Nuovi Modelli

BMW iX
Tutti i dettagli sulla nuova Suv a batteria

BMW iX
Tutti i dettagli sulla nuova Suv a batteria
Chiudi

La BMW svela i dettagli tecnici definitivi della iX e conferma per la fine del 2021 l'avvio delle vendite. La Suv elettrica, che non avrà corrispondenti endotermiche, sarà proposta nelle versioni xDrive40 ed xDrive50 con prezzi per il mercato tedesco che partono da 77.300 euro, un valore allineato con quello della X5 di pari allestimento.

65 km in più di autonomia grazie all'aerodinamica. Con tre metri di passo a fronte di circa cinque metri di lunghezza totale, la iX offre caratteristiche uniche rispetto alle altre Suv BMW della famiglia X, confermando un rapporto inedito tra ingombri e spazio interno. La piattaforma specifica per il powertrain elettrico ha permesso infatti di ridurre al minimo gli ingombri della meccanica e il design è stato concepito di conseguenza: dall'interno verso l'esterno. Le forme sono minimaliste e diverse da quelle di tutte le altre BMW di oggi, senza dimenticare l'importanza dell'efficienza aerodinamica: la iX ha infatti un Cx di 0,25 e nella griglia frontale chiusa sono ora integrati tutti i sensori degli Adas per una maggiore pulizia dell'insieme. La BMW ha calcolato che l'Active Flap anteriore di terza generazione consente da solo di guadagnare circa 25 km di autonomia su una carica, mentre sono 15 i km guadagnati lavorando sull'affinamento delle Air Curtains e Air Blades e 10 quelli ottenuti sigillando il sottoscocca e favorendo il lavoro del diffusore. Optando per i cerchi di lega Air Performance da 21" o 22", che offrono anche una massa ridotta del 15%, è possibile guadagnare altri 15 km di autonomia per ogni carica.

Il rispetto dell'ambiente dalla A alla Z. Nel descrivere la iX la BMW fa leva sull'ecosistema che circonda il progetto, citando non solo le batterie a basso contenuto di materie nobili, ma anche la scelta di produrle in fabbriche di ultima generazione alimentate con energie rinnovabili. Non mancano alluminio e plastica riciclata per la scocca e per i componenti secondari, mentre per gli arredi interni la Casa ha optato per nuovi materiali più rispettosi dell'ambiente. La BMW ha chiesto anche a un ente indipendente di certificare la Carbon Footprint della iX xDrive40: il risultato è un valore inferiore del 45% rispetto a una Suv tradizionale nell'arco di 200.000 km.

300 o 500 CV e fino a 600 km di autonomia. La iX sarà inizialmente disponibile in due allestimenti a doppio motore: la xDrive40 da 300 CV e la xDrive50 da 500 CV, con consumi medi Wltp inferiori a 21 kWh per la più potente e a 20 kWh per la entry level. Diverse anche le prestazioni, con meno di sei secondi per toccare i 100 km/h per il modello da 300 CV e un secondo in meno per quella da 500 CV. La tecnologia eDrive di quinta generazione, che ha permesso di ridurre ingombri e peso dei componenti elettronici, e la densità di energia aumentata del 20% per le batterie contribuiscono a ottenere, secondo le previsioni della Casa, valori di autonomia elevati: oltre 400 km per la xDrive40 con batterie da 70 kWh e più di 600 km per la xDrive50 con accumulatori da 100 kWh.

2021-BMW-iX-11

120 km di autonomia in 10 minuti. Il differente livello di potenza ed equipaggiamento della iX crea anche un divario dal punto di vista dei tempi e della modalità di ricarica. La versione 40 accede infatti a sistemi fino a 150 kW, mentre quella superiore anche a quelli da 200 kW. Per entrambe è possibile raggiungere l'80% della carica in meno di 40 minuti, mentre con il sistema più potente si guadagnano fino a 120 km di autonomia in 10 minuti. Per la ricarica con Wallbox è invece previsto a bordo un sistema a 11 kW.

Risposta sportiva, recupero dl'energia variabile. Secondo la BMW, la scelta di motori sincroni riprogettati per ottenere un'efficienza del 93% ha permesso di ottenere una risposta immediata e sportiva ai comandi e un'ampia disponibilità di coppia in un range elevato di giri. La trasmissione monomarcia è integrata nei due motori e la ripartizione della coppia tra gli assi, in assenza di una connessione fisica, è gestita dall'elettronica di bordo. Quest'ultima controlla anche il recupero d'energia adattivo in base alle condizioni di guida, al percorso immesso nel sistema di navigazione e ai sensori di bordo, offrendo per esempio un maggiore rallentamento in prossimità di un incrocio. Il guidatore può in alternativa gestire manualmente il sistema secondo le modalità High, Medium e Low, oppure posizionando la trasmissione in B e ottenendo la guida "one-pedal".

