Nuovi Modelli

Ferrari SP51
Niente tetto, muscoli in vista: una roadster pura su base 812 GTS

Ferrari SP51
Niente tetto, muscoli in vista: una roadster pura su base 812 GTS
Chiudi

Il programma Progetti Speciali della Ferrari ha dato vita a un nuovo esemplare unico: si tratta della Ferrari SP51, nata sulla base della 812 GTS e sviluppata seguendo i desideri di un collezionista di Taiwan che ha avuto accesso al più esclusivo programma di personalizzazione offerto dalla Casa. Nel corso di due anni, gli specialisti di Maranello hanno seguito il cliente nel percorso che ha definito ogni singolo dettaglio della vettura, sia dal punto di vista tecnico sia da quello stilistico. 

Roadster pura senza tetto. Il Centro Stile Ferrari ha sfruttato la base tecnica della 812 GTS, ma prima di tutto ha eliminato il sistema di chiusura del tetto: la biposto è dunque una roadster pura con una carrozzeria tipo Targa, per la quale è stata sviluppata un'aerodinamica dedicata per riprodurre il livello di rumorosità e turbolenze della GTS. Le forme sono più aggressive e muscolose rispetto alla donor car e sono sottolineate dalla livrea Rosso Passionale tristrato (ovviamente unico per questa vettura) con stripes bianco/blu e dai numerosi elementi di carbonio a vista. Quest'ultimo è stato utilizzato anche per il nuovo elemento sul cofano che integra gli sfoghi d'aria. Per la SP51 sono stati progettati anche fari anteriori specifici con luci diurne integrate, mentre i cerchi di lega con alettature di carbonio ricordano nello stile quelli della SP3 Daytona. Le due gobbe dietro ai sedili si congiungono con il profilo alare posteriore, sotto al quale si apre una fascia dove sono incastonati i quattro fari a Led. Il carbonio circonda l'intero perimetro inferiore della vettura e chiude l'arco superiore, con un effetto altamente scenografico. 

2022-ferrari-sp51-05

Le stripes ispirate alla 410 S entrano in abitacolo. L'interno è caratterizzato non solo dal contrasto tra il rosso Passuibale e il nero Momo Opaco dei rivestimenti di Alcantara, ma anche dalle tinte blu e bianco, che di fatto richiamano le stripes della carrozzeria nello spazio tra i due sedili e sulle cuciture del volante. I colori delle strisce sono un omaggio alla Ferrari 410S del 1955 carrozzata Scaglietti e nata per conquistare la Carrera Panamericana. Per i pannelli porta, per la plancia e per i fianchetti dei sedili è stato inoltre sviluppato un inserto di Kvadrat blu con cuciture bianche incrociate. Il bianco torna anche per i ricami del Cavallino sui poggiatesta.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Ferrari SP51 - Niente tetto, muscoli in vista: una roadster pura su base 812 GTS

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it