Curiosità

Le Mans '66
Ford v Ferrari, un perfetto spettacolo hollywoodiano

Le Mans '66
Ford v Ferrari, un perfetto spettacolo hollywoodiano
Chiudi

Fare film sulle corse d’auto è facile. E infatti ce ne sono tanti. Fare film belli sulle corse d’auto è difficile. E infatti si contano sulle dita di una mano. Una volta risolto il non banale problema di ricreare in modo sufficientemente credibile il pathos, l’adrenalina e l’agonismo che delle competizioni sono il carburante primo, c’è il fatto che queste opere costano una fortuna, per la difficoltà tecnica insita nel realizzarli. Così, se si hanno le risorse (organizzative, registiche e artistiche) per permettersi produzioni ad altissimo livello vengono fuori capolavori da hall of fame del cinema. Se non si hanno, o si concepisce il motorsport come pretesto per pensose introspezioni psicologiche, o se si vuole fare soltanto casino per impedire al pubblico di appisolarsi, il risultato sono inevitabilmente inverosimili polpettoni che ti fanno venir voglia di lasciare la sala o cambiare canale. Linea rossa 7000, 24 Ore di Le Mans, Destino sull’asfalto e Grand Prix (il cui virtuosismo tecnico, con uno split-screen portato all’esasperazione per essere visto nella gloria del 70 millimetri, lo rende oggi inguardabile in tv), forse anche il più recente Rush appartengono alla prima categoria; lascio alla vostra sensibilità artistica decidere chi appartenga alla seconda. Visto il cancan mediatico che è esploso (già si parla di candidatura all’Oscar) abbiamo dunque ritenuto doveroso – perché il giornalismo-verità è anche sacrificio e perché certi fenomeno vanno capiti dove nascono – volare a Hollywood per comprendere se Le Mans ’66-La grande sfida (in America, per ragioni sconosciute, è didascalicamente intitolato Ford v Ferrari) merita di diritto di entrare nella top ten degli appassionati. (Non è vero: siamo a Los Angeles per la preview della Mach-E e per farci assorbire il jet lag la Ford ci ha portato ai Fox studios a svagarci).

2019-Ford-GT40

La Ford GT 40 protagonista dell'impresa

Non è un documentario. Il soggetto si conosce: è la storia di quando – nei primi anni 60 – a Henry Ford II (figlio di Edsel, nipote del patron Henry), opportunamente inzigato dall‘arrembante wop Lee Iacocca e voglioso di regalare un tocco d’esotismo alla propria vocazione mass market, venne in mente di comprarsi la Ferrari. Ricevuto lo sdegnoso rifiuto del Commendatore, che pure fu lì lì per cedere alla generosissima offerta degli americani (10 milioni di dollari), l’erede della dinastia decise allora di vendicarsi, sferrando l’assalto all’egemonia del Cavallino sul terreno di gara più prestigioso. Le Mans, appunto. Ora, il maniaco di macchine, di fronte a una vicenda che ha fatto la storia dell’automobile e di cui si conoscono tutti i particolari, non può esimersi dal guardare il film con l’occhiuto zelo dell’osservatore scientifico. Ed è uno sbaglio. Questo non è un documentario: è un prodotto pensato per il grande pubblico, in cui la precisione filologica è spesso sacrificata all’esigenza di coinvolgere lo spettatore. Quindi, meglio sorvolare sulle marchiane imprecisioni storiche, che pure non sono poche (la presenza di Ferrari a Le Mans, una certa confusione cronologica, qualche ingenuità geografica come le palme californiane in quella che dovrebbe essere Fiorano o la villa torinese di Gianni Agnelli a pochi metri dalla costiera amalfitana, il fatto che fu come m’informa Carlo Cavicchi fu Filmer Paradise, presidente di Ford Italia, e non Iacocca, a iniziare le trattative con lo stesso Ferrari eccetera) e godersi senza pregiudizi un filmone hollywoodiano girato con straordinaria generosità di mezzi.

2019-LeMans-5

Scritto bene e girato meglio. Certo, vedendo lo svolgimento della trama, verrebbe da dire che il titolo avrebbe dovuto essere Ford v Shelby. Gli sceneggiatori, infatti, hanno puntato molto sulla lotta di potere all’interno dell’azienda: a parte Iacocca, sembra che l’intero management – a partire dall’uomo di marketing Leo Beebe (un ottimo Josh Lucas) e dal big boss Ford (Tracy Letts, che a un certo punto esplode a piangere per la paura presa su un prototipo: la lacrime più inaspettate dall’anno cinematografico) – non faccia altro che boicottare il progetto affidato a Carroll Shelby (un Matt Damon texanissimo), chiamato in virtù delle sue esperienze a Le Mans a sviluppare quella che poi sarà conosciuta come GT 40. Fatto salvo l’espediente narrativo, utile a disegnare una parabola di altalenanti fortune prima dell’apoteosi all’edizione ’66 della gara francese, gli autori di Hollywood si confermano eccezionali nella caratterizzazione dei personaggi. Fra cui primeggia la mai abbastanza apprezzata figura di Ken Miles (Christian Bale, a cui è finalmente concesso di recitare con il proprio accento britannico: ma nel doppiaggio si perderà), fortissimo pilota inglese tutta casa, famiglia e officina che della GT 40 fu il primo collaudatore. Non vogliamo togliervi il piacere di sprofondare in due ore e mezza di puro orgasmico ottanico e acustico (i rombi degli otto cilindri spesso sovrastano tutto) raccontandovi come si snoda la vicenda (come va a finire, con l’arrivo in parata delle tre GT 40, è storia). Al netto dell’inevitabile spettacolarizzazione delle scene di gara, che spesso ricorrono alla computer generated imaginery per dare un senso della velocità impossibile da ottenere con le camere normali, in cui imperano i sorpassi a 200 miglia all’ora alla Michel Vaillant – scalando marcia, affondando l’acceleratore e guardando negli occhi l’altro pilota – è un film di inappuntabile professionalità, scritto benissimo e girato pure meglio.

