Industria e Finanza

Rolls-Royce
Record storico di vendite: "Con il Covid enorme domanda per il lusso"

Rolls-Royce
Record storico di vendite: "Con il Covid enorme domanda per il lusso"
Chiudi

Il 2021 passerà alla storia come uno dei migliori anni per i piccoli costruttori inglesi, dalla Rolls-Royce alla Bentley, dall’Aston Martin alla Lotus. I dati di vendita parlano chiaro: la Casa di Goodwood non ha mai venduto tanto nei suoi 117 anni di storia. lnfatti, le consegne hanno raggiunto il massimo storico di 5.586 unità, grazie a una crescita di ben il 49% sul 2020 e a risultati record in tutte le principali aree di mercato e per l’intera gamma prodotto, a partire dalla Ghost.

Anno fenomenale. L’azienda, oggi di proprietà del gruppo BMW, è riuscita anche a riempire il suo libro-ordini fino al terzo trimestre del 2022, grazie anche alla domanda sempre elevata per la Cullinan e la Phantom. Inoltre, lo stabilimento di Goodwood sta operando quasi al massimo della capacità, ma i tempi di consegna rimangono sempre di circa un anno. La Casa inglese ha poi definito “eccezionali” i risultati del programma Provenance dedicato alle usate e da “record” quello per le personalizzazioni (nel corso dell’anno sono state create la Phantom Oribe com la maison Hermès, la Phantom Tempus, la Black Badge Wraith e la Black Badge Dawn Landspeed Collection). "Il 2021 è stato un anno fenomenale per Rolls-Royce Motor Cars. Abbiamo consegnato più auto che mai nei 117 anni di storia del marchio, con una domanda senza precedenti per tutti i prodotti in ogni mercato globale”, ha commentato l'amministratore delegato Torsten Müller-Ötvös, parlando di performance "estremamente incoraggianti” in vista del lancio entro la fine del 2023 della Spectre, la prima auto a batteria del marchio della Vittoria Alata. La vettura, di cui sono stati svelate alcuni dettagli a settembre, è nel pieno di una fase di collaudi che prevede la percorrenza di 2,5 milioni di chilometri e la simulazione di oltre 400 anni di utilizzo di una Rolls-Royce.

La spinta del Covid. Il boom di vendite della Casa inglese fa, ovviamente, da contraltare a quanto patito dai grandi costruttori del mass-market, penalizzati soprattutto dalla crisi dei chip e dalle difficoltà di approvvigionamento di materie prime, e quindi alle prese con un pesante crollo delle vendite. Del resto, il settore del lusso, anche per i numeri contenuti e per il particolare bacino di clientela, è storicamente immune dai problemi affrontati dai grandi costruttori. Lo dimostrano i numeri di altri produttori di nicchia del Regno Unito: la Bentley ha registrato un massimo storico con 14.659 consegne e un +31% sul 2020. La Lotus ha chiuso l’anno con un +24% e 1.710 vendite, il miglior risultato dal 2011, mentre l’Aston Martin ha messo a segno una crescita di ben l'82% a 6.182 unità. "Nel settore del lusso, la lotta non si è concentrata tanto sul tentativo di trovare clienti, quanto sull’assemblaggio di un numero di prodotti sufficiente a soddisfare l'enorme domanda dei clienti", ha ammesso alla Reuters Müller-Ötvös, fornendo un’ulteriore spiegazione: "Il Covid ha costretto molte persone a fermarsi, a non viaggiare più e per questo motivo c'è un bel po' di ricchezza accumulata e che viene spesa in beni di lusso e noi ne abbiamo approfittato”. Non solo: Müller-Ötvös ha posto l’accento anche su un effetto psicologico legato alla pandemia: “Molta gente ha visto morire diverse persone all'interno delle proprie comunità a causa del Covid, il che li ha spinti a pensare a quanto possa essere breve la vita e a quanto sia meglio viverla ora piuttosto che rimandare certe scelte". Anche questo ha fornito una spinta "abbastanza forte" alle vendite della Rolls-Royce. 

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Rolls-Royce - Record storico di vendite: "Con il Covid enorme domanda per il lusso"

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it