PORSCHE 911 Nuova, Usata, Offerte e Allestimenti - Quattroruote

PORSCHE 911

>

La Porsche 911 è il modello più rappresentativo della Casa di Zuffenhausen. Anche ora che la sua produzione si è ampliata verso nuovi segmenti di mercato più ampi e redditizi, la Porsche continua ad avere nella 911 la sua indiscussa portabandiera e tutti gli altri modelli s’ispirano ai suoi stilemi. Il suo successo su scala mondiale è frutto di una formula unica, che le consente di essere una tra le poche vere sportive in grado di adattarsi bene anche a un utilizzo quotidiano.

Porsche 911: la storia del modello

La prima generazione della Porsche 911 fu presentata nel 1963 e raccolse l’eredità di quella 356 divenuta oggi icona di un’epoca, ricercata dai collezionisti di tutto il mondo. Ad accomunare le due auto era soprattutto lo schema meccanico, con il motore boxer raffreddato ad aria montato posteriormente a sbalzo. La linea, opera di Ferdinand Porsche, segnava invece il passaggio a forme più tese e filanti e a una sagoma rivelatasi capace di attraversare le epoche per arrivare con proporzioni quasi immutate fino ai giorni nostri. Per risolvere tanti piccoli problemi di gioventù, questa sportiva, con carrozzeria coupé o targa 2+2, fu aggiornata ripetutamente e declinata poi in tante versioni, dalla 911 T base alla 911 RS 2.7. Questa cilindrata fu adottata nel 1974 dalla seconda serie della 911, rinnovata profondamente e affiancata in listino nell’anno successivo dalla prima 911 Turbo. Nel 1977 apparve invece il modello 911 SC, che vide il debutto nel 1983 della prima 911 Cabriolet, mentre nel 1984 fu la volta delle 911 Carrera 3.2. Un salto generazionale importante avvenne poi nel 1989, quando fu introdotta la cosiddetta 911 964, proposta sia come Carrera 2 a trazione posteriore sia come Carrera 4 a trazione integrale. Anche questa serie fu venduta in versione Turbo, ma ancor più particolare fu la variante Speedster con parabrezza ribassato. Nel 1993 vide la luce la serie 993, che fu l’ultima 911 raffreddata ad aria: a sua volta declinata nelle varianti Carrera 2 e 4 e anche con carrozzeria targa, non era però dotata del tetto rigido asportabile come le antenate, bensì di un tetto panoramico di cristallo. Questa scelta fu mantenuta anche con la successiva serie 996 del 1997, l’unica 911 della storia ad abbandonare la tipica forma circolare dei fari anteriori. Forma che fu invece recuperata dalla 911 997 del 2005 la quale, nel corso della sua vita, vide tornare in auge anche la carrozzeria Targa con un’ampia fascia metallica alle spalle dell’abitacolo. Nel 2011 subentra quindi la 911 991, sviluppata ex novo su una piattaforma con un passo allungato di 10 cm e che nel corso della sua carriera ha visto uscire di scena i motori aspirati in favore di una gamma sovralimentata. L’ottava generazione della 911, siglata 992, è apparsa invece nel 2018.

Corpo vettura

  • Anno modello: 2018 - 2020
  • Posti: da 2 a 4
  • Porte: 2
  • Serbatoio: da 64l a 68l
  • Altezza Altezza: da 125 cm a 130 cm
  • Larghezza Larghezza: da 181 cm a 190 cm
  • Lunghezza Lunghezza: da 452 cm a 456 cm

Porsche 911 nuova: il listino, gli allestimenti e i motori

La Porsche 911 992 segue la regola di famiglia e non nasce da un foglio completamente bianco, ma è ben più di un pesantissimo aggiornamento. In altre parole è tutta nuova, ma senza essere davvero diversa dalle progenitrici. Anche nell’abitacolo si coglie una certa continuità di fondo, per esempio con la chiave d’avviamento a sinistra del volante, pur in presenza di arredi sviluppati ex novo. L’interno è pratico, senza eccessi e raccolto, perfetto per due adulti nella zona anteriore e capace di accogliere due eventuali bambini sui sedili posteriori. In loro assenza, gli schienali possono essere reclinati in avanti per creare un piano d’appoggio e migliorare la già buona capacità di carico. La plancia si sviluppa per linee orizzontali ed è dominata da schermi digitali che fanno da preludio a una dotazione tecnologica di alto livello, con moderni sistemi di sicurezza e di assistenza alla guida: questi risultano comodi nel traffico, anche se la 911 resta un’auto da guidare in prima persona, bilanciata, piacevole e tutto sommato facile anche quando si viaggia spediti. Il merito va diviso tra un assetto sano, un'elettronica ben tarata e uno sterzo pronto e preciso, le cui caratteristiche si esaltano in presenza delle quattro ruote sterzanti. Quanto a motori, il sei cilindri boxer turbo che apre il listino riesce presto a convincere anche i più tradizionalisti fan delle unità aspirate di una volta, trovando una spalla perfetta nel cambio robotizzato a doppia frizione PDK. Gira rotondo sin dai regimi più bassi, sfoggia una progressione lineare e sa prodursi in allunghi impetuosi. Carrera 2 o Carrera 4, a trazione posteriore o integrale, Coupé o Cabriolet, la 911 riesce a restare sempre sé stessa. Ciò non toglie, però, che chiunque possa personalizzare l’auto a piacimento: le liste degli optional e degli accessori sono quasi interminabili e per farsi un’idea dell’offerta non resta che giocare un po’ con il nostro configuratore.

Allestimenti

Allestimenti   cm3 kW/CV euro Prezzo  
Novità 911 Carrera
Novità 911 Carrera Cabriolet
Novità 911 Targa 4
Novità 911 Carrera 4
Novità 911 Carrera 4 Cabriolet
Novità 911 Carrera S Cabriolet
Novità 911 Carrera S
Novità 911 Targa 4S
Novità 911 Carrera 4S Cabriolet
Novità 911 Carrera 4S
Novità 911 Turbo Cabriolet
Novità 911 Turbo Coupé
Novità 911 Turbo S Cabriolet
Novità 911 Turbo S Coupé
Novità 911 Speedster

Proposte dall'usato

Si fa presto a dire Porsche 911. In circa sessant’anni di vita, questo modello è stato declinato in innumerevoli varianti, che rendono il panorama degli esemplari venduti d’occasione tra i più variegati in assoluto. Oltre alle carrozzerie Coupé, Cabriolet, Targa o Speedster, gli annunci del nostro sito possono riguardare vetture in allestimento base o corsaiolo, come le varie GT2 e GT3, magari anche in variante RS.

Prove su strada

News correlate porsche

Porsche 911: le opinioni

Da sempre, il bello della 911 è la sua capacità di unire prestazioni mozzafiato a una fruibilità sorprendente. Forse nessuna altra auto sa passare con la stessa disinvoltura dai cordoli di una pista alla vita di tutti i giorni, in cui sa persino essere comoda e versatile. Oggi basta modificare la modalità di guida selezionata per cambiare pelle all’auto, con a disposizione anche una funzione dedicata all’asfalto bagnato, denominata Wet. In relazione a quanto descritto sinora, il fatto che il volante impedisca una perfetta lettura della strumentazione è tutto sommato un peccato veniale.