Foto spia

Ferrari
Le nuove foto della Purosangue

Ferrari
Le nuove foto della Purosangue
Chiudi

Ricordate le foto spia della Ferrari Purosangue di qualche giorno fa? Ecco, un altro esemplare della prima Rossa a ruote alte è stato avvistato sulle stesse strade, attorno alla fabbrica di Maranello. Con le stesse camuffature, o quasi. Che nascondono quella che dovrebbe essere la carrozzeria definitiva e, con tutta probabilità, anche la meccanica che caratterizzerà il modello di serie. Rispetto ai primi scatti, queste immagini mostrano il muletto da più angolature e con dei cerchi differenti: risulta così più facile osservare alcuni dettagli, come il grande impianto frenante che probabilmente utilizzerà dischi carboceramici. Altri particolari già visibili - almeno in parte - sono le aperture del frontale: oltre alle immancabili bocche integrate nel paraurti (dove potrebbe trovare spazio anche il Cavallino), si possono notare delle reti montate sul cofano che potrebbero nascondere delle prese d'aria aggiuntive. Non dovrebbero inoltre mancare delle degli estrattori ricavati nel passaruota pensati per contribuire al raffreddamento del propulsore.   

Porte "corte" dietro. Guardando la fiancata del prototipo si può capire immediatamente come in Ferrari abbiano voluto camuffare una zona in particolare: quella del montante B. Lo si può notare dalla forma e dalle dimensioni delle portiere: in realtà, il taglio verticale che si vede nei teli di camuffatura potrebbe essere pensato proprio per ingannare gli osservatori e nascondere un probabile sistema d'apertura non convenzionale.

Luci accese. Un altro dettaglio importante, che nei precedenti avvistamenti non era ben visibile, sono i fari. In alcuni scatti, la Purosangue si è mostrata con le luci accese: i proiettori sono posizionati molto in basso, probabilmente su due livelli, e sono sormontati da una striscia a Led che dovrebbe assolvere le funzioni di luci diurne e indicatori di svolta. Al posteriore, invece, i gruppi ottici appaiono ancora totalmente coperti, così come gran parte della coda. Quello che si può intuire è l'andamento del lunotto - molto inclinato - e la presenza di un grande estrattore aerodinamico nel quale potrebbero trovare posto dei terminali dalle proporzioni decisamente generose. Certo, non dovrebbero andare a riempire gli enormi vuoti presenti sul paraurti, presumibilmente provvisorio, ma potrebbero avere un'impostazione molto diversa rispetto a quelle viste finora sui modelli di Maranello.

Ma cosa c'è nel cofano? La doppia apertura al posteriore parla chiaro: sotto i teli ci sono due sportelli per il rifornimento. Uno per la benzina e uno per l'elettricità. Maranello ha sdoganato da tempo i propulsori ibridi plug-in e con tutta probabilità la Purosangue avrà almeno una versione "alla spina". Esatto, almeno una. Visto il segmento, non è da escludere che la Ferrari possa proporre la sua prima vettura a ruote alte in diversi step di potenza, con powertrain derivati dal V6 3.0 biturbo della 296 GTB o dal V8 di quattro litri della SF90 Stradale che, rispettivamente, erogano 830 e 1.000 CV. È pressoché scontata, invece, la presenza di un sistema di trazione integrale con cambio automatico. Senza contare che la lunghezza del cofano anteriore potrebbe consentire il montaggio di un V12. Per sapere quanti cilindri avrà la Ferrari Purosangue bisognerà però attendere qualche mese: la presentazione è fissata per il prossimo anno.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Ferrari - Le nuove foto della Purosangue

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it