Mercato

Elettriche
Monovolume e multispazio alla carica

Elettriche
Monovolume e multispazio alla carica
Chiudi

Tanto spazio per gli automobilisti che amano la praticità, ma senza i “soliti” motori termici. Sebbene rappresentino solo una nicchia di mercato, le monovolume e le multispazio stanno scoprendo una nuova vitalità grazie a numerose proposte elettriche, seppur “moltiplicate” da operazioni di rebadging. Il motivo di tanti modelli a emissioni zero va ricercato nell’uso professionale, come ha spiegato Marco Toro, ceo della Nissan Italia, in occasione del lancio della nuova multispazio Townstar: “Il mercato dei veicoli commerciali sente l’impatto del boom delle vendite online per la necessità di effettuare consegne nell’ultimo miglio anche in condizioni di restrizioni alla mobilità: questo sviluppo deve essere accompagnato da soluzioni di elettrificazione”. Il van a corrente mette quindi al riparo il professionista da eventuali divieti e blocchi della circolazione nelle Ztl dei centri urbani; a beneficiarne sono anche le versioni per famiglie, che adottano gli stessi powertrain. E proprio su tali modelli ci soffermiamo in questa rassegna.

2021-mercato-monovolume-multispazio-elettriche-02

La nuova Fiat e le gemelle. Nel marzo del 2022 arriverà sul mercato la nuova Fiat Ulysse, il cui nome richiama subito alla mente la monovolume torinese prodotta in due generazioni, negli anni 90 e nel decennio seguente. Oggi come allora, quando la vettura nasceva da una storica joint venture tra il gruppo Fiat e PSA, si tratta di un veicolo sviluppato in sinergia con il ramo “francese” di Stellantis, cui si è aggiunta anche la Toyota. Sebbene non siano ancora state diffuse le caratteristiche tecniche, è logico pensare che la sua variante elettrica, denominata e-Ulysse, possa adottare lo stesso powertrain delle gemelle diverse Citroën ë-SpaceTourerPeugeot e-TravellerOpel Zafira e-Life e Toyota Proace Verso Electric: un motore da 136 CV abbinato a batterie da 50 e 75 kWh, per rispettive percorrenze (dichiarate) di 230 e 330 km. Di certo sarà prodotta nello stesso stabilimento francese di Hordain, nella regione di Valenciennes.

Nuove multispazio. La versione elettrica della multispazio Nissan Townstar, già menzionata in apertura, adotta un powertrain a batterie da 122 CV, abbinato ad accumulatori da 44 kWh, che le consentono percorrenze dichiarate di 285 km (il dato è in attesa di omologazione). Anche in questo caso parliamo di un veicolo realizzato grazie a una joint venture, poiché dallo stesso progetto nascono anche le nuove generazioni della Renault Kangoo, giunta a ben 24 anni di carriera e già con una variante a batteria, e della Mercedes Citan. Le loro versioni a zero emissioni ricalcano le caratteristiche tecniche di quelle della Nissan e, proprio come la Townstar elettrica, saranno disponibili dal 2022, mentre le alternative termiche sono già in vendita. Anche queste tre vetture nascono in Francia, nello stabilimento Renault di Maubeuge, come testimoniato nel video qui sopra.

2021-mercato-monovolume-multispazio-elettriche-03

La famiglia si allarga? Vengono invece prodotte in Spagna, nello stabilimento galiziano di Vigo, le tre multispazio elettriche di Stellantis, cioè la Citroën ë-Berlingo, la Peugeot e-Rifter e la Opel Combo-e Life, oltre alla Toyota Proace City Electric (quest’ultima è in arrivo), tutte dotate di un powertrain a zero emissioni da 136 CV alimentato da una batteria da 50 kWh, che consente a questi veicoli autonomie (dichiarate) nel ciclo misto fino a 280 km. Non escludiamo che le sinergie tra i vari marchi del gruppo Stellantis possano in futuro dar vita anche a una quinta gemella con logo Fiat, che possa affiancare la nuova Ulysse. Nel frattempo, sappiamo già che nel 2023 la Ford lancerà la versione elettrica della multispazio Tourneo Connect, oltre che del furgone Transit Custom.

2021-mercato-monovolume-multispazio-elettriche-04

Monovolume premium. Chiudiamo questo breve approfondimento con la Mercedes EQV, variante elettrica della Classe V. Nonostante l’origine commerciale del mezzo – deriva dal van Vito, assieme al quale viene prodotto nello stabilimento di Vitoria, in Spagna – è una monovolume di lusso, con finiture e materiali in linea con il prestigio del marchio. Il suo powertrain da 204 CV è alimentato da una batteria da 90 kWh netti, con la quale è in grado di percorrere fino a 350 km nel ciclo combinato. A breve la EQV300, l’unica al momento a listino, verrà affiancata dalla più economica EQV250 con accumulatori da 60 kWh, per un’autonomia dichiarata di 213-236 km nel ciclo misto.

COMMENTI

  • Impossibile concepire un veicolo del genere con percorrenze al di sotto dei 350/400 Km! Almeno per l'uso familiare per il quale ritengo sia il loro habitat naturale. Elettrico va bene (per forza ormai!), ma ancora non ci siamo...
  • Al di là della motorizzazione, questi sono furgoni travestiti da auto Ho avuto S-Max e oggi ho una Espace, che sono vere monovolume Le monovolume sono uscite dal listino Sharan, Alhambra e Zafira è diventata un pulmino
     Leggi le risposte
  • il powertrain elettrico è perfetto per questi mezzi destinati alle consegne cittadine, percorrono meno di 200 Km giornalieri e possono essere ricaricati durante la notte nella sede del corriere. Diverso è il discorso per mezzi in versione passeggeri chiamati ad assolvere anche ai viaggi di discreta distanza, li non ci siamo proprio, chi li sceglierà si complicherà la vita in modo esponenziale...
     Leggi le risposte