La prova della 2.0 BlueHDI Exclusive Citroën Grand C4 Picasso

×
 

Non è nemmeno una spanna più lunga della C4 Picasso, ma quel "Grand" davanti, che vale 17 centimetri di carrozzeria e una fila di sedili in più, la trasforma in un'altra cosa. Spazi (e ingombri) in aumento, ma anche tutt'altro carattere. Fra le categorie di "sette posti" presenti oggi sul mercato, la francese fa parte di quella via di mezzo tra dimensioni e praticità che contraddistinguono anche la "caposcuola" Opel Zafira.

Caratteristiche. La Grand Picasso vanta una notevole accessibilità senza far ricorso alle porte scorrevoli, grazie ai sedili della seconda fila che si chiudono a libro e scorrono avanti; in più offre le bocchette del climatizzatore sul padiglione in fondo e consente di viaggiare senza che si rattrappiscano le gambe. Tante meraviglie, però, si portano appresso anche qualche controindicazione. Il peso e le dimensioni, infatti, non passano indenni sul piacere di guida: tutt'a un tratto, si passa da una piacevolissima monovolume compatta a un macchinone un tantino ingombrante, con qualche inerzia in più e una maneggevolezza meno entusiasmante; e non solo tra i birilli o nel giro di pista. Ma partiamo dai pregi, che non sono pochi.

Confort di bordo. Davanti, tanto per cominciare, si ritrovano le mirabilia già apprezzate sulla versione "corta". In breve: il parabrezza enorme, il display da 12" ad alta definizione, l'appoggiapiedi elettrico per il passeggero. Quel che colpisce di più è la pulizia e l'essenzialità della console. Tasti e comandi secondari sono spariti, inglobati dall'altro display, quello da 7", touch screen. Radio, navigatore, climatizzatore e impostazioni varie si controllano da qui, con un dito. Tasti e rotelle, invece, si trovano in abbondanza sulla pagnotta del volante e anche quelli richiedono un pochino di apprendistato. Uno sportello davanti alla leva del cambio nasconde le prese Usb e Aux, mentre il lettore cd, quasi obsoleto, è optional e si trova nel cassetto davanti al passeggero. Quel che cambia, visto da fuori, comincia dalle porte posteriori, allungate. Dentro, si trova ancora più spazio per i passeggeri della seconda fila, che, senza sacrificarsi troppo, possono avvicinarsi ai sedili davanti e concedere preziosi centimetri per i due posti in fondo, dotati di sedute abbastanza alte e schienali non troppo verticali.

Come va. Spazio a parte, la novità principale della Grand C4 Picasso sta nel cofano. Oltre all'1.6 e-HDi, un po' sottodimensionato per la vettura (ma disponibile, per chi vuole risparmiare 2.500 euro), c'è infatti il nuovo 2.0 BlueHDi. Dotato di una gran coppia (370 Nm), che consente andature a bassi regimi e riprese in souplesse, senza ricorrere spesso alla leva del cambio. Quel che gli manca, casomai, è un pizzico di cattiveria in più. Da buon Euro 6, è un motore più votato alla riduzione di emissioni e consumi che alle prestazioni: la Grand C4 Picasso, infatti, risulta decisamente più turistica rispetto alla versione compatta, anche per quanto riguarda l'assetto. Nonostante la mole maggiore, è più morbida e manifesta reazioni diverse: nei test di stabilità, per esempio, il rollio è meno frenato e gli interventi dell'Esp, fin troppo marcati, causano qualche pompaggio sull'avantreno. In ogni caso, la sicurezza non è certo in discussione, con in più la presenza di tutta una serie di sistemi di assistenza alla guida di ultima generazione: dall'avviso di superamento della linea di corsia al monitoraggio con telecamere a 360°, tutti contribuiscono a rendere la monovolume francese ideale per lunghi viaggi rilassanti. A un patto: non trovarsi col sole dritto davanti agli occhi. Le due enormi alette, proporzionate alle dimensioni del parabrezza, per quanto scorrevoli e ribaltabili non riescono a coprire interamente la zona centrale, dietro lo specchietto.

In sintesi. La Grand C4 Picasso batte tutte le rivali quanto a estensione del passo e, di conseguenza, anche per abitabilità: in questa categoria è impossibile trovare una terza fila più comoda. Spazio a parte, i punti forti della monovolume francese rimangono quelli della sorella compatta: tanta tecnologia per rendere i viaggi sicuri e piacevoli, un alto confort di bordo e alcune soluzioni decisamente originali, da amare o odiare. Il parabrezza, per esempio: gigantesco com'è, permette di godersi panorami unici, ma costringe a continui aggiustamenti delle alette parasole. O i comandi touch screen, ottimi per design, meno per immediatezza d'uso (radio e climatizzatore sono "nascosti" tra i menu). Quanto all'appoggiapiedi per il passeggero, speriamo che serva almeno a vedere meno piedi appoggiati sulle plance, in autostrada...

Pregi e difetti

CITROEN C4 Grand Picasso Grand C4 Picasso BlueHDi 150 S&S Exclusive

Pregi

Terza fila comoda Per spazio a disposizione e facilità di accesso, la Grand C4 Picasso è più vicina alle grandi monovolume che alle rivali "compatte".
Confort Si viaggia in un abitacolo silenzioso e ben ammortizzato, immersi in un ambiente piacevole e dotato di tutti gli accessori per godersi i lunghi tragitti.

Difetti

Comandi complessi Il display touch screen richiede un certo apprendistato e un po' di pazienza nel passare da un menu all'altro. Sul volante si trovano troppi tasti e rotelle.
Sterzo Poco comunicativo: il servo elettrico lo rende sempre un po' troppo leggero e "filtrato".



Dati & prestazioni

Velocità
Massima
203.603 km/h
Accelerazione
0-100 KM/H
10.5 s
400M DA FERMO
17.3 s
1KM DA FERMO
31.8 s
RIPRESA A MIN/MAX CARICO
70-120 KM/H
19.7 / 21.9
1 KM DA 70 KM/H
32.7
FRENATA
100 KM/H A MINIMO CARICO
0.0 m
CONSUMI MEDI
STATALE
17.9 km/l
AUTOSTRADA
15.2 km/l
CITTÀ
16.7 km/l
-
Abitabilità
5.0
Accelerazione
4.0
Accessori
4.5
Bagagliaio
5.0
Cambio
3.5
Climatizzazione
4.5
Confort
4.5
Consumo
4.0
Dotazioni sicurezza
4.5
Finitura
4.0
Freni
4.0
Garanzia
2.0
Motore
4.0
Plancia e comandi
4.0
Posto guida
4.0
Prezzo
3.0
Ripresa
3.0
Sterzo
3.0
Strumentazione
4.0
Su strada
3.5
Visibilità
5.0

COMMENTI

SERVIZI QUATTRORUOTE

IIASSICURAZIONE? SCOPRI
QUANTO PUOI RISPARMIARE

Uilizza subito il servizio calcola assicurazione per trovare l'assicurazione che fa per te!
In collaborazione con https://www.facile.it
  1. Inserisci i tuoi dati anagrafici
  2. Inserisci i dati del veicolo
  3. Inserisci i dati assicurativi
  4. Confronta i risultati