BMW M5 Competition 2020: prezzo, motore e prestazioni del restyling - Quattroruote.it
Nuovi Modelli

BMW M5
Con il facelift è ancora più grintosa

BMW M5
Con il facelift è ancora più grintosa
Chiudi

Dopo aver presentato il corposo restyling che ha rinnovato la Serie 5, la BMW ha svelato anche la versione aggiornata della M5. La berlina ad alte prestazioni conferma la meccanica della versione uscente, ulteriormente affinata per rendere ancor più sportiva e grintosa la cinque porte di Monaco. Non mancano diverse novità dal punto di vista tecnologico, oltre agli aggiornamenti estetici: in Germania la quattro porte sarà ordinabile con prezzi a partire da 120.900 euro, ai quali bisognerà aggiungere 9.000 euro per avere la versione Competition.

Dettagli da Serie 8. Il nuovo look cela diverse modifiche tecniche, che spaziano dalla messa a punto del telaio all’utilizzo di ammortizzatori derivati dalla sorella maggiore M8 Gran Coupé. Le modifiche all’assetto garantiscono una miglior tenuta di strada assicurando anche un incremento del confort di marcia. Oltre al cofano motore d’alluminio, al tetto di fibra di carbonio e ai nuovi paraurti specifici, con dettagli High-gloss Black per la Competition, è infatti presente una versione aggiornata del sistema a trazione integrale M xDrive con Active M Differential. Come sul modello uscente, il guidatore può selezionare diverse modalità di funzionamento della trasmissione, passando dalle quattro ruote motrici alla sola trazione posteriore. Di serie sono previsti dei cerchi di lega da 19" (da 20" sulla Competition) con un impianto frenante M Compound con dischi forati e ventilati abbinati a pinze anteriori a sei pompanti. A richiesta sono disponibili anche dischi carboceramici che garantiscono un risparmio di peso di 23 chilogrammi e promettono migliori prestazioni e una maggiore resistenza al fading.

Da 0 a 100 km/h in poco più di tre secondi. Il propulsore è lo stesso V8 biturbo di 4.4 litri già utilizzato da altri modelli di Monaco, garante di una potenza massima di 600 CV per la M5 e di 625 CV per la M5 Competition (dotata anche di supporti motore specifici), in entrambi i casi erogata a 6.000 giri/min. Identica è anche la coppia, 750 Nm, disponibile dai 1.800 ai 5.600 giri/min (5.860 per la Competition), così come le modalità di guida Efficient, Sport e Sport+, attivabili tramite i nuovi pulsanti sulla console centrale derivati dalla M8, e il cambio automatico M Steptronic a otto rapporti. Grazie alla trazione integrale la M5 riesce a scattare da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi e da 0 a 200 km/h in 11,1 secondi, dati che scendono rispettivamente a 3,3 e 10,8 secondi per la Competition. Entrambe le vetture hanno una velocità massima limitata elettronicamente a 250 km/h, ma con il pacchetto M Driver’s possono arrivare a toccare i 305 km/h.

2020-BMW-M5-Competition-04

La tecnologia al servizio delle prestazioni. La BMW ha sviluppato anche nuovi dettagli tecnologici pensati per migliorare ulteriormente le prestazioni e il piacere di guida. Lo scarico, per esempio, è dotato di valvole a controllo elettronico pensate per variare l’intensità del suono del motore a seconda della modalità di guida e dell’impostazione dell’M Sound Control. L’head-up display, invece, ha una modalità di funzionamento specifica per la guida sportiva, nella quale vengono eliminate tutte le informazioni superflue per permettere al guidatore di evitare distrazioni inutili. Tutte le dotazioni disponibili sulla nuova BMW Serie 5 sono proposte anche sulla M5, a partire dagli Adas Driving Assistant Professional fino al nuovo infotainment connesso con schermo da 12,3”.

Nuovi colori e optional. Oltre agli aggiornamenti tecnici ed estetici la BMW ha introdotto nuove possibilità di personalizzazione. I clienti hanno ora a disposizione cinque tinte in più per la carrozzeria: Brands Hatch Grey, Motegi Red, Tanzanite Blue II, Aventurine Red II e matt Frozen Bluestone metallic. Il colore Champagne Quartz metallic è stato ribattezzato Alvit Grey Metallic, mentre all’interno dell’abitacolo sono disponibili due differenti tipologie di sedile. Di serie sono infatti previste delle sedute a regolazione elettrica rivestite di pelle Merino, ma a richiesta sono disponibili anche dei sedili sportivi multifunzione con poggiatesta integrati e logo M5 retroilluminato.

COMMENTI

  • Per me rimane la peggiore M5. Ok potenza, prestazioni, trazione integrale disinseribile ma il tutto non lo trovo cosí armonico ed emozionante come le serie precedenti fino alla E60. Per risparmiare si é potenziato il V8 normale, quando prima erano sviluppati ad hoc i 6 cilindri, il V8 e il V10. Si é aggiunta la trazione integrale andando ad aumentare il peso inutilmente e togliendo la purezza della sola trazione posteriore. In piú anche esteticamente é eccessiva, dove prima, pur essendo auto sportive, mantenevano comunque una certa discrezione. In poche parole il troppo storpia.
  • Macchina da intenditori !
  • Non so in Italia, ma qui in Svizzera te le tirano dietro, sconti del 30% sono standard. È un scatolone di oltre 2 tonnellate e la divisione M fino ad oggi non è riuscita ad implementare su nessuna delle loro vetture il retrotreno sterzante❗️Un “gadget” di cui tutti gli altri modelli della gamma dispongono 🤷🏻‍♂️ non molto tempo fa sulla TV tedesca hanno fatto dei test, con queste vetture cosiddette sportive contro una 911, che ridere ... okay va be, come vuoi che vada a finire in un gara dove dei obesi a rischio cardiopalma corrono dietro ad un atleta ... lo so viviamo in un mondo dove sti’ cosi da due tonnellate ed oltre, non importa se limousine o SUV vengono reputati sportivi. La gente crede che il piacere di guida sia andare a 300 km/h sulla Autobahn, ridicolo come mettere del ketchup su una bistecca fiorentina ... come terapia d’urto consiglio un giro in un Alfa 4C 😃 il mondo è pieno di fantastiche strade di montagna 🏔
     Leggi risposte
  • Non manca molto alla uscita della "i5", meno potente ma più al passo con i tempi. Costerà anche meno, questo V8 non ha neanche un aiuto elettrico.
     Leggi risposte
  • Un gran bel missile. Mi spiace solo che in Bmw non abbiano voluto produrre la M5 in versione station wagon come invece fanno Audi con RS6 e Mercedes con la E Amg, perchè se e quando si avvererà la profezia dei teslisti che tutti compreranno le elettriche e queste sportive si svaluteranno al prezzo del ferro, conto di metterne una nel mio box..... idem per la Giulia Quadrifoglio, ci fosse stata la station sarebbe stata una seria candidata.......