Infiniti QX30 La prova della 2.2d DCT AWD Premium Tech

Marco Perucca Orfei Marco Perucca Orfei
Infiniti QX30
La prova della 2.2d DCT AWD Premium Tech
Chiudi
 

Tre centimetri. Il nocciolo della questione è questo. Tre centimetri separano l’altezza della Infiniti QX30 da quella della sorella Q30. Tre centimetri ottenuti rialzando l’assetto e rivedendo la geometria delle sospensioni. Cosicché già a un primo sguardo la QX si presenta in modo diverso. La luce maggiore tra ruote e passaruota, le barre sul tetto, le protezioni messe davanti e dietro a salvaguardare il fondo scocca, le danno un’aria importante, sottolineata dai grandi pneumatici da 18 pollici. La linea è caratterizzata da tratti forti, decisi, che partono dal frontale, scolpiscono la fiancata e si prolungano fino alla coda. 

Infiniti QX30: la famiglia si allarga

Abitacolo elegante e curato. Le quattro porte danno accesso a un abitacolo molto elegante e curato fin nei dettagli. I sedili, di pelle nappa, sono davvero belli, oltre che comodi, fanno una gran figura in questo colore cioccolato con cuciture a vista e s'integrano benissimo con la plancia, anch’essa in parte rivestita con lo stesso materiale. I colori, tono su tono e ben calibrati tra loro, concorrono a creare un ambiente caldo e accogliente. Le regolazioni elettriche (millimetriche) del sedile permettono di accomodarsi al meglio. È un attimo trovare la posizione più indicata alla propria corporatura. L’impostazione è sportiveggiante, come sulla Q30, con la sola differenza che qui si sta seduti qualche centimetro più in alto rispetto al suolo.

2017-Infiniti-QX30-6a

Motore, prestazioni, consumi. Il turbodiesel di 2.2 litri non è potentissimo (170 CV), ma ha coppia in abbondanza e risponde bene fin dai regimi più bassi. È il motore giusto per la QX30, ancor più quando - come in questo caso - è abbinato al cambio automatico a doppia frizione a sette marce, l'unico, in realtà, disponibile su questo modello. Le prestazioni, nonostante una massa che in condizioni di prova sfiora i 1.800 chilogrammi, non sono affatto male. La QX30 riesce a toccare i 100 km/h partendo da ferma in 8,9 secondi. In sostanza, ce n’è a sufficienza per muoversi in scioltezza su tutti i percorsi e anche per divertirsi al volante. Tutto questo, poi, senza consumare più di tanto. In media si fanno 15 chilometri con un litro di gasolio, che scendono a poco meno di 14 nella guida cittadina.

2017-Infiniti-QX30-12

Comportamento dinamico. L’assetto è stato completamente rivisto in modo da adattarlo alla maggior altezza da terra. Le molle sono più rigide e dietro c'è una barra antirollio maggiormente dimensionata per contrastare i movimenti della scocca in curva. Così, su strada, la guida non è tanto dissimile da quella della Q30; si avverte, pero, una maggior lentezza a recepire i comandi dello sterzo, dovuta anche alla massa considerevole che grava sulle ruote anteriori. I limiti di tenuta non sono elevatissimi, il comportamento, tuttavia, non riserva sorprese, il retrotreno è sempre ben sostenuto e, se si esagera, c'è sempre un Esp attento e ben calibrato che interviene a rimettere a posto le cose.

2017-Infiniti-QX30-25

Se la cava anche fuori dall'asfalto. La QX30 è l'auto giusta per viaggiare. Le sospensioni non sono troppo morbide, dietro arriva anche qualche scossone di troppo, ma riescono comunque ad assorbire bene le diseguaglianze della strada e a isolare efficacemente l'abitacolo. Anche il rumore resta lontano, almeno davanti. Il quattro cilindri, a dire il vero, fa sentire la sua voce più al minimo e a passo d'uomo che in velocita, dove finisce per confondersi con i pochi fruscii aerodinamici e con la rombosità dei pneumatici. Ma non è tutto: con un'altezza da terra che, su questa versione, raggiunge i 20 centimetri, una prima marcia cortissima (da 25 km/h) e la trazione integrale (una frizione a controllo elettronico trasferisce, se necessario, fino al 50% della coppia sulle ruote dietro), neve, fango o un po' di sabbia non rappresentano certo un problema per la QX30. Così, si può pensare anche di abbandonare l'asfalto e godersi la natura un po' più da vicino.

(Prova ripresa da Quattroruote di ottobre 2016, n. 734)

Pregi e difetti

INFINITI QX30 QX30 2.2d DCT AWD Premium Tech

Pregi

Prestazioni. Grazie alla coppia e alla potenza del 2.2 turbodiesel, su strada si muove proprio bene. È veloce, vivace, divertente da guidare. E consuma poco.

Finitura. A bordo si respira una bella atmosfera. L'abitacolo è rifinito con materiali pregiati e curato fin nei minimi dettagli. Inoltre, il design è originale.            

Difetti

Visibilità posteriore. In manovra bisogna fare i conti con la linea di cintura alta e il lunotto piccolo. I sensori e la telecamera a 360 gradi danno una bella mano.

Confort posteriore. Dietro c'è più rumore (la cancellazione elettronica funziona meglio davanti) e le sospensioni sono più rigide.



Dati & prestazioni

Velocità
Massima
214.176 km/h (IN VI)
Accelerazione
0-100 KM/H
8.9 s
400M DA FERMO
16.5 s
1KM DA FERMO
30.2 s
RIPRESA A MIN/MAX CARICO
70-120 KM/H
8.6/9.5 (IN D)
FRENATA
100 KM/H A MINIMO CARICO
41.5 m
CONSUMI MEDI
STATALE
17.5 km/l
AUTOSTRADA
14.4 km/l
CITTÀ
13.7 km/l
-
Abitabilità
3.5
Accelerazione
4.0
Accessori
4.5
Audio e navigazione
4.0
Bagagliaio
3.5
Cambio
4.5
Climatizzazione
4.5
Confort
3.5
Consumo
4.0
Dotazioni sicurezza
4.5
Finitura
4.5
Freni
3.5
Garanzia
3.0
Motore
4.0
Plancia e comandi
4.0
Posto guida
5.0
Prezzo
2.0
Ripresa
4.0
Sterzo
4.0
Strumentazione
4.0
Su strada
3.0
Visibilità
3.0

Pawel Zimny

Oggi se dovessi scegliere una giapp. Lexus o Mazda sono belle macchine , oltre ad essere affidabili .., peccato che non ci sono piu' le Honda di una volta..!!

COMMENTI

  • Oggi se dovessi scegliere una giapp. Lexus o Mazda sono belle macchine , oltre ad essere affidabili .., peccato che non ci sono piu' le Honda di una volta..!!
     Leggi risposte
  • SERVIZI QUATTRORUOTE