Industria e Finanza

Nissan
Ghosn: "Probabile la bancarotta in due o tre anni"

Nissan
Ghosn: "Probabile la bancarotta in due o tre anni"
Chiudi

La Nissan "rischia la bancarotta nel giro di due o tre anni". A sostenerlo è stato l'ex numero uno della Casa giapponese Carlos Ghosn nel corso di un colloquio con l'ex procuratore giapponese Nobuo Gohara durante il suo periodo di detenzione.

Chi è Gohara. Gohara, che ha ricevuto da Ghosn il permesso di parlare delle loro conversazioni, scrive di argomenti giudiziari su un suo blog e sono frequenti le sue apparizioni televisive. Spesso critico nei confronti del sistema giudiziario nipponico, è intervenuto subito dopo l'arresto di Ghosn per lanciare pesanti accuse contro una giustizia che, a suo avviso, rende gli arrestati dei veri e propri ostaggi delle autorità inquirenti. Negli ultimi mesi ha incontrato l'ex manager cinque volte per discutere di vari argomenti oggetto di un libro che originariamente doveva essere pubblicato il 20 aprile, in concomitanza con l'avvio di un processo che rischia di non aver più luogo dopo la fuga in Libano dell'ex numero uno della Renault e della Nissan. Il loro ultimo incontro è avvenuto due giorni prima della fuga.

La teoria del complotto. "Mi ha detto che la Nissan, probabilmente, fallirà entro due o tre anni", ha affermato Gohara nel corso di una conferenza stampa, sottolineando che l'ex numero uno della Casa giapponese non ha fornito spiegazioni sulla sua profezia. Attualmente il costruttore giapponese è alle prese con serie difficoltà: il calo delle vendite in Cina e in Europa, unito alla scarsa redditività delle attività statunitensi, ha spinto i vertici a tagliare le stime sugli utili e il fatturato nel corrente esercizio fiscale (si chiude il 31 marzo) e a lanciare un piano di ristrutturazione con il taglio di 12.500 posti di lavoro in tutto il mondo. I problemi della Nissan sono stati evidenziati proprio da Ghosn nella conferenza stampa di Beirut in cui ha accusato la magistratura di Tokyo e il costruttore di aver orchestrato un complotto per rimuoverlo da tutte le cariche e per bloccare il suo progetto di fusione con la Renault. "La Nissan e i pubblici ministeri hanno lavorato insieme per avviare un procedimento penale contro Ghosn", ha ribadito Gohara. In Giappone rimane Greg Kelly, ex dirigente e stretto collaboratore dell'ex presidente, arrestato per gli stessi reati addebitati a Ghosn. "Le possibilità di Kelly di dimostrare la sua innocenza sono buone perché sono in gioco le stesse questioni sia per Kelly che per Ghosn", ha sostenuto l'avvocato giapponese. "L'innocenza di Kelly significherà che anche Ghosn è innocente".

Le nuove accuse della Nissan. L'ex manager di origini libanesi ha sempre respinto tutte le accuse, a partire dalla presunta evasione fiscale fino all'uso indebito di fondi aziendali. Durante la conferenza stampa ha anche mostrato alcuni documenti per dimostrare la sua innocenza. La Nissan, però, continua ad accusare il suo ex presidente di aver distratto fondi per miliardi di yen per un uso esclusivamente personale. Un rapporto inviato pochi giorni fa alla Borsa di Tokyo descrive nei dettagli i risultati dell'indagine interna sulla condotta di Ghosn: secondo la Casa giapponese, la joint venture olandese Renault-Nissan BV avrebbe, per esempio, sborsato 3,9 milioni di euro (470 miliardi di yen) per sostenere regali e spese non legate alle attività aziendali, tra cui l'ormai famosa festa di compleanno a Versailles, gli inviti di personaggi di riguardo al carnevale di Rio de Janeiro e al Festival del Cinema di Cannes, l'acquisto di gioielli di lusso Cartier e gli onorari di uno studio legale in Libano, dove la Nissan è assente. Inoltre, la joint venture avrebbe donato 2,37 milioni di euro a 10 scuole e organizzazioni non profit del Paese mediorientale. Ghosn e la sua famiglia hanno anche usato jet aziendali di proprietà della Nissan e della Renault per scopi privati: i giapponesi avrebbero sostenuto costi per quattro milioni di euro e la joint venture per 5,1 milioni.   