COMMENTI

  • Io sono andato al cinema a vederlo. E mi sono goduto tutto il film da inizio a fine! Non è appunto un documentario, quindi inutile aspettarsi la riproduzione storica di eventi e fatti. Dopo questa doverosa premessa, si apprezza almeno personalmente, la storia, il racconto, pathos, ma sopratutto quello che rimane poi dentro, l'emotività di un racconto che se pur hollywoodiano (è subito da mettere in conto!), riesce a penetrare nella sensibilità dello spettatore. Quindi il film funziona! Ed è questo quello che deve saper fare un film. Poi Matt Damon e Cristhian Bale, fanno molto bene la loro parte. Poi, prima di ogni commento, è sano ed opportuno prenderne almeno visione...
  • Non lo andrò a vedere. Perché devo uscire dalla sala frustrato con scena finale della sconfitta tipo rocky? Va bene che per celebrare la loro unica vittoria in 50 anni devono veramente considerare la Ferrari come l'emblema stesso del mito automobilistico sportivo, ma se voglio soffrire guardo il GP dove Vettel butta fuori Leclerc...
     Leggi risposte
  • Vorrei esprimere tutta la mia umana solidarietà a Gian Luca Pellegrini per l'enorme "sacrificio" di aver dovuto volare fino ad Hollywood in nome del "giornalismo/verità", come dire, è uno sporco lavoro ma bisogna che qualcuno lo faccia comunque. ..... (-_-) ..... Battute a parte, concordo che per un vero appassionato di corse motoristiche vedere film sulla ricostruzione di eventi di cui si conosce già storia ed epilogo non è semplice, e nel mio caso raramente (meglio, quasi mai) ne esco con un giudizio positivo. ..... Senza averlo ancora visto, da quel che leggo mi pare di capire che la ricostruzione dei fatti è stata pensata ad uso e consumo dello spettatore yankee, un pò come la squadra di calcio che perde 3 a 1 ma rimarca l'attenzione solo sul gol che hanno segnato loro...... Cmq appena posso cercherò di vederlo, magari in formato qualitativamente accettabile quindi evitando lo Streaming (pirata?) di prima mano....
  • il sequel, immagino, sarà Daytona 67...
  • Ci sono una serie di stupidaggini,soprattutto nella seconda parte,che sfiorano il ridicolo,anzi,vanno oltre. LM sembra una gara da pilota singolo,Enzo Ferrari di persona a LM,la solita caratterizzazione degli italiani,Bandini,forse perchè appunto italiano,nemico N1,quando era con Guichet in quello che oggi definiremmo un equipaggio pro am,quando furono Rodriguez e Ginther la maggiore minaccia per Ford,ma soprattutto nn viene mai messo in evidenza che c'erano 8 Gt40 Mk2 contro 3 330P3. Shelby che pensa solo a consolare Miles invece di esultare per la doppietta del suo team,Miles che fa il record quando il gpv lo fece Gurney... E'vero nn è un film per nerd del motorsport,nn è un documentario,ma si sta parlando di un episodio realmente accaduto,quindi un po'piu'di aderenza alla realta'è necessaria. Cmq è vedibile,la prima parte è interessante e resta molto 'professionale' come girato
  • Visto (senza andare a Hollywood): molto bello e avvincente, anche se con qualche inesattezza, una su tutte il fatto che Ken Miles non ascoltò da una radio la cronaca della 24 ore di Le Mans '65 dall'officina di Shelby, ma andò a Le Mans, e corse pure, fino a ritirarsi per la rottura del cambio...). Comunque un film da andare a vedere, soprattutto se si è appassionati di corse, ma non solo...
  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19600/poster_001.jpg LS+ Concept, l'autonoma secondo Lexus http://tv.quattroruote.it/news/video/lexus-ls-concept News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg Mini Clubman John Cooper Works: mai così potente http://tv.quattroruote.it/news/video/mini-clubman-john-cooper-works-mai-cos-potente News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/22535/2019-ford-mustang-mach-e-00312.jpg Ford Mustang Mach-E: ecco com'è http://tv.quattroruote.it/news/video/ford-mustang-mach-e-ecco-com- News

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca