Eventi

Jean-Philippe Imparato
Il nuovo ceo dell'Alfa Romeo al volante della Giulia GTAm

Jean-Philippe Imparato
Il nuovo ceo dell'Alfa Romeo al volante della Giulia GTAm
Chiudi

Wow. Sono bastate tre lettere a Jean-Philippe Imparato, nuovo ceo dell'Alfa Romeo, per descrivere la sua prima esperienza in pista a bordo della Giulia GTAm, la versione più sportiva della berlina del Biscione. A pochi giorni dalla sua visita agli stabilimenti di Cassino e Pomigliano d'Arco, il manager francese ha trascorso una giornata in pista a Balocco, guidando la quattro porte da 540 CV tra i cordoli che l'hanno vista nascere e che sono tutt'oggi impiegati dai tecnici dei vari marchi dell'orbita FCA per sviluppare i nuovi modelli.

Entusiasta. Al termine della sua esperienza, Imparato ha pubblicato su Twitter alcune immagini che lo ritraggono al volante della sportiva di Arese, accompagnate da un messaggio che lascia trasparire il suo entusiasmo: "Wow. Che emozione mettersi al volante per testare le fantastiche performance dell'Alfa Romeo Giulia GTAm sull'iconico circuito di prova di Balocco! È stato un piacere incontrare gli ingegneri di questo straordinario progetto in fase di sviluppo sulla pista di Balocco, come molte delle nostre leggende del passato".

Più leggera e potente. Alla base del progetto GTA c'è la stessa filosofia che ha dato vita a questa sigla, acronimo di Gran Turismo Alleggerita: la versione più estrema della Giulia è infatti più leggera di 100 kg rispetto alla Quadrifoglio da cui deriva, ma è anche più potente di 30 CV, per un totale di 540. Ne conseguono prestazioni elevatissime: per lo 0-100 km/h bastano infatti solo 3,6 secondi, un crono reso possibile dal launch control integrato nel cambio automatico a otto rapporti, unica trasmissione disponibile per questo modello. La trazione posteriore più performante di Arese sarà prodotta in soli 500 esemplari, ognuno dei quali proposto con un prezzo di partenza di 175 mila euro, che sale a 180 mila nel caso della GTAm.

COMMENTI

  • Non capisco l entusiasmo di tanti commenti. È venuto, ha passato 3 ore, ha dato un contentino.. Poi vede la redditività di quel prodotto, e lo taglia.
  • Se non è solo marketing (faccio vedere che ci sono e ci credo), è un ottimo segnale. Però quando si parla di "rilancio del biscione" è bene essere diffidenti: di marchionnate ne abbiamo viste abbastanza
  • Questo signore è arrivato da poco quindi è giusto che si stia ambientando, ma a breve ci attendiamo anche i fatti concreti oltre ai tweet altrimenti farà come i predecessori......
  • Ormai lo dicono tutti le testate giornalistiche e vari del settore che questa auto , che può piacere oppure no di stile, è la migliore di tutte le auto in commercio in fatto di guida, dalla base alla più esagerata. Ma io dico , ma perchè non le fanno tutte cosi le auto con questo feeling di guida. è possibile che solo i ricchi devono godersi questa guida?
     Leggi le risposte
  • Perchè non prova una 2.2 160 CV al parcheggio dell'Esselunga? così si rende conto che non serve la quadrifoglio per attirare gli sguardi. Bastano i colpi secchi che emettono gli pnumatici a fondo sterzo per l'errato angolo di Ackerman quando saltellano. E non ditemi che il tutto è fatto per una particolare geometria..bla bla bla: è inaccettabile. Saluti
     Leggi le risposte
  • il nuovo Ceo si sta divertendo molto tra pista e musei. Speriamo che segua anche un vero rilancio del marchio e Alfa non sia solo un parco divertimenti.
  • Naturalmente nn è al livello di un pilota pro,ma sa quello che fa,ha corso con Tavares nel VLN e ha fatto sempre con lui la N24 nel '20