La questione FCA. Oggi, in un'intervista a Repubblica, l'ex manager è tornato anche a parlare della fusione tra la Fiat Chrysler e la Renault: "So che era una grande opportunità e che eravamo a buon punto: era un accordo imperdibile, ma chi mi ha sostituito è riuscito a farselo sfuggire". "Io ero in carcere, non so rispondere", replica Ghosn alla domanda su chi abbia lavorato per fermare l'operazione. A Beirut aveva anche rivelato come alla fusione avesse iniziato a lavorare tra il 2017 e l’inizio del 2019. Sui suoi rapporti con la Fiat emerge un altro particolare. Ghosn, infatti, avrebbe ricevuto un'offerta dal Lingotto per diventare amministratore delegato prima della nomina di Marchionne nel 2004: "Mi arrivò una telefonata, ma avevo appena iniziato il rilancio di Nissan ed era impossibile lasciare".

COMMENTI

  • ghosn ora rasenta il ridicolo: invece di rivelare vecchi retroscena e augurare disgrazie future ai suoi nemici, farbbe meglio ad analizzare cosa ha sbagliato nella sua gestione di un gruppo parso più un'accozzaglia di brand piuttosto che un'organica struttura orientata verso un obiettivo comune e condiviso.
  • Mi auguro che il sig. Gohara non venga ora incriminato ed imprigionato per qualche ipotetico misfatto: il "sistema" Giappone non perdona
  • PS: In una nazione come quella statunitense, di cui New York e le altre metropoli sono il 10% (cifra bassa a caso), i truck hanno il loro senso di esistere ed essere comprati e ricomprati. Con o senza cappello da cowboy e Budweiser fuori dal finestrino. Lo stesso non si può dire dei vari giganti che fino a qualche tempo fa riempivano le nostre città. Il troppo stroppia. E arrivò Greta.
  • Evidentemente qualcuno non ha colto il mio sarcasmo, non importa. Ebbene, Nissan riesumata da Renault ora si trova in una posizione commercialmente migliore rispetto ai "quasi proprietari" francesi. Brand che vende in tutto il mondo e un buon margine di vantaggio sul capitolo EV con la Leaf che è stata l'apripista nella categoria. Però i conti non tornano. Si parla di ottimizzazione dei costi: non so cosa possano ancora ottimizzare se bene o male le piattaforme e i motori sono sempre quelli. Forse mi sbaglio ed il 1.5 montato sulla Clio non è quello della Micra. E neppure il pianale. Quindi per "ottimizzare i costi" non rimangono che i licenziamenti (già paventati). Guardando in giro vedo che comunque tutte le aziende si stanno affaccendando nel siglare accordi per le componentistiche (micro e macro) in modo da abbattere i costi. Tutti. I reparti R&D sono i primi che si vedono arrivare le famose letterine di passaparola. Il paradosso che sia Renault che PSA spingevano per l'accordo con FCA interessati principalmente al mercato truck (giusto Vin?) dovrebbe far riflettere. Nell'automotive, l'unico settore che permette tranquilli utili è quello più arretrato: i dinosauri pick up. Non sono forse le motorizzazioni a verde quelle che stanno raccogliendo più di tutte gli esodati dal turbodiesel?? Io lo considero un passo indietro. Un ritorno ai dinosauri. Ma c'è chi queste cose non le vuole proprio sentir dire. Dulcis in fundo, per tastare lo stato d'animo del settore la recente sparata di Diess: se non ci muoviamo ad innovare faremo la fine di Nokia. Nessuna attinenza. Infatti il n.1 VW non considera 2 punti fondamentali: 1. Il colosso dei telefoni finlandese si è lasciato travolgere dal mercato che richiedeva smartphone, trovandosi completamente impreparato da un'improvviso cambiamento della domanda. 2. La rivoluzione EV, al contrario, viene dall'alto, dai legislatori. Dall'umore di una parte dell'opinione pubblica stufa di vedere pachidermici suv intasare le strade urbane (altro che dieselgate...). Quindi il legislatore spinto da parte del popolino vuole i cambiamenti, ma il settore non sa ancora dove andare a parare per rientrare nei parametri. Ecco che nasce una Ferrari ibrida, che sacrifica le performance per poter entrare in città green (giusto-2 Vin?). Ibrida, Ibrida plug-in, EV, EV con batterie solide, Fuel Cell?? Qual'è la strada giusta da scegliere? Tenete bene a mente che l'instabilità brucia valanghe di denaro. Ed in questo momento di instabilità in questo settore ce n'è da qualsiasi parte ci si volti, mentre denaro da buttare penso molto meno.
     Leggi risposte
  • @Ruggero. Temo che il paradosso che citi: "...chi ha investito meno si quello messo meglio." rispecchi precisamente lo stato dell'industria. Anche perche' chi speso molto o moltissimo, tpo BMW o Audi, ha speso male.
