Industria e Finanza

Ferrari
Nuovo piano industriale: nel 2022 il 60% della gamma sarà ibrido

Ferrari
Nuovo piano industriale: nel 2022 il 60% della gamma sarà ibrido
Chiudi

“Le prime parole sono naturalmente per Sergio: tutti quelli che lo conoscevano hanno dei grandi ricordi su di lui e sui suoi anni in Ferrari. Costruiremo un futuro grande quanto il passato per Ferrari anche grazie al suo operato e noi gliene saremo eternamente grati”. Il presidente John Elkann, al debutto nella sua nuova veste in occasione della presentazione del piano industriale Ferrari, ha sottolineato come lo stesso senso di ambizione che per anni ha motivato Sergio Marchionne vive anche nell’approccio del nuovo amministratore delegato, Louis Carey Camilleri. “Lui e la mia famiglia, che ha la Ferrari nel cuore da cinquant’anni, lavoreremo al massimo per il futuro del Cavallino”.

Non solo target finanziari.
“Ogni volta che vengo qui sento la magia di questo scrigno di innovazione. E oggi che è diventata la mia casa lo percepisco ancora di più”, ha dichiarato l’ad. "Il nostro obiettivo non è soltanto quello di raggiungere target finanziari, ma quello di continuare ad alimentare i sogni dei nostri clienti. E anche se stiamo presentando il nuovo piano quinquennale, la nostra attenzione è su dove saremo fra 10, 20 o 30 anni: è questa la prospettiva su cui deve lavorare la Ferrari”.

2018-Ferrari-Purosangue-1

Il modello ad assetto alto si chiamerà Purosangue. Il piano della Ferrari per il futuro è quello di suddividere la gamma in quattro parti: supersportive, come la 812 Superfast, granturismo, come la Portofino, serie speciali, come la 488 Pista e Icona, le fuoriserie come la Monza presentata oggi (e che vi sveleremo questa sera), che avranno un peso crescente nella strategia del marchio. L’accento cade subito sulle gt: “Non voglio sentire la parola Suv nella stessa frase di Ferrari. Mi dispiace per chi può farlo a cuor leggero, ma per noi non sarà così. Il nostro modello ad assetto alto si chiamerà Purosangue e verrà presentato alla fine del piano. Sarà versatile e spazioso, ma sarà una Ferrari in tutto e per tutto. Da ferrarista tradizionale ero scettico. Ma dopo aver visto gli sketch di design sono diventato un sostenitore di questo progetto".

2018-Ferrari-ibrido-1

Nel 2022 60% della gamma sarà ibrida. "Il nostro know-how in materia di powertrain, inoltre, continuerà a essere trasferito dalla Formula 1 ai modelli di serie: nel 2022, alla fine del nostro piano, il 60% della nostra gamma sarà ibrido. E con il passare degli anni andremo ancora oltre con la percentuale dell’elettrificazione". Anche il secondo annuncio atteso è arrivato: oltre alla crossover, arriverà anche l’ibrido. E in quantità massicce.

Obiettivi ambiziosi, ma raggiungibili. "I nostri obiettivi sono ambiziosi, ma sono costruiti su un meticoloso piano di lanci di prodotto". È così, usando quello stesso aggettivo “ambiziosi” con cui il titolo era crollato in Borsa dopo la sua prima uscita pubblica, che Camilleri ha ribadito la fiducia nella capacità della Ferrari di centrare i suoi target per il futuro. Sgombrando il campo da ogni residuo dubbio al riguardo. “Non ho mai detto che quei target erano irraggiungibili. Ero ad da sei giorni e non volevo promettere cose che non sapevo di poter mantenere”, precisa al riguardo l’ad. "Rimane un piano ambizioso, ma è basato su un piano concreto che ci porterà a raggiungere quegli obiettivi”.