2021-BMW-iX-13

5G e sistema operativo 8.0. La piattaforma tecnologica della iX apre la strada a future evoluzioni dei servizi di bordo grazie a una capacità di calcolo superiore di 20 volte rispetto alla generazione precedente e alla connettività 5G. La iX è quindi già predisposta per poter offrire funzionalità aggiuntive nel campo dell'infotainment e dell'assistenza alla guida. In particolare, la Suv porta al debutto il BMW Operating System 8 gestito da un nuovo schermo curvo con struttura di magnesio che integra il display da 12,3" della strumentazione e quello da 14,9" dell'infotainment con BMW Intelligent Personal Assistant. Oltre ai comandi touch e vocali sono previsti anche quelli impartiti dal classico iDrive, mantenendo così un legame con la tradizione.

Il tetto elettrocromatico e gli altri accessori. La iX offrirà ai clienti molteplici possibilità di personalizzazione, a cominciare dalle tinte esterne opache e lucide fino agli abbinamenti cromatici interni. I clienti potranno contare anche sullo Sport Package opzionale che aggiunge paraurti e minigonne specifici con inserti nero lucido, cerchi di lega aerodinamici da 21" e impianto frenante Sport con pinze blu. Tra gli accessori a richiesta spiccano anche l'impianto audio Bowers & Wilkins da 1.615 Watt con 30 diffusori, alcuni dei quali integrati nei poggiatesta e nella struttura dei sedili, il bracciolo centrale riscaldabile, la corona del volante esagonale riscaldabile su tre livelli e il tetto panoramico con funzione elettrocromatica che consente di non installare la tendina tradizionale e scherma automaticamente l'interno della vettura quando viene parcheggiata.

