Diretta evoluzione della "3200 GT", di cui conserva, a grandi linee, solo l'impostazione stilistica, questa "Coupé" è l'auto del vero rilancio Maserati: per scoprirla in ogni dettaglio, l'abbiamo messa decisamente alla frusta, guidandola a lungo su strada e in pista.

La vettura è spinta da un generoso motore V8 di 4.2 litri da 287 kW-390 CV a 7000 giri al minuto, con una coppia massima di 451 Nm a 4500 giri, abbinato alla trasmissione "Cambiocorsa", elettroattuata a sei rapporti. Nell'abitacolo, diciamolo subito, perché è una delle vere sorprese del test, si sta comodi. Questa è una fra le poche coupé vere a offrire spazio per quattro persone: si sta bene anche dietro.

Passando a informazioni più significative per un'auto del genere, su strada (e in pista) la "Coupé" è davvero entusiasmante. La tenuta è sempre elevata, l'inserimento in curva rapido e la motricità garantita dall'efficace controllo della trazione Asr (di serie). L'Esp non è disponibile neppure a pagamento, ma non pare necessario, vista la buona risposta della sportiva Maserati anche alle sollecitazioni più brusche. Il pezzo forte, comunque, è il propulsore: potente, prontissimo, ha una sonorità emozionante e permette alla vettura del Tridente di spuntare tempi notevoli in accelerazione e ripresa.

Ovvio che a queste prestazioni corrispondano consumi altrettanto degni di nota: il V8 è davvero assetato e nell'uso normale è difficile riuscire a percorrere più di 5-6 chilometri con un litro di carburante. Fortunatamente, il serbatoio di quasi 90 litri sopperisce in parte a questa carenza, garantendo una buona autonomia di marcia.