Hyundai i20 La prova della 1.2 84 CV Comfort

Hyundai i20
La prova della 1.2 84 CV Comfort
Chiudi
 

Ormai parlare dell’aggressività dei coreani in tutti i segmenti è un po’ come scoprire l’acqua calda. La conferma arriva dalla protagonista della nostra prova, la Hyundai i20, contraddistinta da una linea filante, decisamente più "scolpita” di prima, interni bicolore, ottime finiture e soluzioni intelligenti ed economiche come il supporto per lo smartphone sulla plancia. La i20 sembra una tedesca pronta a lottare ad armi pari con la Ford Fiesta e, soprattutto, con Volkswagen Polo. Per certi aspetti ci riesce, un po' meno per altri.

Com'è fatta. La i20 s’è allungata di qualche centimetro rispetto al modello precedente, nella carrozzeria e nel passo, nonché allargata e abbassata di due centimetri, mentre nell'abitacolo si percepisce un netto salto di qualità. I comandi sono ben distribuiti, piacevoli al tatto, intuitivi da utilizzare. Sotto, prese illuminate per i dispositivi elettronici, oltre a quelle da 12 Volt dei desueti accendisigari. Altra piccola rivoluzione dell’i20 è l’altezza dei sedili, con il guidatore che si trova più vicino all’asfalto di una decina di centimetri rispetto a prima. Le ampie regolazioni manuali consentono a tutti di adattarsi al meglio, mentre una nota paradossalmente positiva arriva dall’assenza del bracciolo centrale: nella guida un po’ impegnata, meglio non trovare ostacoli. Uno dei punti di forza è l’abitabilità, soddisfacente anche per chi sta dietro. Il divano, un po’ duro, è leggermente sagomato per accogliere al meglio solo due passeggeri, con quello centrale un po’ sacrificato. Le sedute sono fisse, ma gli schienali si reclinano senza problemi fino a livello orizzontale e in questo caso non manca la possibilità di rialzare il piano del bagagliaio per ottenere una superficie piatta, senza gradini. Quanto al vano, la capienza più che discreta, con l’unico difetto della soglia un po’ alta.

Come va. Sotto al cofano c'è quattro cilindri 1.2, con i suoi pregi e difetti. Parte dalla versione 75 CV, adatta ai neopatentati e abbinabile solo all'economica Classic, ma a soli 200 euro in più si trova quella da 84 CV, protagonista della prova. Non si può dire che sia particolarmente vivace, ma assicura comunque prestazioni più che adeguate per la vettura. Nelle partenze si risente di una certa irregolarità nell'erogazione, e la coppia, 121 Newtonmetri a 4.000 giri, obbliga a tenere il motore un pochino allegro per muoversi agilmente. In generale, comunque, il cambio a cinque marce asseconda bene il guidatore, anche grazie alla sua manovrabilità e alla leggerezza della frizione. Insomma, non sarà la più scattante del segmento, ma quanto a confort di marcia ha fatto passi da gigante. Merito anche dell'insonorizzazione dell'abitacolo, che tra l'altro dà una sensazione di compattezza da categoria superiore, e del comparto telaio/sospensioni. Rotolamento e fruscii aerodinamici risultano praticamente annullati, mentre si va lisci sulle sconnessioni stradali più frequenti. Sugli ostacoli più secchi come tombini o buche, invece, gli scossoni diventano fastidiosi, soprattutto per chi sta seduto dietro. Pur conservando un equilibrio da vettura turistica e comoda, la i20 si è dimostrata pronta e reattiva, rapida persino nel misto stretto. Le è rimasta una certa tendenza al rollio, ma alla fine prevalgono le doti che fanno apprezzare un'auto, dallo sterzo preciso e comunicativo alla buona modulabilità dei freni. Che poi, tra l'altro, si rivelano in grado di fermarla in spazi quasi sbalorditivi: le occorrono solo 40 metri da 100 all'ora per arrestarsi, non male davvero per la categoria. In tema di sicurezza, sulla i20 debutta l'avviso di superamento involontario di corsia che contribuisce a quel senso di sicurezza che dà tutta l'auto, sommandosi all'assistenza alle partenze in salita e alla segnalazione automatica di pericolo, con le luci dell'hazard che si accendono in caso di frenata violenta. Manca, invece, l'allarme anticollisione frontale, ormai diffuso anche sulle piccole, almeno quelle di ultima generazione. Infine, una curiosità: è assente pure lo Start&Stop. Ma c'è da dire che, da fermi, il quattro cilindri è totalmente inavvertibile. Come se fosse spento.

In sintesi. Sempre più europea, di gusto e di contenuti, e sempre più in alto quanto a qualità, del design e dei materiali, la Hyundai i20 vuole diventare l'anti-Polo, senza più nascondere le proprie ambizioni. È ben fatta e offre un'abitabilità ai vertici della categoria e, non ultimo, un confort che la rende ideale anche sulla lunghe distanze. Sotto al cofano, il quattro cilindri di 1.2 litri che abbiamo provato è un propulsore onestissimo, che garantisce una guida rilassata senza diventare mai mortificante. Bisogna dosare l'acceleratore, soprattutto nelle partenze, ma ci si abitua in fretta e s'impara a sfruttarlo più che bene.

