si é registrato. Inaccettabile che ogni autostrada abbia un metodo di riscossione del pedaggio diverso. Le autostrade in Italia dovrebbero essere tutte gestite dall´ ANAS, e se si vuole farle pagare la soluzione piú efficace é la vignetta con i caselli che hanno la funzione di controllare (come con il telepass - through drive) la presenza della vignetta.

COMMENTI

  • Vorrei sapere, ad esempio, come fa uno straniero a pagare. Oppure anche un italiano che decide all´ultimo minuto di percorrere la Pedemontana e non si é registrato. Inaccettabile che ogni autostrada abbia un metodo di riscossione del pedaggio diverso. Le autostrade in Italia dovrebbero essere tutte gestite dall´ ANAS, e se si vuole farle pagare la soluzione piú efficace é la vignetta con i caselli che hanno la funzione di controllare (come con il telepass - through drive) la presenza della vignetta.
  • Se al posto di questo carrozzone ci fosse stato un piccolo artigiano che non paga tangenti , per mille euro lo facevano fallire !
  • FOTO

    VIDEO
     -
     -

     -
     -

     -
     -

     -
     -

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/19405/poster_fd8b1cfb-e0ea-49d1-bcd4-59efc1729934.jpg Bugatti Chiron da record: 0-400 km/h in soli 42 secondi http://tv.quattroruote.it/news/video/bugatti-chiron-da-record-0-400-km-h-in-soli-42-secondi News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/19400/poster_5bc718e4-8b86-4400-9590-58a22de2bedb.jpg Audi Elaine Concept: l'auto è sempre più intelligente http://tv.quattroruote.it/news/video/audi-elaine-concept-l-auto-sempre-pi-intelligente News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19456/poster_001.jpg Il record della Stelvio Quadrifoglio al Ring http://tv.quattroruote.it/news/video/il-record-della-stelvio-quadrifoglio-al-ring News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19477/poster_001.jpg Alfa Romeo Giulia: i crash test IIHS http://tv.quattroruote.it/news/video/alfa-romeo-giulia-i-crash-test-iihs News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19600/poster_001.jpg LS+ Concept, l'autonoma secondo Lexus http://tv.quattroruote.it/news/video/lexus-ls-concept News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19835/poster_001.jpg Horacio Pagani racconta il nuovo atelier e il museo http://tv.quattroruote.it/news/video/horacio-pagani-racconta-il-nuovo-atelier-e-il-museo- News

    RIVISTE E ABBONAMENTI

    È tutto nuovo, nella grafica e nei contenuti, il numero di aprile di Quattroruote, che vi aspetta in edicola e in edizione digitaleUn appuntamento da non perdere, che vede il proprio punto di forza nelle prove su strada, impreziosite da analisi ancora più approfondite su prestazioni, dotazioni tecnologiche e confort delle auto e personalizzate per i diversi modelli.

    Quattroruote

    Abbonati a Quattroruote!

    Sconti fino al 41%!

    SCOPRI TUTTE LE OFFERTE

    UTILITÀ

    SERVIZI QUATTRORUOTE