Sicurezza

Euro NCAP
I crash test di A3, i10, Sorento, Defender e Leon - VIDEO

Euro NCAP
I crash test di A3, i10, Sorento, Defender e Leon - VIDEO
Chiudi

L'Euro NCAP ha pubblicato i risultati dell'ultima sessione di crash test del 2020. L'ente europeo per la sicurezza ha preso in analisi sette nuovi modelli - le Audi A3, Hyundai i10, Honda e, Isuzu D-Max, Kia Sorento, Land Rover Defender e Seat Leon - aggiornando anche le valutazioni di altre vetture. Tra queste, l'elettrica Peugeot e-208 e le versioni ibride delle Peugeot 3008 e Renault Captur.

Le valutazioni. Nell'ultima tornata di collaudi non tutti i modelli sono stati promossi a pieni voti: a ottenere le ambite cinque stelle, il massimo della valutazione prevista dai protocolli Euro NCAP, sono state le Audi A3, Isuzu D-Max, Kia Sorento, Land Rover Defender e Seat Leon. L'elettrica Honda e ha raggiunto le quattro stelle, mentre la piccola Hyundai i10 si è fermata a tre: analizziamo modello per modello tutti i risultati dei crash test.

Audi A3. Nonostante la nuova generazione dell'Audi A3 sia disponibile anche in versione ibrida plug-in, per il momento l'Euro NCAP ha collaudato unicamente le motorizzazioni benzina e diesel della segmento C, rilevando un ottimo livello di sicurezza in tutti i test condotti. Grazie a una dotazione completa di sistemi di assistenza alla guida il voto nella sezione Safety assist è del 73%, cinque punti percentuali in più rispetto a quello dedicato alla protezione dei pedoni e dei ciclisti. Più alte le valutazioni sulla protezione degli occupanti adulti (89%) e bambini (81%), con le uniche criticità riscontrate nella marginale protezione del torace e della tibia del conducente in caso di urto frontale e del collo e del bacino nel caso dei bambini a bordo.  

Honda e. La piccola elettrica giapponese non è riuscita a conquistare le cinque stelle per via di alcune valutazioni che hanno inciso sul giudizio finale, come l'assenza dell'airbag centrale: in caso di scontro laterale, infatti, l'Euro NCAP ha rilevato un'eccessiva escursione del conducente verso il passeggero, con il conseguente pericolo di urto tra le teste dei due occupanti. L'ente ha classificato come "debole" la protezione garantita al femore destro del guidatore in caso di schianto frontale contro una barriera deformabile, non andando oltre al 76% nella valutazione riservata alla protezione degli occupanti adulti. Un po' più alta quella dei bambini, 82%, mentre i voti dedicati alla sicurezza degli utenti vulnerabili della strada e agli Adas si sono rispettivamente fermati al 62% (per via della particolare forma del frontale) e al 65% (per l'assenza di un sistema di monitoraggio del guidatore).

Hyundai i10. Le dimensioni ridotte e una "funzionalità limitata della frenata automatica d'emergenza rispetto ad altre citycar" (3,4 punti su 9) hanno fatto fermare a tre stelle la Hyundai i10. Sulla piccola coreana è stata evidenziata una "scarsa protezione del bacino del conducente" che, nelle prove di impatto frontale è "scivolato al di sotto della cintura di sicurezza". Per questo motivo e per la protezione della testa e del torace del conducente giudicata "debole", la valutazione riguardante gli occupanti adulti non è andata oltre il 69%. Il voto riservato ai bambini a bordo è stato del 75%, mentre quello di pedoni e ciclisti si è fermato al 52%, soprattutto per via del design dei montanti anteriori. Da segnalare un punteggio particolarmente alto (2,7 su 3) nel sistema di monitoraggio del conducente e la presenza di un e-call di seconda generazione: nonostante questi due particolari, tuttavia, il punteggio nella sezione Safety assist si è fermato al 59%.

Kia Sorento. Tra le vetture di questa sessione la Kia Sorento è stata quella che ha ottenuto il voto più alto (87%) nella sezione dedicata ai sistemi di assistenza e di sicurezza attiva. La Suv coreana si è distinta con valutazioni elevate anche nell'ambito della protezione dei passeggeri adulti (82%) e dei bambini (85%), facendo registrare un 63% nella sicurezza degli utenti vulnerabili della strada. Tra le poche criticità riscontrate si segnala quella sulla protezione del torace e del femore del guidatore negli scontri frontali, giudicata "debole", e quella del collo dei bambini seduti al posteriore, che l'ente ha descritto come "marginale".

Land Rover Defender. La nuova generazione della Land Rover Defender ha conquistato le cinque stelle Euro NCAP ottenendo valutazioni elevate in tutte le prove e conquistando il massimo punteggio disponibile nelle prove di protezione dei bambini a bordo e in quelle di scontro laterale con un palo. Nella sezione dedicata alla sicurezza degli occupanti la fuoristrada britannica ha ottenuto un 85% sia per gli adulti, sia per i bambini, fermandosi al 71% nella protezione di pedoni e ciclisti per via della forma del frontale, molto alto. Di buon livello anche le valutazioni della sezione Safety Assist (79%): le uniche imperfezioni sono state riscontrate sul sistema di controllo del conducente che ha ottenuto due punti sui tre disponibili.

Seat Leon. La regina dell'ultima sessione di crash test Euro NCAP è indubbiamente la nuova generazione della Seat Leon. La segmento C ha brillato soprattutto nei test volti a verificare la protezione garantita agli occupanti adulti (unica criticità la marginale protezione del torace del guidatore nello scontro frontale contro barriera), ottenendo un voto finale del 92%, un valore solitamente appannaggio di vetture appartenenti ai segmenti superiori. La cinque porte, provata nelle versioni benzina, diesel e ibride, ha brillato anche nella protezione passiva per i bambini (88%), ottenendo il massimo punteggio disponibile nelle prove di scontro laterale. Di ottimo livello anche la vautazione sulla protezione garantita a pedoni e ciclisti (71%) e quella sui Safety assist (80%) con il massimo punteggi nel sistema di monitoraggio del conducente.

Isuzu D-Max. Tra i vari modelli collaudati dall'Euro NCAP non sono presenti solo Suv e modelli compatti: nell'ultima sessione di crash test l'ente ha analizzato anche il comportamento di un pick-up, l'Isuzu D-Max, riscontrando buone valutazioni in tutte le prove e premiando la nuova generazione di questo modello con cinque stelle. La versione Crew Cab a quattro porte ha ottenuto l'84% nella protezione per gli occupanti adulti, l'86% per i bambini e il 69% per gli utenti vulnerabili della strada. D'alto livello anche la dotazione di Adas: nella sezione Safety Assist il D-Max ha raggiunto l'83% del punteggio totale, ottenendo tre punti su tre nelle prove riservate al sistema di monitoraggio del guidatore.

COMMENTI