ISCRIVITI GRATIS
Ricevi gratis la rivista Fleet&Business e la Newsletter
Quattroruote Fleet&Business è la nuova rivista firmata Quattroruote pensata per chi, all’interno delle società, si occupa della mobilità del loro personale e della gestione dei veicoli aziendali.

con il supporto di
Noleggio

Program
Per chi sogna una Cadillac aziendale

Program
Per chi sogna una Cadillac aziendale
Chiudi

La stagione “ufficiale” delle Cadillac in Italia è durata poco, ai tempi in cui il marchio di lusso americano faceva parte del bouquet della GM europea, ma noleggiare una Suv del mito yankee ritorna possibile. Grazie alla partnership di Program Autonoleggio con l’importatore Cavauto e CSM 360, ci si potrà mettere al volante di una XT4 aziendale a partire da 670 euro al mese. La nuova collaborazione, infatti, ha l'obiettivo di promuovere i modelli Cadillac all'interno delle soluzioni di noleggio di Program, iniziando dalla Suv (americana, ma un pochino italiana, a partire dal motore). Il progetto parte dalla passione per le auto statunitensi di Cavauto, unico distributore riconosciuto di Cadillac in Italia, ma passa anche dall’assistenza assicurata dalle officine convenzionate su tutto il territorio nazionale. La Cadillac XT4 sarà disponibile in tre versioni, Luxury, Premium Luxury e Sport, con motori diesel o benzina, e trazione 2WD o 4WD. Il due litri a gasolio (da 174 CV e 381 Nm), non previsto negli States, è stato sviluppato a Torino dalla Global Propulsion System, una sorta di enclave industriale di General Motors in Europa Occidentale, sopravvissuta alla vendita di Opel e di Vauxhall Motors a PSA (in effetti, si tratta del centro di ingegneria e sviluppo fondato nel 2005 a seguito della scissione dell’alleanza con la Fiat e da allora responsabile della progettazione di tutti i motori diesel di GM per l’Asia, per l’America del Nord e del Sud: un polo insediato all’interno del Politecnico, con 750 dipendenti fra ingegneri e tecnici dedicato al diesel, che passa non solo per gli sviluppi tecnologici della meccanica, ma anche per le nuove centraline di controllo, per gli switch, per gli attuatori, per i sensori e soprattutto per il software che gestisce il motore).

Rivale di Audi e Jaguar.  “Cadillac rappresenta un'icona di stile e raffinatezza che, grazie a linee classiche e prestazioni eccellenti, riuscirà a conquistare i driver più esigenti”, auspica Andrea Bardini, direttore Operation di Program. Che sottolinea come le vetture del brand americano siano proposte in allestimento full optional, con costi inferiori alle concorrenti europee più blasonate. “Cadillac esprime appieno i valori di Program legati a qualità delle rifiniture e comodità, ma soprattutto alla sicurezza. Infatti, le vetture sono dotate dei principali ADAS e possono essere equipaggiate del Driver assist package, che rappresenta un safety pack 3.0”. La Cadillac XT4 diventa così una interessante novità per il mondo del noleggio europeo, inserendosi tra i segmenti Suv C e D, tra Volvo XC40, Jaguar E-Pace, Audi Q3 e Mercedes GLC.

Assistenza e prezzi. L’offerta di Cavauto e Program è completata da CSM 360, società che fornisce prodotti, servizi e consulenza nel settore automotive per la gestione del Full Fleet Management al fine di ottimizzare costi e tempi di fermo tecnico dei veicoli. CMS 360, infatti, garantisce una rete di assistenza integrata su tutto il territorio italiano. Inoltre, ha analizzato i punti di forza e di debolezza del brand Cadillac, riscontrandone la solidità e approvando la XT4 per il noleggio a lungo termine. Per quanto riguarda le tariffe di noleggio, si parte dai 670 euro mensili previsti con un anticipo di 3.000 euro, ai 750 se si preferisce eliminare l’anticipo. In ogni caso, rispetto ai canoni di Program, si tratta di prezzi inferiori di circa 80 euro mensili rispetto a un’Audi Q3 con equipaggiamento simile. Per ora, il noleggiatore fiorentino, che fa parte del gruppo inglese Salford Van Hire, inizierà con circa 20 esemplari di “Caddy” (da non confondere con il tuttofare della Volkswagen), ma l’accordo con Cavauto, specializzato anche nell’importazione di Chevrolet, Camaro e Corvette, nonché Dodge e RAM, potrebbe estendersi se l’iniziativa avrà successo.

COMMENTI