Cronaca

Incentivi
Giorgetti: auto prioritaria, contributi dello Stato anche nel 2022

Incentivi
Giorgetti: auto prioritaria, contributi dello Stato anche nel 2022
Chiudi

Incentivi alle auto anche nel 2022. Lo ha annunciato il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, durante un question time alla Camera. "Il governo considera prioritario il settore dell'automotive. Non è da sottovalutare la possibilità che il governo appoggerà la proposta di inserire in legge di bilancio una misura di rifinanziamento per il 2022, tenendo conto delle ultime evoluzioni di mercato. L'incentivo dell'ecobonus auto", ha aggiunto Giorgetti, "è stato attivato per produrre benefici ambientali e per sostenere il comparto. E quindi si tratta di una misura rivolta alla riduzione delle emissioni inquinanti e parzialmente impattante sul sistema produttivo nazionale. Si tratta di misure gestite in sinergia con il ministero della Transizione ecologica e con il ministero dell'Economia per sostenere il comparto dell'automotive messo a dura prova dalla transizione a nuove tecnologie e dalla carenza di materie prime e semiconduttori".

Da sciogliere il nodo dei fondi. Lo strumento che il legislatore userà per rifinanziare gli incentivi sarà dunque la legge di bilancio, come avvenne un anno fa, e non il decreto fiscale attualmente in discussione al Senato e su cui, come rivelato qualche giorno fa da Quattroruote, sono stati presentati alcuni emendamenti volti a rifinanziare proprio i fondi destinati ai contributi all’acquisto dell’auto. Tutto da quantificare, invece, l’ammontare delle risorse che governo e parlamento metteranno sul piatto e come queste risorse saranno distribuite, sia in relazione alle emissioni sia per quanto riguarda l’ammontare del singolo contributo.

COMMENTI

  • Un incentivo per sostenere un settore ha senso se temporaneo. Se diviene consuetudine l'incentivo è come una droga. Quando finisce l'effetto della dose ti ritrovi più a terra di prima. Gli incentivi al settore auto sono ormai anni che vengono elargiti, ed infatti il settore è sempre più drogato. Nulla di buono. Se poi si pensa che gran parte degli incentivi se li intascano i costruttori, e che i costruttori sono quasi tutti stranieri.....
     Leggi le risposte
  • E chi ha anziani da accudire nessuno "incentivo'?"