Target confermati e dividendo in crescita. La Ferrari conferma i target per l’anno in corso, ritoccando al rialzo le spese per capitale, portate da 450 a 650 milioni di euro. Per la fine del piano industriale, soprattutto, è stato ribadito il raddoppio dell’Ebitda rettificato annunciato da Marchionne, che passerà dal miliardo del 2017 alla forbice 1,8-2,0 miliardi al termine del piano, con una tappa a 1,3 miliardi nel 2020. L’Ebitda margin passerà così dal 30% nel 2017 al 34% nel 2020 e oltre il 38% alla fine del piano. Antonio Picca Piccon, il direttore finanziario del marchio, ha anche annunciato un aumento del dividendo per gli azionisti, che raggiungerà il 30% dell’utile netto, e un buy back delle azioni per un totale di 1,5 miliardi di euro. L’operazione si svolgerà nell’arco dei prossimi quattro anni, naturalmente in accordo con la cash generation.

COMMENTI

  • quindi una Ferrari alta:ma non sara' un Suv,no....vedremo gli sproloqui del marketing(lavoraccio,ma fondamentale..).il programma di arrivare a 10000 auto annue e' molto ambizioso,mi chiedo se sia raggiungibile mantenendo l'esclusivita':e francamente ne dubito.la sete di guadagni degli azionisti rischia di rovinare tutto sul lungo periodo.
  • Veramente la frase relativa al disdicevole abbinamento l'ha detta, s.e., Camilleri (cfr Il Messaggero e Ansa. P.s. ma quanto ci piace questo termine POWERTRAIN ed altri anglicismi che dilagano su 4R (sul Sole 24 ore posso accettarli per alcuni concetti economico finanziari difficilmente traducibili in italiano ) recentissime parole, di prossimo uso e abuso, apparse su 4R" YOUNG TIMER " e " AREA KIDS " 😫
  • John Elkann presidente della Ferrari è come Cristina D'Avena presidente del Teatro alla Scala o Rocco Casalino consulente del capo del governo italiano ..... Ehm no, questo è successo davvero!!! ... (-_-) ....... Quanto al resto, nulla di nuovo da quel che venne enunciato a suo tempo da Marchionne, a parte la messa in dubbio di Camilleri della fattibilità di certi obiettivi (penso alle 10.000 unità/anno invece delle 7.000 previste da Montezemolo). Si continuerà con le GT, le serie speciali a tiratura limitata e poi arriverà il Suv ma che non vogliono si chiami così, il mercato è quello che chiede e quello debbono produrre, del resto già la FF ha rappresentato una rottura col passato con quel suo portellone da mezza Station Wagon. ...... Circa l'ibrido nei powertrain, anche li non ci vedo nulla di clamoroso (e di scandaloso per qualcuno), da sempre la ricaduta sulle auto stradali della tecnologia usata in F1 è stata prioritaria per la Ferrari, in questo caso si prendono 2 piccioni con una fava, c'è il Know How delle corse che aiuta pure nell'obbligatoria riduzione delle emissioni (ameno quelle omologate, poi nella realtà è un'altro discorso). Fin qui la strada era stata segnata da chi cera prima, il difficile per Camilleri sarà programmare quel futuro più lontano nel tempo....
     Leggi risposte
  • Beh, l'ultimo modello Ferrari non ibrido, così come l'ultimo modello Ferrari dotato di motore a combustione interna, avranno valore collezionistico tra qualche decennio.
     Leggi risposte
  • Beh, l'ultimo modello Ferrari non ibrido, così come l'ultimo modello Ferrari dotato di motore a combustione interna, avranno valore collezionistico tra qualche decennio.
  • Beh, l'ultimo modello Ferrari non ibrido, così come l'ultimo modello Ferrari dotato di motore a combustione interna, avranno valore collezionistico tra qualche decennio.
  • Beh, l'ultimo modello Ferrari non ibrido, così come l'ultimo modello Ferrari dotato di motore a combustione interna, avranno valore collezionistico tra qualche decennio.
  • Beh, l'ultimo modello Ferrari non ibrido, così come l'ultimo modello Ferrari dotato di motore a combustione interna, avranno valore collezionistico tra qualche decennio.
  • Beh, l'ultimo modello Ferrari non ibrido, così come l'ultimo modello Ferrari dotato di motore a combustione interna, avranno valore collezionistico tra qualche decennio.
  • Beh, l'ultimo modello Ferrari non ibrido, così come l'ultimo modello Ferrari dotato di motore a combustione interna, avranno valore collezionistico tra qualche decennio.
  • Beh, l'ultimo modello Ferrari non ibrido, così come l'ultimo modello Ferrari dotato di motore a combustione interna, avranno valore collezionistico tra qualche decennio.