  • La "fabbrica di rottami" non tanto tempo fa gli avevano fatto pure il funerale ma toh... è viva è vegeta...miraculo... Una cosa che qui dentro molti non hanno ancora imparato che quello che "si vede" è scenico rispetto a quello che non è dato vedere, ne sentire...
  • Sacc nu tacc, tacc nu sacc
  • Approfittare è una logica di pensiero molto diffusa. Detto questo, la Nissan soffrirà certamente la conversione all'elettrico, ma è quella messa meglio! ;)
  • RUGGERO ACQUE , spiegami meglio, sono curioso. La domanda non ha retorica o polemica di sorta.
  • Nissan rischia il fallimento in 2-3 anni??...l'occasione della fusione con FCA un'incredibile occasione persa?? (cit.)...Ma è scemo questo?? Cosa va dicendo?? Solo un matto sarebbe convolato a nozze con la fabbrica rottami. Dovrebbero internarlo in manicomio, non in prigione. Altrimenti, mi sorge un dubbio: che le aziende produttrici di auto siano tutte con l'acqua alla gola, e che paradossalmente, chi ha investito meno si quello messo meglio. Ma certi dubbi, meglio che me li tenga per me. Altrimenti qualche impiegato statale tifoso tedesco o qualche altro fenomeno da scrivania si inc###a. Sai com'è, a troppa gente non entra in zucca che saper fare il pane migliore del mondo non significa necessariamente fare palate di soldi con la panetteria. Lasciamoli bollire nel loro brodo, visto che va di moda la tematica alimentare.
     Leggi risposte
  • Ghosn ovviamente parla "pro domo sua" ma parrebbe che anche i numeri avvalorino la sua tesi. Prese il controllo dell'azienda giappa che era claudicante e l'ha portata ai primi posti mondiali insieme alle "sorelle" dell'alleanza, ora senza di lui sta sta tornando al punto di partenza. ...... Ultima nota, lo accusano di essersi indebitamente appropriato negli anni e a vario titolo di 4 milioni di euro, quando uno nella sua posizione ne percepisce legalmente più del doppio ogni singolo anno, per lui parliamo veramente di "argent de poche". Basti pensare che un "insignificante" Mike Manley ha venduto il 25% di sue stock options FCA e ne ha ricavato più di 3 milioni....
  • Piccolo refuso dove si parla di milardi di euro distratti....penso siano miliardi di Yen
  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22643/Thumb Nissan Juke.jpg Nissan Juke 2019: meno curve, più tecnologia http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/nissan-juke-2019-meno-curve-pi-tecnologia Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/22389/poster_002.jpg Ariya e IMK: ecco il futuro di Nissan http://tv.quattroruote.it/eventi/tokyo-2019/video/salone-di-tokyo-2019-nissan-ariya-e-imk Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22347/juke-temp3.jpg Al volante della nuova Nissan Juke, ecco come va! http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/nissan-juke-premiere-1-1-mp4 Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22248/thumb leaf blu.jpg Nissan Leaf E+: l'autonomia cresce ma i tempi di ricarica... http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/nissan-leaf-e-l-autonomia-cresce-ma-i-tempi-di-ricarica- Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21871/THUMB NISSAN MICRA.jpg Nissan Micra: la prova del 1.0 turbo con cambio Cvt http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/nissan-micra-la-prova-del-1-0-turbo-con-cambio-cvt Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/21458/poster_008.jpg A Ginevra con Paolo Massai: mica tutti gli ibridi sono uguali! http://tv.quattroruote.it/eventi/ginevra-2019/video/ibride-con-massai-mp4 Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21433/WhatsApp Image 2019-03-06 at 16.30.25.jpeg Nissan IMq: ecco come sarà la prossima Qashqai http://tv.quattroruote.it/eventi/ginevra-2019/video/nissan-imq-ecco-come-sar-la-prossima-qashqai Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/21272/poster_001.jpg La Nissan rende visibile l'invisibile al Ces di Las Vegas http://tv.quattroruote.it/eventi/ces-2019/video/la-nissan-rende-visibile-l-invisibile-al-ces-di-las-vegas Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20802/poster_0081.jpg Nissan Qashqai: ecco come funziona il Pro Pilot http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/prova-nissan-qashqai-pro-pilot-mp4 Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20250/poster_002.jpg Nuova Nissan Leaf: la prova di Paolo Massai http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/nuova-nissan-leaf-la-prova-di-paolo-massai Prove

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca