CITROEN C3

Citroen-C3-2020-1280-08
>

La Citroën C3 è una tipica vettura di segmento B. Da anni tra le utilitarie più vendute nel nostro paese, ha un design originale, con dettagli che ammiccano alle crossover.

Citroën C3: la storia del modello

La Citroën C3 di prima generazione viene presentata al Salone di Francoforte 2001 con una carrozzeria a cinque porte ispirata alla storica 2CV, nata dalla mano dei designer Donato Coco e Jean Pierre Ploué. Sul mercato dal 2002, è affiancata dal 2003 dalla variante Pluriel, con carrozzeria “trasformabile”: cabriolet, spider e pick-up, grazie al sistema di apertura della capote simile a quello della Fiat 500C, ma con i montanti removibili all’occorrenza. La seconda generazione fa il suo debutto nel 2010, con una linea che reinterpreta in chiave più moderna i canoni della prima serie. Disponibile nella sola variante a cinque porte, viene poi affiancata dalla DS3 che, di fatto, rappresenta la sua versione premium a tre porte (in seguito venduta con il nuovo premium brand DS, spin-off del Double Chevron), disponibile anche con carrozzeria scoperta.  La terza serie della C3 fa il suo debutto nel 2016 con un look del tutto inedito e, dal 2017, viene affiancata dalla C3 Aircross, la sua sorella a ruote alte. Nel 2020 viene sottoposta al consueto restyling di metà carriera.

Corpo vettura

  • Anno modello: 2020 - 2021
  • Posti: 5
  • Porte: 5
  • Serbatoio: da 42l a 45l
  • Altezza Altezza: 147 cm
  • Larghezza Larghezza: 175 cm
  • Lunghezza Lunghezza: 400 cm

Offerte e Promozioni

La Citroën C3 è spesso oggetto di promozioni commerciali, in genere sotto forma di contributo della Casa che abbassa il prezzo di listino, anche a prescindere da campagne di permuta o rottamazione. L’adesione ai finanziamenti del Double Chevron, inoltre, comporta un ulteriore sconto per il cliente ed è possibile anche trovare esemplari immatricolati a Km0.

Citroën C3 nuova: il listino, gli allestimenti e i motori

La Citroën C3 di terza generazione, in vendita dal 2017, ha abbandonato lo stile vagamente ispirato alla storica 2CV per adottare un design che riprende il look della C4 Cactus, a cominciare dai suoi caratteristici paracolpi (gli “airbump”), ma con dimensioni da segmento B: è lunga 4 metri, larga 1,75 e alta 1,47. Con il facelift del 2020 sono state apportate modifiche alla carrozzeria concentrate soprattutto sul frontale, dove debutta la nuova firma stilistica del marchio. I clienti hanno ora a disposizione 97 differenti combinazioni di colore con cui personalizzare la vettura. In particolare, è possibile scegliere tra sette tinte della carrozzeria, quattro Pack Color associati a diverse finiture per il tetto, che, a sua volta, si può avere in quattro colori e con tre decorazioni grafiche. Quanto ai livelli di dotazione, gli allestimenti in cui viene proposta la C3 sono denominati, in ordine di ricchezza, Live, Feel, Feel Pack, Shine e Shine Pack. Tutte le C3, comunque, hanno di serie fari a Led, cruise control, impianto audio Dab con vivavoce bluetooth, l’avviso del cambio di corsia, il riconoscimento dei segnali stradali e il rilevatore di stanchezza. La lista degli Adas non finisce qui: l’utilitaria francese può avere anche l’avviso dell’angolo cieco e la frenata automatica d’emergenza. Quanto alle altre dotazioni, tra le più interessanti si segnala l’infotainment con Mirror Link, Apple Car Play e Android Auto, che può essere azionato anche con i comandi vocali e segnala al guidatore il traffico in tempo reale e le zone di pericolo, essendo implementato dal sistema TomTom Traffic. Non mancano tra le opzioni il tetto panoramico e la ConnectedCam, una sorta di dash cam per catturare foto e video mentre si è al volante. E ancora, è possibile avere il Pack Assistenza & Sos, costituito dalla chiamata automatica ai servizi d’emergenza in caso d’incidente e dal Connect Assist, che permette di controllare da remoto alcuni parametri del veicolo: tra questi la posizione, l’autonomia, il chilometraggio e la manutenzione. Capitolo motori: la Citroën C3 è disponibile con propulsori tricilindrici a benzina e quadricilindrici a gasolio, tutti dotati di sistema Start&Stop. Quanto ai primi, il PureTech da 1.2 litri è declinato nelle versioni da 83 e 110 CV, ma non è più disponibile nella variante a doppia alimentazione benzina-Gpl. Chi desidera un motore diesel può scegliere il quattro cilindri da 1.5 litri BlueHDi da 102 CV, che eroga una coppia massima di 250 Nm. Tutte le C3 hanno un cambio manuale a cinque marce, tranne la versione PureTech 110 Eat6, dotata di trasmissione automatica a 6 rapporti, con tre modalità di guida: Drive, per l’uso quotidiano; Sport, che permette passaggi di marcia a limitatore; infine Snow, l’ideale per i fondi a bassa aderenza come neve o ghiaccio: in questa modalità la coppia motrice scaricata sulle ruote anteriori viene ridotta e la centralina interviene in fase di scalata, andando a evitare lo slittamento delle gomme.