Andrea Sansovini
(Prova su strada ripresa da Quattroruote di marzo 2015)

Pregi e difetti

HYUNDAI i20 5p i20 1.2 84 CV 5p. Comfort

Pregi

Silenziosità. Si viaggia in un abitacolo ben insonorizzato, senza bisogno di alzare il volume della radio alle alte velocità. Poche rivali offrono di meglio.

Supporto smartphone. Minima spesa e massima resa, a patto di avere un modello che consenta di navigare. Una valida alternativa ai costosi sistemi multimediali.

Difetti

Ripresa. L'1.2 aspirato non può fare miracoli e lo spunto con il rapporto più alto diventa modesto. D'altra parte, anche la velocità massima si ottiene in quarta.

Soglia di carico. Per un'auto tuttofare, che fa della versatilità uno dei punti forti, il taglio del portellone rialzato rappresenta una piccola scomodità.



leggi tutto

Dati & prestazioni

Velocità
Massima
172,756 km/h (IN V)
Accelerazione
0-100 KM/H
12,1 s
400M DA FERMO
18,1 s
1KM DA FERMO
33,9 s
RIPRESA A MIN/MAX CARICO
70-120 KM/H
26,8/32,5 (IN V)
1 KM DA 70 KM/H
35,0 (IN V)
FRENATA
100 KM/H A MINIMO CARICO
39,6 m
CONSUMI MEDI
STATALE
17,2 km/l
AUTOSTRADA
13,7 km/l
CITTÀ
13,2 km/l

Pagelle

Abitabilità
Accelerazione
Accessori
Audio e navigazione
Bagagliaio
Cambio
Climatizzazione
Confort
Consumo
Dotazioni sicurezza
Finitura
Freni
Garanzia
Motore
Plancia e comandi
Posto guida
Prezzo
Ripresa
Sterzo
Strumentazione
Su strada
Visibilità

Listino & costi

GIORGIO S.

"mentre una nota paradossalmente positiva arriva dall’assenza del bracciolo centrale: nella guida un po’ impegnata, meglio non trovare ostacoli." Un commento del genere lo trovo indecente.Mi viene il dubbio che l'articolista non abbia capito su quale auto sia salito.

COMMENTI

  • "mentre una nota paradossalmente positiva arriva dall’assenza del bracciolo centrale: nella guida un po’ impegnata, meglio non trovare ostacoli." Un commento del genere lo trovo indecente.Mi viene il dubbio che l'articolista non abbia capito su quale auto sia salito.
  • bella fuori ma brutta dentro sia niterni che motori
  • Recentemente ne ho avuta una come vettura di cortesia per una settimana. Confermo il pessimo feeling del motore nelle partenze ma anche nel funzionamento in generale (un abisso rispetto alla Mazda2, per citarne un'altra da me provata). Inoltre, il consumo mi è parso molto elevato: in percorso urbano non sono arrivato a fare 12 km/l con una guida non da "economy run" ma nemmeno sportiva. Decisamente troppi, se considero che sui medesimi percorsi con la mia Mazda CX-5 (175 cv, AWD e cambio automatico) ottengo percorrenze migliori...
  • SERVIZI QUATTRORUOTE

    Scarica la prova completa in versione PDF

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!
    Seleziona
    • Seleziona
    • ABARTH
    • ALFA ROMEO
    • ALPINA-BMW
    • ASTON MARTIN
    • AUDI
    • BENTLEY
    • BMW
    • CADILLAC
    • CHEVROLET
    • CHRYSLER
    • CITROEN
    • CORVETTE
    • DACIA
    • DAEWOO
    • DAIHATSU
    • DALLARA
    • DODGE
    • DR
    • DS
    • FERRARI
    • FIAT
    • FORD
    • GREAT WALL
    • HONDA
    • HUMMER
    • HYUNDAI
    • INFINITI
    • INNOCENTI
    • IVECO
    • JAGUAR
    • JEEP
    • KIA
    • LAMBORGHINI
    • LANCIA
    • LAND ROVER
    • LEXUS
    • LOTUS
    • MAHINDRA
    • MASERATI
    • MAZDA
    • MERCEDES
    • MG
    • MINI
    • MITSUBISHI
    • NISSAN
    • OPEL
    • PEUGEOT
    • PORSCHE
    • RENAULT
    • ROVER
    • SAAB
    • SEAT
    • SKODA
    • SMART
    • SSANGYONG
    • SUBARU
    • SUZUKI
    • TATA
    • TESLA
    • TOYOTA
    • VOLKSWAGEN
    • VOLVO
    Seleziona
    • Seleziona