LA PROVA DELLA 3.6 OVERLAND Jeep Grand Cherokee

LA PROVA DELLA 3.6 OVERLAND
Jeep Grand Cherokee
Chiudi
 

Dopo un repentino matrimonio d?interesse, Chrysler e Fiat stanno provando a scambiarsi i rispettivi know-how tecnologici. È ancora presto, però, per vedere sulla nuova Grand Cherokee qualche segno tangibile di italianità, salvo forse il nuovo bel design della plancia. Semmai, si scorgono ancora tracce della precedente avventura con la tedesca Daimler. Sono Mercedes il differenziale, alcuni componenti della trazione, più di un dettaglio costruttivo. Il prezzo è rimasto fermo a 52.352 euro nel ricco e raffinato l?allestimento Overland.

Com'è fatta. L?impronta stilistica resta a tutti gli effetti americana. O, meglio, Jeep. L?aumento del passo, di ben 13 cm, ha conferito maggior slancio e nuova dinamicità al profilo, mascherando bene anche l?aumento delle dimensioni: 7 cm in tutto, che portano la lunghezza complessiva a 4,82 metri. La porta si apre con un tocco sulla maniglia: basta avere in tasca il telecomando, che fa anche da chiave elettronica per l?avviamento. Il sedile è alla giusta altezza per accomodarsi in modo naturale e, una volta preso posto, è facile sistemarsi nel miglior modo. La plancia, classica ma con tanto legno e rivestimenti pregiati, raccoglie nella console centrale i principali comandi e il grande display da 6,5" del navigatore, che visualizza anche le impostazioni della radio e altre funzioni, comprese le immagini della telecamera posteriore. Completa il quadro il volante, rivestito di pelle e legno (e pure riscaldabile), che ha un piccolo neo: la sezione elevata della corona e quindi, non facilissima da impugnare.

Spazio. L?aumento delle dimensioni esterne si è certamente tradotto in un incremento della disponibilità di spazio. Dietro si ha più agio per le gambe rispetto alla generazione precedente, mentre la larghezza complessiva del divano rimane immutata. A trarre il maggior beneficio è comunque il bagagliaio, passato a quasi 500 litri. Il vano si può ulteriormente allargare, abbattendo lo schienale posteriore e, con una semplice manovra, si rende disponibile un?ampia superficie perfettamente piana. L'accesso è facilitato dall?apertura automatica del portellone che avviene sfiorando la maniglia o azionando il telecomando, attraverso cui si può sbloccare anche il lunotto, apribile separatamente.

Su strada La Grand Cherokee è diventata anche più piacevole da guidare. Non ha le stesse agilità e brillantezza delle concorrenti europee e giapponesi con maggior vocazione stradale, ma il compromesso raggiunto è molto buono, soprattutto se si considera che ha mantenuto intatta la vocazione offroad. Soffre ancora un po? la taratura soft delle sospensioni, poco adatta a favorire la pronta risposta dello sterzo sui percorsi guidati e l'automatico, a sole cinque marce, mal sopporta l?abbinamento al nuovo motore Pentastar. Il V6 è brillante, ma gira molto in alto e a ciò si deve aggiungere la congenita lentezza nella selezione delle marce, combinata col sensibile effetto di scorrimento del convertitore. Ecco perché la Suv americana va molto meglio in autostrada, dove emergono in particolare silenziosità e souplesse di marcia del 3.6 litri americano.

In fuoristrada. Nessun complesso, invece, quando si passa dall?asfalto alla terra. La Grand Cherokee rafforza la sua storica vocazione fuoristradistica, affiancando ai due raffinati sistemi di trazione integrale Quadra-Trac II (presente sul nostro esemplare) e Quadra-Drive II l?innovativo dispositivo Selec-Terrain: un perfetto assistente esperto alla guida off-road. Basta selezionare il tipo di fondo (fango, neve, roccia o asfalto) e l?elettronica si preoccupa di assicurare la massima motricità, consentendo di cavarsela bene anche a chi non vanta una specifica esperienza. Sulle versioni dotate delle sospensioni pneumatiche Quadra-Lift, l?altezza minima da terra raggiunge i 27 cm e i disimpegni sono ancora più agevoli.

Prestazioni. Oltre 210 km/h di punta massima, zero-cento sotto i dieci secondi, 70-120 in poco più di otto. Numeri più che dignitosi, soprattutto se consideriamo la rilevante massa in gioco (quasi 2.400 kg in condizioni di prova) e la già segnalata pigrizia del cambio. Di norma, vanno messi in conto non più di 6-7 km/l, ancora meno in fuoristrada e se si adotta una guida brillante. Il pieno dura abbastanza, ma che salasso al distributore con un serbatoio da 94 litri! L?alternativa, un po? più parsimoniosa, è la versione turbodiesel, prevista entro l?anno. Per quanto riguarda il confort, se dentro la Grand Cherokee si stava bene prima, ora si sta anche meglio. Sedili comodi e accoglienti e buone sospensioni, capaci di assorbire qualsiasi tipo di sconnessione, coccolano i passeggeri. Senza dimenticare che è molto silenziosa, a velocità costante come in accelerazione.

Pregi e difetti

JEEP Grand Cherokee Gr. Cherokee 3.6 V6 Overland

Pregi

Qualità migliorata dentro e fuori l'abitacolo. Bella la plancia, curati i materiali. Ma soprattutto ci sono tante piccole attenzioni.
Confort da ammiraglia, per lunghi viaggi nel massimo relax.

Difetti

Il cambio automatico ha solo cinque marce, è lento e poco adatto al V6 Pentastar. Poco fruibile anche se utilizzato manualmente.
Consumo elevato, specie nell'uso urbano. Va meglio in autostrada.



Dati & prestazioni

Velocità
Massima
216.742 km/h
Accelerazione
0-100 KM/H
9.4 s
400M DA FERMO
16.7 s
1KM DA FERMO
30.5 s
RIPRESA A MIN/MAX CARICO
70-120 KM/H
8.4 / 9.4
1 KM DA 70 KM/H
26.9
FRENATA
100 KM/H A MINIMO CARICO
0.0 m
CONSUMI MEDI
STATALE
8.0 km/l
AUTOSTRADA
6.8 km/l
CITTÀ
5.4 km/l
-
Abitabilità
4.0
Accelerazione
3.5
Accessori
4.5
Bagagliaio
4.0
Cambio
3.0
Climatizzazione
4.5
Confort
5.0
Consumo
2.5
Dotazioni sicurezza
5.0
Finitura
4.5
Freni
4.0
Garanzia
2.0
Motore
3.5
Plancia e comandi
4.5
Posto guida
5.0
Prezzo
4.0
Ripresa
4.0
Sterzo
3.5
Strumentazione
3.5
Su strada
3.5
Visibilità
3.5

Matteo Casadio

o

COMMENTI

  • o
  • Per fortuna ns. e' arrivata la diesel. L'ho gia' provata 2 volte nella versione overland con sospensioni pneumatiche E' ottima in tutto tranne che nell' inserimento in curve strette ove se entri allegro va in sottosterzo. Ma condotta con sobieta' mi piace molto per il confort di marcia. La overland ha tutto cio' che si possa desiderare tranne la funzione start/stop ai semafori Ottima in fuoris
  • premeto che a me queste macchine non piacciono e non servono ma penso che i commenti a favore e contro vengono fatti sulle emozioni. fin qundo era americana la jeep andava benissimo ache come motorizzazione adesso che è fiat non va piu bene non per dar raggione a fiat ma per far riflettere a chi scrive le le altre suv anno la stessa cilidrata sono tuute della gan bevone di benzina
  • Tutti ricorrono al downsizing per ridurre emissioni e consumi noi andiamo al contrario ...tutti abbiamo capito che non ci sono soldi per rilanciare la progettazione e Fiat naviga a vista sfruttando vecchi progetti Chrysler ma così non si può andare avanti quando vedremo il nuovo????? Nell'attesa le fette di mercato si perdono e gli altri sono sempre più lontani anni luce
     Leggi risposte
  • Avrei preferito una versione Hummer 7000 di cilindrata con cannoncino e missili ..mi dispiace che qualche sprovveduto la comprerà per andare in centro a Milano a bloccare il traffico e occupare due posti o qualche mamma ci accompagnerà i figli a scuola alla faccia delle polveri sottili ...qualcuno sostiene che vengono eliminate dal DPF palle palle palle palle palle pallle palle palle palle pallle
  • Bravo , comperati la Kia , e vai a raccogliere le margherite al parchetto , visto che altro non puoi fare . Ti credo che costa meno , chissà anche perchè! Lascia fare e se devi fare un confronto fallo su vetture che almeno abbiano le stesse caratteristiche , e non tanto al kilometro . ma sicuro che per le margherite la Kia è una cannonata , quindi comprala ad occhi chiusi e tienila 5 anni !
  • Alla pari del Range ma senza quell'alone che ormai ha intaccato anche la "regina" di tamarrità propria dei suv tedeschi. Questa è ancora sobria e "multiuso" davvero, altro che. PS KIA?! Compratela, certo che costa meno, è un'altro segmento!
  • Concordo in pieno. E aggiungo che se siamo arrivati al punto in cui c'è gente (facky) che confronta un fuoristrada V6 a sette posti con un sistema di trazione integrale serio ai suvvini diesel 2WD coreani siamo proprio al ridicolo. Non sappiamo più cosa siano le buone auto.
  • Cari signori, siamo nel 2011 e con 20.000,00 euro in meno mi prendo la Kia Sportage.Con il 1.7 diesel consuma 1/3 della Jeep, garanzia 5 anni e stessa presenza in fatto di design. Peccato pero', se costasse di meno...... Ma dove vogliono arrivare questi italo-americani????????
  • Credevo che l'accordo FIAT con gli americani consistesse anche nel progettare vetture più compatte e meno ubriacone, ma noi esportamo la nuova 500 perchè sappiano che si può viaggiare bene comunque e loro ci spediscono la Jeep G.C.Non hanno ancora capito che fra poco dovremo usare l'auto a vela?
  • Ottima. Molto simile come guida alla mia Touareg. Materiali ottimi, decisamente silenziosa. Il vecchio cambio a 5 marce e' pessimo, slitta di continuo e rende il V6 troppo "debole". In USA la V6 costa 32k$, 39k$ full optional. La prendero' con il 5.7l V8, un optional da 1500$ in USA, molto piu' adatto al 5 marce. i Prezzzi in Europa sono ridicoli (75k$ per un Cherokee??)Ciao, Daniele soon in USA.
  • Vespista, vuoi comprarti la prius o andare in vespa ? Fallo! Vuoi comperarti un autobus elettrico ? Fallo! Quello che mi fa nausea di questi pseudoambientalisti è che nessuno gira in bici o mezzi pubblici (per lavoro) e quando vedono un magreba con un'euro zero, senza revisione o bollino blu, senza patente e senza assicurazione che inquina come dieci suv lo difendono (ah, a Napoli sono tutti così)
  • In verità io credo che di SUV di lusso degni d'essere acquistati ce ne siano 3: Range Rover, Merc GL e questa nuova bella Grand Cherokee. Perché? Perché se voglio spendere, consumare di più e rinunciare ad un bel pò di prestazioni almeno voglio poterci scalare le montagne! E questa costa un pacco di meno delle altre due ma non manca di "immagine". Ed ora è più carina e meglio rifinita
  • Esteticamente è molto aggressivo,proporzionato e imponente come giusto che sia per un fuoristrada marchiato Jeep,gli interni"gli ho visti di persona"sono molto eleganti,montati con cura,e con materiali di ottima qualità,plastiche morbide,ottima pelle dei sedili.I motori sono buoni,ma per l'Europa è più indicato il nuovo diesel 3.0 V6 Multijet della Fiat.
  • Io non sono soddisfatto del sistema sindacale italiano, delle pompe ad immersione e della caccia con la zagaglia, ma non ci penso nemmeno a dare su queste cose dei giudizi inappellabili, perchè metto in conto che la mia opinione potrebbe avere qualche vizio. Non c'è un amore spampanato tra me e fiat, anzi, ma non ho mai pensato di avere ragione e basta, da integralista
  • Visti i tempi che corrono,ma anche in altri momenti : 1900-2000 kg rinunciando al gratta-fondoschiena elettrico e ad altri ammennicoli vari,un motore un pò meno potente (180 all'ora non bastano ?) [ 0-100 su un fuoristrada??] , non andrebbero meglio? 6-7 km- litro?In Italia?? E la turbodiesel sarà parsimoniosa? No, ma avrà un mare di CV ! Garantito.Per farci cosa??BOH??I 200 all'ora?? Dove ?
  • bella macchina per il greggio a 150$ al barile, le polveri sottili della Lombardia, le strade medioevali dell'Umbria, per il mercato solo benzina degli USA poi, un vero spettacolo! UN VECCHIO TRATTORE con un po' di plastica nuova, chili tanti tecnologia ZERO. Spero ne vendano 2
  • Per fortuna che l'impronta stilistica rimane americana e si vede: se ci fosse stato lo zampino di qualche "picasso italiano" sicuramente avrebbero ottenuto il risultato della Freemont...
  • SERVIZI QUATTRORUOTE