La prova della 2.0L Skyactiv-X M Hybrid - VIDEO

Mazda3
La prova della 2.0L Skyactiv-X M Hybrid - VIDEO
Chiudi

Mazda 3

Prezzo
€ 30.800
Motore
L4, benzina con compressore 1998 cm3
Potenza
132 kW/180 CV

C'è ancora chi si sforza di garantire un futuro al vecchio e caro motore a combustione interna. E non sono sforzi di retrovia, perché per bielle e pistoni il crepuscolo arriverà, ma non è dietro l'angolo. Soprattutto, durerà più a lungo di quel che potrebbe sembrare. Ciò che sto per raccontarvi ne è fulgida dimostrazione. Gli ingegneri della Mazda, infatti, hanno coronato un sogno inseguito, nel tempo, da molti: un motore in grado di unire i vantaggi di un benzina con i pregi di un diesel. Una chimera che oggi è realtà e, semplicemente, dà vita alla versione più convincente e interessante della Mazda3, la Skyactiv-X.

Mazda3 con Skyactiv-X: la prova di Paolo Massai

Raffinata e a tratti sontuosa. Gli aspetti dirompenti si nascondono dentro il cofano. Per il resto, il corpo vettura ripercorre quell'eleganza e quella sensatezza che lo rendono al contempo moderno e senza tempo, con forme, materiali, ergonomia che mostrano la passione di chi si è impegnato per realizzare un insieme di livello: a tratti addirittura sontuoso e, soprattutto, mai pacchiano. Insomma, una raffinatezza quasi sussurrata che richiama alla mente le Lancia che furono. Una contemporaneità che non cede a dettagli di ultimo grido. Così hai a che fare con un quadro strumenti soltanto in parte digitale e con un impianto multimediale che non si abbandona alla nouvelle vague degli assistenti personali. Insomma, niente «Ehi, Mazda» (che tanto poi, nel day by day, è sostituito dalla praticità di Android Auto o di Apple CarPlay) e qualche piccolo fastidio soltanto quando devi un po' combattere con alcuni comandi: gli interruttori a sinistra del volante sono in parte nascosti, mentre sulle razze c'è troppo affollamento e, nel caso dei tasti color metallo, i simboli sono poco visibili.

2019-Mazda3-Skyactiv-X-4

Un due litri che vive di rotondità. Veniamo al motore, ché a ben vedere siamo qui per lui. Si tratta di un due litri a benzina che riesce a sfruttare (anche) i principi fondanti dei parenti a gasolio, in particolare ciò che li rende così efficienti: nella gran parte delle situazioni, infatti, nello Skyactiv-X la miscela di aria e combustibile si accende per compressione e non per lo scoccare della scintilla della candela. Con queste premesse, la cosa bella è quanto lo Skyactiv-X appaia normale. Metti in moto e hai un due litri benzina che si comporta come un aspirato: il compressore c'è, ma la sua presenza è devoluta a infilare nei cilindri tutta l'aria che serve per bruciare fino all'ultima stilla di benzina. E, allora, nessun picco di coppia a 1.500 giri, come capita con i turbo oggi in circolazione, ma una crescita morbida dei Newtonmetro fin verso i 3.000. È un motore che vive di rotondità, silenziosità e regolarità. Sale di giri facile, anche se poi non t'invoglia a cercare il limite. D'altra parte, compressore, iniezione diretta, 180 cavalli non devono ingannare: questo è il nuovo mondo dell'efficienza, della prestazione intesa anche come bassi consumi.

2019-Mazda3-Skyactiv-X-27

Spinge sempre il giusto. Il suo spaziare tra accensione per compressione e comandata è inavvertibile: alla Mazda giurano che per l'80% del tempo il funzionamento sia in modalità per così dire diesel e quando sei al volante ti convinci che i tecnici giapponesi abbiano ragione, a giudicare da ciò che racconta la scritta Spcci nel display centrale. La sigla sta per Spark controlled compression ignition, ovvero accensione per compressione controllata dalla candela e, vista la portata della novità, uno sforzetto da parte del marketing per regalarci qualcosa di più evocativo e meno ingegneristico sarebbe stato doveroso. Ai regimi più elevati, torna invece a funzionare come un classico benzina, ma, lo ripeto, guidatore e passeggeri di questo non si accorgono. La sensazione generale è di avere a disposizione un motore che non ha un carattere pazzesco, ma che spinge sempre il giusto per non farti pensare che la macchina sia pigra. E l'importante, a meno che non vogliate scrivere nuove pagine del motorsport, è questo. Infine, merita una menzione il riavviamento ai semafori: se di Start&Stop ottimi ce ne sono tanti, qui il risveglio è così morbido e naturale che sembra di avere a che fare con un motore che ha il minimo a zero giri. Da lì, lo Skyactiv-X  parte per farsi trovare al regime che ti serve, ma la classica sensazione dell'avviamento è totalmente inesistente.

