Nuovi Modelli

Lotus
In arrivo una nuova generazione di sportive

Lotus
In arrivo una nuova generazione di sportive
Chiudi

La collaborazione tra la Lotus e la Alpine non porterà solo alla nascita di un'elettrica erede della A110, ma anche di una sportiva con il marchio di Hethel. Le due Case puntano a lanciare questi nuovi modelli, entrambi basati sullo stesso telaio d'alluminio, nel 2025, ma il marchio britannico ha in serbo molte altre novità, alcune delle quali saranno svelate nei prossimi mesi. Oltre alla hypercar elettrica Evija, della quale saranno realizzati 130 esemplari, la Casa lancerà entro l'estate la Type 131, una sportiva con motore endotermico della quale ancora si conoscono pochi dettagli: l'arrivo sul mercato è previsto per il 2022. Sempre quest'anno usciranno di scena le Elise, Evora ed Exige, che verranno sostituite da nuovi modelli: per il momento, tuttavia, la Casa non ha confermato se i nomi resteranno invariati, limitandosi a pubblicare un teaser nel quale è possibile intuire la firma luminosa che caratterizzerà i fari delle nuove due posti. Non ci sono invece nuove informazioni sulla Suv elettrica che dovrebbe sfruttare le sinergie interne al gruppo Geely, attuale proprietario della Lotus: questo modello sarà comunque cruciale per raggiungere l'obiettivo delle 5.000 vetture all'anno previsto.

Fabbriche aggiornate. Per prepararsi all'arrivo dei nuovi modelli, la Lotus ha anche rivisto l'organizzazione delle proprie fabbriche. Negli scorsi giorni la Casa ha avviato la produzione dei telai d'alluminio nel nuovo stabilimento da 12.300 metri quadrati di Norwich, a pochi chilometri dalla storica sede del marchio, che nel corso del 2021 produrrà circa 1.500 telai grazie al lavoro di 125 addetti. La nuova fabbrica è già predisposta per lavorare anche sui futuri modelli che la Casa inglese ha in programma, per i quali anche le linee di assemblaggio di Hethel saranno aggiornate con un investimento di 112 milioni di euro. Verranno anche assunti 250 nuovi operai, che si andranno ad aggiungere ai 670 che attualmente si occupano dell'assemblaggio delle Elise, Evora ed Exige, la cui produzione terminerà quest'anno. Tramite la sezione Lotus Engineering, inoltre, l'azienda britannica punta a offrire alcune delle proprie tecnologie ad altri costruttori, come già fatto in passato con la Tesla Roadster, nata sulla base della Lotus Elise. Parlando di elettriche, la piattaforma della sportiva compatta attesa per il 2025 sarà offerta anche ad altre Case.

Lotus-Alpine e la Formula 1. La nuova collaborazione tra la Lotus e la Alpine, un tempo concorrenti, potrebbe persino arrivare al mondo del motorsport. Per il momento non ci sono piani precisi, ma già nella prossima stagione di Formula 1 il marchio francese sostituirà la Renault: visti i contatti tra il marchio transalpino e la Casa di Hethel, non è dunque da escludere che prima o poi la Lotus possa tornare nella massima serie, nella quale ha dettato legge per molto tempo.

COMMENTI