Industria e Finanza

Renault
Nasce il "Polo del Nord", si chiamerà ElectriCity

Renault
Nasce il "Polo del Nord", si chiamerà ElectriCity
Chiudi

La Renault ha firmato un accordo con le organizzazioni sindacali per la creazione del cosiddetto “Polo del Nord”. Con l’intesa nasce ufficialmente una nuova società, denominata Renault ElectriCity, che raggrupperà i siti industriali della Losanga nella regione Hauts-de-France.

2021-Renault-ElectriCity-01

Le assunzioni previste. La newco, interamente controllata dalla Renault, controllerà gli impianti di Douai, Maubeuge e Ruitz e potrà contare su quasi 5 mila dipendenti. La sua creazione rientra nel quadro del nuovo piano industriale Renaulution e ha l’obiettivo di rendere i tre siti più competitivi ed efficienti anche grazie a una capacità produttiva combinata di 400 mila veicoli elettrici l’anno. La Casa francese ha ora in programma di ammodernare le strutture industriali per prepararle a nuove produzioni e di creare 700 nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato tra il 2022 e la fine del 2024 (350 assunzioni a Maubeuge e altre 350 tra Douai e Ruitz).

Nuove produzioni. Con i sindacati sono stati concordati anche dei dettagli produttivi. Lo stabilimento di Douai, per esempio, produrrà dal 2021 il suo primo veicolo elettrico, la versione di serie della concept Mégane E-Vision, e un nuovo modello di segmento C sfruttando la piattaforma modulare Cmf-Ev dell’Alleanza con la Nissan e la Mitsubishi. Sarà inoltre installata una seconda piattaforma, la Cmf-B Ev, dedicata all'industrializzazione dei veicoli di segmento B: la Casa, tramite il presidente Jean-Dominique Senard, si è già impegnata ad assegnare alla fabbrica la riedizione a batteria della R5. A Maubeuge, dove le catene di montaggio sfornano furgoni sia per la Renault sia per i partner Mercedes e Nissan, arriverà nel 2022 il nuovo Kangoo E-Tech Electric, a cui seguiranno altre versioni del veicolo commerciale leggero. Infine l’impianto di Ruitz ospiterà nuove attività di produzione di componenti elettrici.

COMMENTI

  • Come ho scritto l'altro giorno, spero che questa operazione di spin off non tenda a creare una good e una bad company con le conseguenti ricadute sociali. Confido che chi debba controllare, controlli...