Nuovi Modelli

Peugeot 3008
Restyling di peso per la Suv francese

Peugeot 3008
Restyling di peso per la Suv francese
Chiudi

In meno di quattro anni ha conquistato il mercato e tanti clienti, anche in Italia. Ed è stata pure la prima Suv a essere eletta Auto dell’Anno nel 2017. Ora la Peugeot 3008 si aggiorna per restare ai vertici del segmento C a ruote alte. Il modello sarà ordinabile a partire dall’autunno e arriverà nelle concessionarie a gennaio 2021. La gamma sarà articolata in tre allestimenti: Active, Allure e GT, cui si affiancheranno i livelli intermedi dedicati “pack” (Active pack, eccetera). Andiamo allora a vedere dove si sono concentrati gli interventi del restyling.

Calandra a lamelle. Partiamo dall’esterno e dal frontale, ora caratterizzato da un’ampia calandra priva di cornice con motivo a scacchiera, che si estende inglobando i nuovi gruppi ottici a Led di serie su tutta la gamma. Sulla punta del cofano, inoltre, ora appare il numero del modello (mentre è scomparso il nome Peugeot dalla calandra). Per dare un tocco di maggiore sportività, sin dal primo allestimento sono stati introdotti un profilo a contrasto posto sotto alla presa d’aria inferiore e due prese laterali in nero lucido. Sui modelli GT e quelli dotati di GT Pack è presente pure una griglia dedicata con un motivo modulare per differenziare le versioni top di gamma, mentre i gruppi ottici full Led possono illuminare la parte interna della curva fino a 90 km/h. Nei “full Led” è da segnalare anche la funzione “Modalità nebbia” che ha sostituito i classici fari fendinebbia: in pratica, il sistema accende gli anabbaglianti in modo più tenue quando vengono attivati i retronebbia.

Luci in nero fumé. Nella coda troviamo luci ridisegnate dotate di tecnologia full Led (inclusa la luce di retromarcia), che si presentano con una copertura fumé e sono unite da una fascia in nero lucido lungo tutto il portellone. Per quanto riguarda i cerchi, sono da 17, 18 e 19 pollici, con gomme, rispettivamente, da 215/65, 225/55 e 205/55. La versione GT con pack, tra l’altro, adotta i 19” del tipo “San Francisco” diamantato. Le tinte di carrozzeria saranno sette, con due novità: Blu Celebes e Blu Vertigo.  

2020-Peugeot-3008-09

Nuovo monitor da 10”. L’aggiornamento riguarda anche l’abitacolo, dove spicca l’i-Cockpit evoluto che include la strumentazione digitale rialzata da 12,3”, completamente riconfigurabile, e il nuovo touch screen centrale da 10” a sbalzo, completo dei noti “toggles switches” (i tasti del pianoforte): tramite questi si può accedere direttamente alle funzioni principali, mentre nelle versioni ibride plug-in c’è un pulsante ad hoc che permette di entrare nel menu delle funzioni elettriche. Un sistema multimediale che è dotato di compatibilità MirrorScreen e dei protocolli di connessione Android Auto e Apple CarPlay. Per quanto riguarda la ricarica dei dispositivi, oltre alla “postazione” wireless opzionale, sono presenti una presa Usb nella prima fila di sedili e due nuove per la seconda. Inoltre, tutte le versioni equipaggiate con motore termico e cambio automatico propongono di serie il selettore per variare le modalità di guida (che sono Normal, Sport ed Eco). Per le varianti plug-in, si può scegliere tra le modalità 100% Elettrica, Ibrida, Sport e 4WD (solo per la Hybrid4). Nuove anche le finiture, a conferma di un ambiente ancora più raffinato: rivestimenti opzionali di pelle nappa rossa su versioni GT/GT pack; rivestimenti Mistral Black Tep/Alcantara su GT/GT pack; rivestimenti di pelle nappa Mistral con cuciture a contrasto; rivestimenti di mi-Tep e tessuto su Allure/Allure pack. Cui si affiancano differenti inserti di legno di tiglio scuro e alzacristalli con inserti cromati su GT/GT pack, oltre allo specchietto retrovisore privo di cornice.

2020-Peugeot-3008-08

Immagini a infrarossi. Anche in fatto di Adas la dotazione è cresciuta. Da segnalare il Night vision, che rileva pedoni di notte o in condizione di visibilità ridotta, ha una portata di circa 200-250 metri - superiore a quella dei gruppi ottici – e mostra l’immagine a infrarossi nella strumentazione digitale. C’è poi l’Adaptive cruise control con Stop&go, abbinato al cambio automatico Eat8: oltre a regolare la velocità in funzione del veicolo che precede, consente di arrestare l’auto e di farla ripartire da sola se lo stop è inferiore ai tre secondi (disponibile come parte del pacchetto Drive assist plus). Il Lane positioning assist, sempre abbinato al cruise adattivo, consente inoltre al driver di scegliere la posizione dell’auto all’interno della corsia e di mantenerla in automatico, richiedendo solo di tenere le mani sul volante (guida assistita di Livello 2). È ovviamente inclusa la frenata automatica d’emergenza, che rileva pedoni e ciclisti, di giorno e di notte, da 5 km/h fino a 140 (a seconda della versione), con avviso di rischio collisione.

Ibrida e termica. Sulla nuova 3008 sono disponibili due motorizzazioni ibride plug-in: la Hybrid4 300 e-Eat8, a trazione integrale, con autonomia in modalità elettrica fino a 59 km (ciclo Wltp) e la Hybrid 225 e-Eat8, a due ruote motrici, che marcia a zero emissioni fino a 56 km (Wltp). La prima è il risultato della combinazione tra un motore PureTech da 200 CV e due motori a batteria, uno per asse. La trazione 4WD, disponibile anche in modalità elettrica pura, offre un’aderenza ottimale sui fondi più diversi e difficili. La versione a trazione anteriore Hybrid da 225 CV combina invece un termico PureTech da 180 CV a un’unità elettrica da 110, collegata al cambio automatico Eat8. In entrambe le varianti la batteria agli ioni di litio (garantita per otto anni o 160.000 km) ha una capacità di 13,2 kWh, mentre sono disponibili due caricabatterie di bordo: uno di serie da 3,7 kW e l’altro in opzione, sempre monofase, da 7,4 kW. La 3008, inoltre, viene offerta anche con motori termici: i PureTech 1.2 tre cilindri turbobenzina da 130 CV, abbinati al cambio manuale a sei rapporti e all’automatico a otto, e il quattro cilindri 1.6 da 180 CV, solo con trasmissione automatica. Per quanto riguarda il diesel, l’1.5 quattro cilindri BlueHDi da 130 CV è disponibile in abbinamento al cambio manuale e automatico.

COMMENTI

  • gli unici motori davvero interessanti per questo veicolo sono gli HDI: il 1.5 da 130CV c'e', mentre non si parla del 2.0 HDI da 177CV gia' presente nella serie attuale non e' nominato. In ogni caso, bisognerebbe ripristinare la giusta via di mezzo 2.0 HDI da 150CV, scomparsa qualche mese fa. Poi, se volessero aggiungere un sistema mild-hybrid per consumare un po' meno, tanto di guadagnato
  • Ma le sospensioni sono sempre quelle di un'utilitaria economica?
  • Ottimo risultato , ora sembra più moderna , più dinamica , resta comunque la migliore del lotto !
  • Di fatto hanno cambiato solo il frontale, rendendolo più pesante e pasticciato. Come spesso succede quando si rinnovano auto dalla linea riuscita il restyling è peggiorativo...
  • proprio brutto questo restyling...sembra una koreana! forse vogliono invadere quel mercato....è proprio vero, come rovinare un auto.
     Leggi le risposte
  • restyling ben riuscito ma il 1.2 da 130cv mi sembra un po' sottodimensionato