COMMENTI

  • Mamma mia ...... Bmw non riesce proprio più a sfornare modelli magari normali ma decenti come linea ! ma qualcuno a Monaco non si pone domande?
  • Sarò l'unico ma questa suv mi piace. Abbastanza tamarra fuori al contrario delle solite linee insipide a "uovo" per risparmiare cx, e innovativa dentro senza tralasciare il tocco giusto dei comandi fisici. Sicuramente le versioni normali avranno sedili umani lasciando quelli trapuntati da pappone ai più snob.
     Leggi le risposte
  • Ottima notizia per chi, per effetto della ormai obbligatoria transizione elettrica, dovrà sostituire la sua economicissima Fiat Panda…..
  • Sono curioso di vedere ancora per quanto tempo BMW continuerà a difendere a spada tratta questo nuovo corso stilistico
  • Non voglio sembrare pedante o ripetitivo, ma mi preme tornare su un concetto. L'elettrico puro, a batteria, è congeniale a due soli tipi di vettura: super-sportive (uso occasionale, da weekend, pochi km/anno, fruizione "lenta", simbiosi con l'auto, tempo e voglia di badare alle ricariche anche in viaggio), e piccole caffettiere da città (uso quotidiano, ma con pochi km al giorno). Nel secondo caso, in particolare, danno il meglio, perché si possono sfruttare progettualmente le frecce all'arco delle EV, se si ha il coraggio di ripensare le proporzioni dell'oggetto automobile: sbalzi inesistenti, cofano corto o non pervenuto, tanto spazio interno in meno di 4 metri, peso non eccessivo, meccanica semplificata. Riguardo a queste "sberle" da 5 metri e 2,5 - 2,7 ton., di cui 0,7 - 1,0 ton. di pacco batterie, non le considero nemmeno. Sono figlie di un'epoca di transizione, in cui non si sa bene cosa proporre al mercato e - soprattutto - ai debosciati di Bruxelles. saranno dinosauri in meno di una decade. Autonomie appena accettabili richiedono pacchi batteria inauditi e non sostenibili dal punto di vista ambientale, industriale, tecnico, infrastrutturale. Non è la strada giusta: procediamo oltre e guardiamo più lontano, ché l'Italia è fatta di tanti centri medio-piccoli (per fortuna!), e veicoli in grado di percorrere una certa distanza serviranno sempre e comunque. Le batterie usiamole per la micro-mobilità di quartiere, non per l'automobile che si merita di meglio.
     Leggi le risposte
  • D'accordo farla SUV, ma se questa è una BMW... Per disarmonia e pesantezza delle forme, ricorda da vicino le Renault Gran-Espace anni '90, che però almeno offrivano tanto volume a poco prezzo. Con tali concorrenti, la Tesla Model Y in Europa farà "tabula rasa".
  • imbarazzante
  • Non posso che unirmi agli unanimi commenti negativi. Non mi piace nemmeno l'interno con quel megaschermo stile Mercedes. Non che io sia interessato all'elettrico nel prossimo futuro, ma da cliente Bmw una realizzazione del genere mi delude moltissimo.
  • Matri che brutta!
  • Le BMW e Mercedes più belle hanno disegnato designer italiani e francesi (Bruno Sacco , Paul Bracq.. ) Questa iX....è semplicemente imbarazzante...!!
  • Domanda tecnica...che senso ha un motore da 500CV o anche 300CV? Non conosco a sufficienza i motori elettrici, ma un motore da 200CV non consumerebbe meno?
     Leggi le risposte
  • i sedili anteriori dalla sembianza umanoide con la bocca aperta per lo stupore, sono ridicoli.
  • Lo posso dire? È la BMW più brutta mai costruita. Mi dispiace ma penso che non sia nemmeno il fattore di "vedere dal vivo", perché penso, con i suoi 5 metri, sarà ancora peggio . Anche se è proprio frontale "nei colori scuri" (vedi foto 17/45) la parte più riuscita.
  • Ma questi fanno sul serio? Davvero, e poi c'è chi critica la nuova C4, che bella non sarà, ma un completo orrore come è questa Bmw di certo non è. Ma che succede a Monaco? Erano le mie "tedesche" preferite... dagli anni 2000 in poi un baratro senza fine.
  • Cmq gli interni sembrano tanto Mercedes.....
  • L'hanno fatta brutta e cara apposta per non venderla, probabilmente ci vanno in rimessa ma l'elettrica la dovevano fare.
  • Ormai sono troppe le BMW degli ultimi anni esteticamente discutibili e non si tratta più di giudizi soggettivi. Purtroppo dopo Chris Bangle, salvo poche eccezioni, è stata una sequela di modelli esteticamente imbarazzanti che, se nati con un altro brand, sarebbero stati un flop totale. Da tempo mi aspetto che la proprietà prenda provvedimenti, ma se va bene a loro che ne capiscono più di me...
     Leggi le risposte
  • Se fosse brutta, satebbe già un passo avanti.
  • Linea davvero terribile!
  • E' a dir poco orrenda. La nuova Kia EV6 è 10 volte meglio di questa.
     Leggi le risposte
  • Una delle più brutte BMW di sempre! Chi come me è innamorato di questo marchio SOFFRE!
  • mamma ma è inguardabile..
  • Concedetemi un neologismo: "Deautomobilizzazione". Tra un po´ ci si chiederá se BMW costruisce ancora automobili (e non é l´unica).
     Leggi le risposte
  • Sugli interni nulla da dire, sugli esterni, mamma mia, la prima immagine e' proprio inguardabile, sembra uscita da un articolo di una rivista di auto dove quando non hanno immagine reale di una vettura che verra' ci piazzano un photoshop di un modello con pezzi incollati di altre auto. E poi come e' possibile che la variante piu' pesante , ci tiri fuori un autonomia il 50% superiore da una batteria con capienza del 40% maggiore?
     Leggi le risposte
  • Se il consumo è 21 kwh/100km e la batteria è da 100 kwh l'autonomia risulta di 100/21*100 = 476 km. Perchè allora dichiarano che è maggiore di 600 km?
     Leggi le risposte
  • Ho avuto la stessa impressione di quando vidi per la prima volta la ssangyong kyron: che auto inguardabile (per non dire peggio...). Però .. dai... almeno costa poco... ;) 😂
  • Il nuovo corso stilistico di BMW è a dir poco imbarazzante. L'idea è che alle matite ci sia un tamarro fino a poco fa dedito al tuning
     Leggi le risposte
  • Gli estrattori posteriori e le prese d’aria anteriori?
  • Mettendo da parte qualsiasi considerazione sulla bontà del progetto, che dire della linea...e non diciamo niente che è meglio
  • Per completare il capolavoro potevamo proporre le ruote, esagonali, come il volante