Prova ripresa da Quattroruote di dicembre 2019 n. 772

Pregi e difetti

MAZDA Mazda3

Mazda3 2.0L Skyactiv-G M-Hybrid Exclus.

Pregi

Consumo. Difficile chiedere di più a un motore a benzina: riesce a impensierire anche l'omologo quattro cilindri a gasolio.

Powertrain. Motore e cambio formano un insieme di grande rotondità e morbidezza.

Difetti

Freni. Ok sull'asciutto, dov'è chiamato in causa più che altro il mordente, ma se l'aderenza è bassa e non uniforme, gli spazi d'arresto si allungano.

Bagagliaio. La forma è regolare, però la capacità di carico è limitata e la soglia un po' alta.

Velocità

Massima

Accelerazione

0-60 km/h
0-100 km/h
0-110 km/h
0-120 km/h
0-130 km/h
0-140 km/h
0-150 km/h
400 da fermo
Velocità d'uscita (km/h)
1 km da fermo
Velocità d'uscita (km/h)

Ripresa

(a min/max carico)

70-90 km/h
70-100 km/h
70-120 km/h
70-130 km/h
70-140 km/h

Frenata

100 km/h a minimo carico
100 km/h su asfalto asciutto + pavè
100 km/h su asfalto bagnato + ghiaccio
MAZDA Mazda3 2.0L Skyactiv-G M-Hybrid Exclus.
221,5 km/h
MAZDA Mazda3 2.0L Skyactiv-G M-Hybrid Exclus.
4,4 s
8,8 s
11,0 s
12,7 s
14,4 s
16,4 s
19,3 s
16,6 s
140,3
29,9 s
179,4 s
MAZDA Mazda3 2.0L Skyactiv-G M-Hybrid Exclus.
8,5 s
12,6 s
21,3 s
25,9 s
30,8 s
MAZDA Mazda3 2.0L Skyactiv-G M-Hybrid Exclus.
40,3 m
46,4 m
119,1 m

Dati dichiarati

Prezzo
Motore
Potenza Max
Consumi Omologato
Consumi Rilevati
Emissioni CO2 Omologato
Emissioni CO2 Rilevati
MAZDA Mazda3 2.0L Skyactiv-G M-Hybrid Exclus.
30.800 €
1.998 cm3 L4 benzina+compr.
132 kW (180 CV)
22,2 km/l
16,1 km/l
103 g/km
148 g/km
LEGENDA
  • N.P. - Rilevazione non possibile
 
Posto guida
Plancia e comandi
Strumentazione
Infotainment
Climatizzazione
Visibilità
Finitura
Accessori
Dotazioni di sicurezza/Adas
Abitabilità
Bagagliaio
Confort
MAZDA Mazda3 2.0L Skyactiv-G M-Hybrid Exclus.

