La nostra prova su strada Chevrolet Cruze Station Wagon

La nostra prova su strada
Chevrolet Cruze Station Wagon
Chiudi
 

A tre anni di distanza dal lancio della berlina, debutta sul mercato la Chevrolet Cruze station wagon, terzo modello della gamma. La versione in prova è equipaggiata con il 1.700 turbodiesel da 130 CV nell'allestimento di punta LT.

Caratteristiche. Lunga 4 metri e 68, per quasi 2 e 70 di passo, offre interni semplici ma ben accessoriati. Se qualche componente, come la plancia, è di plastica rigida, l'effetto è contrastato da inserti di tessuto, presenti anche sui fianchetti porta. E, in ogni caso, volante, comandi e padiglione sono gradevoli al tatto. Pure i sedili non deludono, per la sagomatura e i rivestimenti di tessuto con inserti di ecopelle. Peccato che nemmeno a pagamento si possano avere gli specchi ripiegabili elettricamente, il tetto apribile, gli interni di materiale pregiato, il ruotino di scorta e i più recenti sistemi di assistenza alla guida. Sono però di serie alcuni accessori, come il navigatore satellitare, la retrocamera e i sensori di parcheggio posteriori, che di norma in questa classe si pagano a parte. Lo spirito pratico riaffiora anche nei tanti vani e cassettini disseminati qua e là, con in più quello, non troppo capiente, che ospita tra le prese Aux e Usb.

Spazio a bordo. Ma, l'appeal e il senso di una wagon si ritrovano soprattutto nel volume posteriore e nella capacità di carico. E, in questo, la Cruze non delude. A dire il vero, l'abitacolo è arioso anche davanti e sopra la testa, mettendo a proprio agio anche i più alti. Forse, considerata la misura extralarge del passo, dietro era lecito aspettarsi qualche centimetro in più per le gambe e il divanetto, non molto sagomato e con il posto centrale poco ambìto, suggeriscono che sia meglio accomodarsi in due, sfruttando il bracciolo come portalattine. Pur non essendoci le bocchette di ventilazione, abbiamo sperimentato, in quattro e a 35° esterni, che la portata d'aria nella parte inferiore del­l'abitacolo è sufficiente. Più che sulla modularità, comunque, la station americana punta sulla cubatura del bagagliaio di 453 litri, in grado oltretutto di offrire un piano di carico piuttosto basso e a filo della soglia. E nel caso servisse, una volta reclinati gli schienali, lo spazio utile sulla nostra station può arrivare a due metri.

Come va. Si può stare tranquilli al volante della Cruze 1.7 SW, che è in grado di assolvere ai suoi doveri (tenuta di strada, sicurezza, confort e brio a pieno carico), riesce a fare anche qualcosa in più, come dimostra il bel passo tenuto sul giro di pista. Lo sterzo, sempre un po' leggero, fa sembrare l'auto più agile, mentre in manovra tornano utili anche la retrocamera e i sensori di parcheggio. Nella guida impegnata un po' di sensibilità in più al volante avrebbe fatto comodo, ma la Chevy garantisce un comportamento facile e sicuro, grazie al sottosterzo "fisiologico" che affiora nell'inserimento in curva, associato a un rollio evidente. Bene la gommatura da 225/50, che restituisce solo un po' di rumorosità sull'asfalto non perfetto, mentre il 1.700 a gasolio ai bassi-medi giri replica un certo ticchettio di fondo. Da segnalare, inoltre, qualche vibrazione al minimo e in fase di riavvio del dispositivo Start&Stop.

Su strada. I suoi 130 cavalli sono più che sufficienti per muoversi senza patemi. Ha già coppia sotto i 1.500 giri e una buona progressione grazie ai 300 Nm; poi la spinta inizia a "spegnersi" dopo i 4.000. Comunque, la brillantezza di marcia è assicurata, così come la regolarità. Il manuale a sei marce non è rapidissimo ma abbastanza preciso. Con la motorizzazione 1.7 non è disponibile l'automatico, per cui bisogna fare un po' il callo alla frizione pesante. Buone le percorrenze alla voce consumi, e con 60 litri di serbatoio l'autonomia è più che sufficiente per affrontare lunghe trasferte.

In sintesi. Sono tanti gli spunti offerti dalla station Chevrolet. La spaziosità, il bel bagagliaio, lo stile giovane. E uno spiccato senso pratico, che si concretizza anche in materiali robusti in un'adeguata dotazione di serie e, soprattutto, in un prezzo aggressivo. Certo, c'è anche il rovescio della medaglia: non si può chiedere a un progetto "snello" ciò che non può dare. E allora, la convenienza comporta anche qualche rinuncia: sulla Cruze 1.7 non si possono avere il cambio automatico, il tetto apribile, gli specchi ripiegabili elettricamente, i più recenti sistemi di ausilio alla guida e la ruota o il ruotino di scorta. Ma nel complesso, si rivela un'auto interessante, brillante e gradevole, piuttosto ben realizzata e parsimoniosa.

Pregi e difetti

CHEVROLET Cruze Cruze 1.7 D SW LTZ

Pregi

Difetti



leggi tutto

Dati & prestazioni

Velocità
Massima
0.0 km/h
Accelerazione
0-100 KM/H
0.0 s
400M DA FERMO
0.0 s
1KM DA FERMO
0.0 s
RIPRESA A MIN/MAX CARICO
70-120 KM/H
0.0 / 0.0
1 KM DA 70 KM/H
0.0
FRENATA
100 KM/H A MINIMO CARICO
0.0 m
CONSUMI MEDI
STATALE
0.0 km/l
AUTOSTRADA
0.0 km/l
CITTÀ
0.0 km/l

Pagelle

Abitabilità
Accelerazione
Accessori
Bagagliaio
Cambio
Climatizzazione
Confort
Consumo
Dotazioni sicurezza
Finitura
Freni
Garanzia
Motore
Plancia e comandi
Posto guida
Prezzo
Ripresa
Sterzo
Strumentazione
Su strada
Visibilità

ENRICO Saponara

5 parole: La caricatura di un'automobile.

COMMENTI

  • 5 parole: La caricatura di un'automobile.
     Leggi risposte
  • certo la crisi c'è per tutti ma se opel pur sul baratro fa belle auto come Insigna (soprattutto) e Astra,possibile che fiat non proponga uno straccio di modello per gente concreta e flotte aziendali?
  • auto non priva di intelligenza.è buona e costa poco.Marchionne lancia strali ma se voglio una station e la voglio fiat cosa posso comprare?anni fa ho avuto una stilo sw aziendale.certo non era una figata ma il suo lavoro lo svolgeva egregiamente.oggi cosa mi propone Fiat a parte una pletora di punti/pande/500?
  • Ecco il tipico esempio di auto sud-coreana importata in UE a cui Marchionne ha lanciato gli strali. Cmq se tanto mi da tanto, visto il discreto successo della berlina 3 volumi, questa versione dovrebbe fare molto meglio.
     Leggi risposte
  • Una gran bella auto. Con telaio Astra. Discreta qualità. Costo bassissimo. Con meno di 20.000 euro si porta a casa tranquillamente con sconti e offerte varie. E pensare che è lunga quanto una serie 3.
     Leggi risposte
  • Ormai con l'opel sul baratro mi sa che quest'auto non costerà realmente meno di un astra scontatissima parimenti equipaggiata, però alla fine questa come linea esterna è quasi più gradevole e meno "pesante" ,interni meno "pretenziosi" di astra ma "freschi". Sarebbe da far un bel confronto sui prezzi reali (non listino)con le altre riuscite sw come i-30,ceed e megane.
     Leggi risposte
  • Posseggo la berlina, quindi la Cruze mi piace, e molto. Preferisco la berlina alla station perchè preferisco sempre le berline, ma devo dire che questa SW nella linea è molto ben riuscita, più di molte concorrenti dirette. Poi la sostanza l'ha già detta l'articolo di 4ruote, molto equilibrato.
  • SERVIZI QUATTRORUOTE

    Scarica la prova completa in versione PDF

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!
    Seleziona
    • Seleziona
    • ABARTH
    • ALFA ROMEO
    • ALPINA-BMW
    • ASTON MARTIN
    • AUDI
    • BENTLEY
    • BMW
    • CADILLAC
    • CHEVROLET
    • CHRYSLER
    • CITROEN
    • CORVETTE
    • DACIA
    • DAEWOO
    • DAIHATSU
    • DODGE
    • DR
    • DS
    • FERRARI
    • FIAT
    • FORD
    • GREAT WALL
    • HONDA
    • HUMMER
    • HYUNDAI
    • INFINITI
    • INNOCENTI
    • IVECO
    • JAGUAR
    • JEEP
    • KIA
    • LAMBORGHINI
    • LANCIA
    • LAND ROVER
    • LEXUS
    • LOTUS
    • MASERATI
    • MAZDA
    • MERCEDES
    • MG
    • MINI
    • MITSUBISHI
    • NISSAN
    • OPEL
    • PEUGEOT
    • PORSCHE
    • RENAULT
    • ROVER
    • SAAB
    • SEAT
    • SKODA
    • SMART
    • SSANGYONG
    • SUBARU
    • SUZUKI
    • TATA
    • TESLA
    • TOYOTA
    • VOLKSWAGEN
    • VOLVO
    Seleziona
    • Seleziona