Nuovi Modelli

Gruppo Hyundai
La Ioniq 5 diventa un robotaxi

Gruppo Hyundai
La Ioniq 5 diventa un robotaxi
Chiudi

Il gruppo Hyundai ha svelato il suo primo robotaxi. Il veicolo, che debutterà all’IAA Mobility di Monaco, è basato sull’elettrica Ioniq 5 ed è stato progettato in collaborazione con Motional, una joint venture costituita nel marzo 2020 dallo stesso costruttore coreano e da Aptiv (azienda operante nel campo delle tecnologie per i componenti automobilistici e la mobilità incorporata) con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo di sistemi di guida autonoma.

Livello 4. Le Ioniq 5 allestite da Motional sono dotate di oltre 30 sensori - tra cui telecamere, radar e Lidar - che permettono alle vetture di "vedere" a 360 gradi, registrando immagini ad alta risoluzione e rilevando oggetti a lungo raggio. Questa dotazione permette ai robotaxi di essere classificati come veicoli ad "automazione elevata", ossia il livello 4 della scala Sae: significa che una vettura può guidare autonomamente solo in determinati contesti, per esempio in alcuni quartieri della città o lungo delle specifiche arterie. Non si tratta, dunque, di auto completamente "driverless", perché non sono in grado di funzionare in modo del tutto automatizzato in ogni ambiente e su ogni tipo di strada.

2021-hyundai-ioni5-5-robotaxi-02

Sicurezza al centro. Le due società, inoltre, hanno posto l’accento sulla sicurezza, progettando ogni funzione - come il sistema di navigazione, lo sterzo e l’impianto frenante - affinché sia ridondante. Oltre a ciò, Motional sarà anche in grado di fornire un servizio di assistenza in remoto qualora i robotaxi dovessero incontrare uno scenario stradale insolito, come dei lavori in corso. In tal caso, un operatore potrebbe connettersi istantaneamente al veicolo e indirizzarlo su un nuovo percorso.

Su strada dal 2023. I robotaxi inizieranno a trasportare i primi passeggeri a partire dal 2023, grazie a una partnership siglata con Lyft, una società di ride-hailing che sta già sperimentando questo tipo di veicoli altamente automatizzati. Inizialmente le Ioniq 5 saranno impegnate solo negli Stati Uniti, ma l’obiettivo è portarle sulle strade delle città di tutto il mondo nel minor tempo possibile.

COMMENTI