Primo contatto

Suzuki Swift Hybrid
Al volante delle versioni rinnovate Top e Sport

Suzuki Swift Hybrid
Al volante delle versioni rinnovate Top e Sport
Chiudi

La seconda generazione della Swift Hybrid contagia con gli elettroni anche la versione Sport e completa il passaggio all'ibrido della gamma attualmente commercializzata in Europa.

Trapianti di cuore. Il rinnovamento della famiglia Swift coinvolge solo marginalmente l’aspetto e la presentazione dell’abitacolo. Il reale aggiornamento riguarda i motori, ancora un 1.2 aspirato e un 1.4 sovralimentato, ma con ben poco in comune rispetto ai predecessori. Infatti, i propulsori sono stati concepiti per sintonizzarsi con la rete elettrica a 12V della Swift Hybrid, resa più efficiente da una batteria da 10 Ah anziché da 3, e con quella a 48V con cui lavora il gruppo motore elettrico-starter-generatore da 13,6 CV e 53 Nm di coppia della nuova Sport. Entrambe le unità sono meno potenti, ma hanno coppie diverse, disponibili prima e più a lungo. L'1.2 elettrificato ha debuttato recentemente con la nuova Ignis, mentre l'1.4 spinge le Suv S-Cross e Vitara. Non solo: recentemente, il motore ha permesso alla Swift Sport R1 di essere la prima ibrida al mondo a cimentarsi nei rally.

2020-suzuki-swift-sport-26

Al volante della Sport Hybrid. Basandosi sulla potenza, che passa da 140 a 129 CV, e sulla coppia, che cresce di soli 5 Nm (da 230 a 235) sebbene con picco a 2.000 e non a 2.500 giri, la metamorfosi che porta la Swift Sport nell’era dell'elettrificazione premia l’istintiva fruibilità in ogni situazione. Infatti, l'1.4 turbo si esprime senza esitazioni e corposamente sin dai bassi regimi grazie all’aiutino elettrico, ottimizzando la fluidità dell’erogazione e mantenendola costante sino a poco più di 5.000 giri per offrire, all’occorrenza, spinte decise. Senza scatenare scariche d’adrenalina, il powertrain risponde tempestivamente alle sollecitazioni dell’acceleratore e, nelle riprese, esenta dal ricorrere al gradevole cambio a sei marce, ereditato dalla Swift Sport precedente. La metamorfosi tecnologica fa sconfinare la massa di questa Swift appena sopra i 1.000 kg, mantenendola nella categoria pesi piuma. Anche con il mild hybrid, la verve della Sport resta apprezzabile (la velocità massima, tra l'altro, è sempre di 210 km/h); allo stesso tempo, il modulo ibrido permette di incrementare le percorrenze medie dichiarate da 17,8 a 21,3 km/l, con emissioni pari a 106 g/km. La fluida erogazione del motore, poi, ottimizza anche la motricità nella successione di curve ravvicinate, rendendo più efficace il comportamento della nuova Sport.  

2020-suzuki-swift-hybrid-14

Come va la nuova Hybrid Top. Anche la rinnovata Swift Hybrid, più tranquilla, rispecchia il carattere della versione uscente, riproponendone l’affidabilità e l’agilità. Sostanzialmente, la vettura si sposa ancora meglio col nuovo motore ibrido, il quale sviluppa 83 CV (anziché 90) e 107 Nm di coppia (invece di 120, disponibile però a 2.800 e non a 4.000 giri). L’interazione fra i numeri del nuovo powertrain si riflette positivamente sia sul rendimento, sia sulle percorrenze. Infatti, il primo soddisfa con la linearità delle risposte e l’apprezzabile brio in tutte le circostanze, sia quando deve spingere la versione a trazione anteriore o quella a quattro ruote motrici, sia quando s’interfaccia con la nuova trasmissione a variazione continua (dotata di paddle al volante) o col cambio manuale a cinque rapporti. L'unità elettrica, ai bassi regimi, genera accelerazioni e riprese più pronte e fluide. Capitolo consumi: il lavoro di squadra tra le unità del nuovo powertrain porta in dote alla Swift a due ruote motrici percorrenze medie dichiarate di 25,8 km/l con emissioni di 88 g/km di CO2, senza influire sulla velocità massima, che è sempre di 175 km/h.

Ben equipaggiate e in promozione. Le rinnovate Swift offrono una dotazione che include tanti Adas, fari full Led e tutto ciò che riguarda il confort, la connettivitá e la navigazione, a prescindere dall’allestimento. Per la Swift Hybrid sono previsti il Cool e il Top, l’unico disponibile per le versioni con il cambio a variazione continua e AllGrip. Questo filone è proposto a prezzi che vanno da 17.290 a 20.090 euro, ma in questo periodo gli incentivi e lo sconto incondizionato della Suzuki li riducono di 4.500 euro. L’agevolazione riguarda anche la Sport Hybrid, il cui listino parte da 23.850 euro.

COMMENTI