Industria e Finanza

Russia
La Toyota chiude l’impianto di San Pietroburgo

Russia
La Toyota chiude l’impianto di San Pietroburgo
Chiudi

La Toyota ha deciso di fermare le attività industriali nel suo impianto di San Pietroburgo, in Russia, a causa delle conseguenze della guerra in Ucraina. La Casa giapponese, che lo scorso marzo aveva sospeso la produzione in seguito ai problemi della catena di approvvigionamento e bloccato le importazioni di veicoli sul mercato russo, ha attribuito la decisione di chiudere la fabbrica alle difficoltà nel riavviare normalmente le attività e all’incertezza sulla possibilità di un futuro riavvio operativo. Inoltre, sarà avviato un programma di riorganizzazione e ristrutturazione degli uffici di Mosca.

Un futuro incerto. Stando a quanto comunicato dal Ministero dell’Industria e del Commercio russo, la Toyota si è impegnata a garantire l'adempimento di tutti gli obblighi sociali nei confronti dei dipendenti e a versare al personale una “significativa” buonuscita. Inoltre, manterrà i servizi post-vendita dei marchi Toyota e Lexus e la rete di concessionari in Russia. Per l’impianto di San Pietroburgo, che ha una capacità di 100 mila unità l’anno e assembla i modelli Camry e RAV4, si aprono ora diverse opzioni, tra cui la possibilità di una cessione, come già avvenuto nel caso della Renault: lo stabilimento di Mosca e il controllo della AvtoVaz sono passati a enti pubblici russi. A tal proposito, il ministero dell'Industria e del Commercio ha annunciato di aver avviato, insieme alla municipalità di San Pietroburgo, lo studio dei possibili scenari per lo sviluppo del sito.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Russia - La Toyota chiude l’impianto di San Pietroburgo

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it