Listino & costi


Per le prove su strada Quattroruote utilizza ENI logo

COMMENTI

  • Io ho comprato una CX 30 con questo motore e non consiglio a nessuno di comperare il motore X. Ho ormai percorso 4.000 km, le seghettature o le momentanee perdite di potenza ci sono, non sempre ma tra i 1.800\2.800 giri ogni tanto arrivano. Consumi 13 km litro sul misto (tenendo i 2.000 giri) 14 in autostrada mantenendo i 130 km.
     Leggi risposte
  • Massai bravo e chiaro come sempre. Riguardo al motore direi che è un bellissimo esercizio tecnico ingegneristico ma, a cosa serve? Qualche decimo in meno in accelerazione, qualche km in più di velocità massima, consumi uguali al fratello G. Se fai un motore così complesso dovresti almeno ridurre i consumi del 20% mantenendo prestazioni di rilievo. A me pare un esercizio fine a se stesso che porterà pochi nuovi clienti, se questo era il fine. Se invece l'obiettivo era di dire, guardate come siamo bravi allora.... bravi!
  • Trovo che la strada tentata da Mazda, e cioè di sviluppare evoluzioni del classico motore a benzina con sia molto interessante. Per quanto riguarda la linea, tasto sempre molto delicato, a me ricorda quella dell'Alfasud e non sembro l'unico a pensarlo, ma trovo parecchie analogie anche con le più recenti Leon, classe 1999 e successiva del 2005, auto anche loro, che non verranno di certo ricordate per la loro linea. Vista dal vivo, posso solo dire che risulta stilisticamente molto pesante, goffa. Su un'auto del genere, a mio parere, ogni caratterizzazione sportiva è semplicemente ridicola. Stilisticamente, trovo decisamente più riuscite le CX-30 e la CX-3.
  • Anche qui sono scomparsi la metà dei commenti. Ormai per il sito Web di 4R non si può nemmeno più parlare del limite della decenza perchè questo è stato ampiamente valicato.....
  • Ritengo positivo si continui a sperimentare soluzioni nuove, (pure i motori a 5/6 tempi ad esempio), ma temo per Mazda che visti i risultati infinitesimali ottenuti fin qui, questi studi sull'accensione spontanea facciano la fine dei motori Wankel, abbandonati da tutti perchè i difetti intrinsechi vengono ritenuti insormontabili, mentre loro continuano ancora imperterriti ad investirci dei denari con un ritorno più che incerto.......
  • Quest'auto è l'erede designata dell'Alfasud. Non riesco a farmela piacere. Spesso questo marchio presenta concept davvero interessant (kodo design), ma quando cerca di travasare gli stilemi stilistici nei modelli di serie...arriva il bello. Per il resto, sono un detrattore dell'ibrido Toyota, figuriamoci di queste soluzioni furbe (??) da 4 soldi.
     Leggi risposte
  • Torno sul tema dopo aver visto l'atteso e *mitico* video didattico di Massai, al quale tutti gli YouTuber che parlano d'auto dovrebbero fare riferimento quanto chiarezza e a contenuti.. Ad ogni modo, le rilevazioni di QR mi sembrano dirimenti. Consumi: identici rispetto all'aspirato, prestazioni: incremento del tre (dico, tre ?!?) per centile, giusto in velocità massima spinge un pò di più, ma alla fine a chi importa se va a 220? voi quante volte andate in autostrada a più di 150 al tachimetro limiti e tutor permettendo? inoltre, sempre con la diplomazia che gli è propria, il Massai rileva "seghettature" ai 3 mila giri (avevo sentito la stessa cosa in prova su una CX30 con cambio automatico) e auspica sviluppi e migliormamenti futurii di questo 2.0 X. Alla fine, dovendo cambiare auto tra qualche mese, lo riproverò perchè queste Mazda recenti sono affascinanti e - fatto indiscutibile - costano davvero poco per quello che offrono, al prezzo di qualche compromesso accettabile. Ma dubito che, nell'eventualità di scegliere una CX30, prenderò questo Skyactiv X. Il G va uguale, o quasi. E sempre un pò un "polmoncino" è. Ad maiora (e grazie Massai)
  • <> Non esageriamo: il benzina Mazda è vuoto ai bassi regimi e ha una ripresa da carroarmato. La coppia di un diesel se la sogna. Poi se uno bada solo ai consumi e vuole guidare con una mano sul volante e un'altra perennemente sul cambio...allora scelga Mazda (non sono mie valautazioni, è tutto scritto su Quattroruote in merito alla prova della CX-3)
  • Mazda fa buone macchine e sempre più di sostanza, ad oggi penso sia il marchio Nipponico che più incontra i gusti europei e menomale aggiungo!! Marchio con una propria filosofia che ti da la sensazione di saggezza....é vero ci hanno bidonato tutti dicendoci che la soluzione green sono le batterie, con questi tombini elettrici. Il motore termico ha margini di miglioramento e non pochi, oltre al fatto che la soluzione è la materia prima....un carburate sempre più ecologico e qui le tecnologie ci sono.....Ma pensate veramente che tutto possa andare a batterie?
     Leggi risposte
  • Alla faccia dei grandi colossi e della massa critica per fare innovazione. Forse è il caso di riportare in auge il detto "piccolo è bello". Piccoli marchi indipendenti, sembrano molto più vivaci dei grandi blasonati gruppi automobilistici. Mazda e Tesla docet.
     Leggi risposte
  • Sono molto curioso delle rilevazioni e delle opinioni di QR su questo motore, che ho appena provato su una CX30. Purtroppo mortificato dal pessimo cambio automatico a convertitore di coppia lento e poco reattivo che montava l'esemplare a mia disposizione, le mie primissime impressioni su questo motore rispetto al "G" da 122 cavalli che avevo già testato sono buone. In basso qualcosa in più rispetto all'aspirato più classico c'è, e si sente. L'allungo è bello deciso e senza tentennamenti, e personalmente non ho ravvisato nessun buco di alimentazione o seghettatura nell'erogazione come segnalato in diversi forum italiani e stranieri. In più con un sound che non mi dispiace, piacevole, anche se non siamo certo su un 1.5 Honda VTEC turbo da 182 cavalli, che ha la stessa potenza ma ti catapulta in un altro mondo di sensazioni. Tuttavia il motore è interessante, e se dovesse essere affidabile (difficile dirlo adesso) potrebbe essere una valida scelta in alternativa ai diesel, anche n considerazione del sistema micro ibrido che consente di immatricolare come tale la vettura con tutti i vantaggi che ne conseguono. Anche la CX30 in se secondo me è valida, solo un pò strettina dietro e dal baule non proprio enorme ma davvero curata e ben fatta ed al prezzo giusto (la X con l'ottimo cambio manuale e la trazione integrale a Roma sta sui 31 mila euro e spicci, direi un esborso piàù che onesto). Tempi di consegna lunghi, e ne vendono assai a quanto mi riferiscono. Se il buongiorno si vede dal mattino.. Ad maiora.
     Leggi risposte
  • ACQUISTA LA PROVA COMPLETA

    In edicola con Quattroruote la prova completa con l'analisi sulle prestazioni, abitabilità, consumi e tanto altro ancora.

    Ultime prove

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca