Abbiamo provato la nuova Infiniti Fx 30d S - la più sportiva - nell'allestimento top (Premium). Il nuovo 6 cilindri turbodiesel le permette finalmente di mettersi in diretta concorrenza con gli omologhi modelli BMW e Porsche anche sul nostro mercato. Con un asso nella manica: una linea da urlo. Al muso, cattivissimo, segue una fiancata slanciata, con linea di cintura alta e grandi parafanghi in rilievo; il tutto termina in una coda spiovente, da coupé. Lunga ben 4,87 metri, larga 1,93 e alta 1,68 metri, offre un Cx pari a 0,36.

Posto guida. L?impostazione è sportiva, ma con le gambe meno allungate che sulla Cayenne. Il sedile è ben conformato, ampiamente regolabile in altezza e in lunghezza e dotato di regolazione elettrica. Il volante si muove, anch?esso in modo elettrico, sia in altezza ? l?escursione, però, non è ampia ? sia in profondità. La strumentazione è raccolta davanti al guidatore in posizione ben visibile. Al centro vi è un display su cui confluiscono informazioni varie, mentre i comandi secondari sono sistemati in modo ordinato sulla console centrale. In alto vi sono quelli del sistema di navigazione, al centro quelli del impianto hi-fi e più sotto i tasti e le manopole del climatizzatore. Tutti i sistemi fanno capo all?ampio schermo da 8 pollici (con grafica 3D) posto all?estremità superiore.

Interni. Sulla Fx si viaggia molto bene in quattro, un po? più costretti (dietro) che sulla Cayenne, ma decisamente meglio che sulla X6. Lussuosi, ma senza esagerazioni, gli interni, curati nei dettagli e nella scelta dei materiali. Spiccano i sedili, in pelle trapuntata, comodi e ben fatti, mentre il climatizzatore automatico bi-zona, potente e di facile regolazione, non è al top per quanto riguarda il confort dei passeggeri posteriori. Il vano bagagli è ampio, regolare, ma poco profondo (soltanto 43 cm). La nostra prova delle palline da tennis parla chiaro: il volume utile è di 357 litri. Davvero poco se si pensa che la Cayenne offre un vano che va da 495 a 632 litri. La soglia di carico è, come su tutte queste vetture, alta e non è prevista l?apertura automatica del portellone.

Prestazioni. Con i suoi 238 CV e 550 Nm di coppia, la Fx sfiora i 215 km/h di massima e brucia lo 0-100 km/h in 8,6 secondi; quanto basta per assicurare viaggi veloci, dove si può, e disimpegni in tutta sicurezza. Basta affondare un po? di più l?acceleratore, e la spinta diventa subito possente. Certo, la Cayenne riesce a fare anche meglio (0-100 km/h in 7,3), ma nell?uso comune la Fx non teme confronti. Il 6 cilindri nipponico inizia a farsi sentire attorno ai 1.600 giri/min, per poi allungare fin quasi i 5.000, ben assecondato dal cambio automatico a sette marce. Con la sua massa imponente, la Fx ha fatto segnare 7,5 km/l in città, 9,5 su statale e 8,4 in autostrada. Guidando con attenzione, nell?uso quotidiano si possono fare anche 10 km/l. Autonomia elevata, comunque, grazie al serbatoio da 90 litri.

Su strada. Nonostante le dimensioni, la Fx è agile e precisa. Le raffinate sospensioni a controllo elettronico, le quattro ruote sterzanti e la trazione integrale le conferiscono un comportamento efficace e sicuro in ogni situazione. S?inserisce in curva con rapidità e prosegue con precisione sulla traiettoria impostata. Bene anche lo sterzo, pronto, preciso e con un buon carico sul volante. Positivo il giudizio sui freni, con un unico vero difetto: in condizioni di aderenza differenziata (bagnato-ghiaccio), la frenata si allunga in modo preoccupante (oltre 120 metri). Per quanto riguarda il confort, la Fx è condizionata dal suo assetto sportivo: le eventuali sconnessioni si ripercuotono in modo abbastanza violento nell?abitacolo. Più che buono, invece, l?isolamento acustico.