Allestimenti

Allestimenti   cm3 kW/CV euro Prezzo  
C3 PureTech 83 S&S Feel
C3 PureTech 83 S&S Feel Pack
C3 PureTech 83 S&S Shine
C3 PureTech 83 S&S Live
C3 PureTech 83 S&S C-Series
C3 PureTech 83 S&S Shine Pack
C3 PureTech 110 S&S Feel Pack
C3 PureTech 110 S&S Shine
C3 PureTech 110 S&S Shine Pack
C3 PureTech 110 S&S EAT6 Shine
C3 PureTech 110 S&S EAT6 Shine Pack
C3 BlueHDi 100 S&S Feel
C3 BlueHDi 100 S&S Feel Pack
C3 BlueHDi 100 S&S C-Series
C3 BlueHDi 100 S&S Shine
C3 BlueHDi 100 S&S Shine Pack

Proposte dall'usato

La Citroën C3 è una delle utilitarie più vendute nel nostro paese. Per questo, è tutt’altro che difficile trovare un esemplare di seconda mano, come dimostrano gli annunci pubblicati sul nostro sito. L’acquisto di una vettura già immatricolata può essere una buona soluzione per coloro che cercano una C3 alimentata a Gpl, non più ordinabile.

Prove su strada

News correlate citroen

Citroën C3: le opinioni

La Citroën C3 ha un look molto originale e una buona abitabilità, ma è bene valutare con attenzione gli esemplari con tetto panoramico: la sua presenza riduce lo spazio, penalizzando i più alti. Il bagagliaio, che mostra una soglia di carico piuttosto alta, ha una voluminosità in linea con la categoria. In marcia lo sterzo è piuttosto leggero, ma comunque apprezzabile, mentre le sospensioni si rivelano abbastanza confortevoli e l’insonorizzazione è di buon livello: rumori e fruscii emergono solo alle andature più elevate. ll turbobenzina da 110 CV spinge bene e ha solo qualche incertezza ai bassi regimi, ma la ripresa tiene testa a quella delle versioni 1.5 BlueHDi a gasolio, anch’esse dotate del cambio manuale a cinque rapporti, con innesti un po' lunghi e non sempre precisi, ma particolarmente adatti ad un’andatura turistica. Volendo, la più potente delle versioni a benzina può avere il cambio automatico a sei rapporti con tecnologia Quick Shift, che si fa notare per la grande fluidità di marcia. Le versioni a gasolio vanno bene per chi fa tanta strada, perché il tre cilindri PureTech si mostra comunque poco assetato, soprattutto in città, dove le medie sono simili a quelle dei diesel.