Nuovi Modelli

BMW M5 CS
635 CV per la nuova serie limitata

BMW M5 CS
635 CV per la nuova serie limitata
Chiudi

Più sportiva, più lussuosa, più esclusiva. Così la BMW descrive la M5 CS, nuova punta di diamante dell'offerta sportiva di Monaco che segue la formula Club Sport già vista sulle sorelle minori M2 CS, M3 CS e M4 CS. Alleggerita e dotata di un motore più potente, la berlina ad alte prestazioni sarà proposta come serie speciale a tiratura limitata. In Italia arriverà in primavera con un prezzo di partenza in linea con la sua esclusività: 204.900 euro.

Quattro ruote motrici, altrettanti posti singoli. La M5 CS conferma il cambio automatico M Steptronic a otto rapporti e la trazione integrale intelligente M xDrive con modalità a due ruote motrici abbinata a una versione aggiornata del V8 biturbo già impiegato da diversi modelli del reparto M. Il propulsore di 4.4 litri arriva a erogare 635 CV, dieci in più rispetto alla M5 Performance. L'incremento di potenza si abbina a un alleggerimento di 70 kg, ottenuto anche grazie alla modifica del divano posteriore: la M5 CS, infatti, può ospitare solo quattro persone, con i passeggeri della seconda fila seduti su due sedili singoli. Così, la quattro porte ad alte prestazioni arriva a toccare i 100 km/h da fermo in tre secondi netti, i 200 km/h in 10,4 secondi e si spinge fino a una velocità massima limitata elettronicamente a 305 km/h.

2021-BMW-M5-CS-04

Più leggera grazie al carbonio. I tecnici della BMW hanno aggiornato anche molti altri dettagli meccanici della vettura, a partire dall'assetto, ritarato e dotato di nuove molle a cuscinetto per entrambi gli assi. Il telaio è stato irrigidito e di serie sono previsti dei cerchi forgiati da 20" con canale differenziato e pneumatici P Zero Corsa da 275/35 all'anteriore e da 285/35 al posteriore, mentre i freni sfruttano dischi carboceramici. Per ridurre il peso della vettura di 70 kg il reparto M è intervenuto su diverse parti della carrozzeria: cofano, splitter anteriore, calotte dei retrovisori esterni, spoiler posteriore, diffusore posteriore, copertura del vano motore e silenziatore di aspirazione sono di materiale composito, più precisamente plastica rinforzata con fibra di carbonio (Cfrp). L'impianto di scarico, invece, è d'acciaio inossidabile.

2021-BMW-M5-CS-16

Sguardo da corsa. La BMW non si è limitata ad aggiornare la meccanica della quattro porte, ma ha personalizzato anche interni ed esterni della vettura. I fari BMW Laser Led propongono luci diurne gialle ispirate alle GT di Monaco che corrono nei vari campionati a livello mondiale, mentre alcune finiture di paraurti e carrozzeria sono in tinta Gold Bronze, la stessa dei cerchi. All'interno dell'abitacolo sono presenti due sedili di fibra di carbonio rivestiti di pelle Merino Nera con cuciture rosse a contrasto e logo M5 retroilluminato nel poggiatesta, dove è riportato anche il profilo del circuito tedesco del Nürburgring. Il volante sportivo è rivestito d'Alcantara, mentre i paddle sono di fibra di carbonio: il bracciolo centrale, infine, è stato sostituito con una copertura fissa per limare ulteriormente qualche grammo di peso.

COMMENTI

  • Ho un'amore viscerale per questa macchina da quando ero piccolo e avevamo una E34 3800 in famiglia.. Quanti bei ricordi.. Bellissima, però tornerei alla trazione posteriore, e perchè no cambio manuale.
  • Potevano alleggerirla ancora di 70 kg togliendo la trazione integrale! Direi che questa versione della M5, per me, non ha nulla a che fare con il concetto che dovrebbe avere la M5: berlina sportiva, usufruibile ma non estrema (come la E34, E39, E60). Questa la vedo una tamarrata, a cominciare dalle luci diurne gialle. Non una M5 da strada ma solo da pista.