Eventi

Nuovo Quattroruote
Scopri il numero di dicembre - VIDEO

Nuovo Quattroruote
Scopri il numero di dicembre - VIDEO
Chiudi

Passato, presente e futuro s'incontrano e s'intrecciano su Quattroruote di dicembre, dove l'intervista esclusiva a Carlo De Benedetti sulla nascita della Fiat Panda fa da contraltare alla prova della Nuova 500. L'elettrica cittadina, chic per definizione, traccia la strada delle emissioni zero nel gruppo FCA: d'accordo, ma come va e quanto fa con una carica? Leggete l'anticipazione qui sotto e, dopo aver acquistato il numero, le 12 pagine del super test. Lo sguardo resta proiettato al futuro con la moderna e sofisticata Hyundai Tucson, l'auto di copertina, mentre le inchieste si occupano di una questione assai pragmatica, ma fondamentale: quanto costa mantenere a suon di tagliandi i 50 modelli più venduti in Italia? Abbiamo fatto i conti per voi. E, se pensate di saperlo già, vi assicuriamo che le sorprese non sono mancate.

Quattroruote di dicembre è in edicola

Dossier e approfondimenti. Dicembre è un mese particolarmente ricco anche sul fronte dei dossier: a richiesta, infatti, sono disponibili sia Q Tech, un'altra immersione nel futuro che ci attende, sia Q Prove Electric, un volume di 128 pagine dedicato alle emissioni zero radiografate dal Centro Prove di Vairano nell'ultimo anno. Non manca l'allegato gratuito Fleet&Business Special Edition, con un focus sul mercato delle auto aziendali, sui nuovi trend del noleggio e del leasing e sulla sempre più decisa spinta delle aziende verso l'elettrificazione delle flotte. Quattroruote di dicembre e i dossier sono già disponibili in Digital Edition e vi aspettano in edicola a partire dal 28 novembre. Curiosi di saperne di più? Analizziamo tutti i contenuti nel dettaglio.

Trailer - Hyundai Tucson: un'altra storia

Hyundai Tucson. Il cambio di passo è netto, evidente. Anche se della Tucson non sei un cultore: dal design (nato da un algoritmo elettronico e poi sapientemente adeguato dalla matita degli stilisti) all’abitacolo, che segna un vero e proprio spartiacque nella gamma del costruttore coreano, tutto assume un’aria più lussuosa e ricca. Quasi premium, verrebbe da dire. Non bastasse, la Suv coreana rimedia al bagagliaio poco generoso della generazione precedente: grazie ai 12 centimetri aggiuntivi nell’altezza nel vano, abbiamo rilevato una capienza pari a ben 523 litri, ovvero quasi 150 in più rispetto a prima. Sul fuoco, poi, ci sono anche altri temi. L’arrivo del sistema ibrido full, per esempio, che si rivela potente (230 CV), ma pure un po’ assetato in autostrada.  

Alpine A110 S vs BMW M2 CS vs Porsche 718 Cayman GT4. I numeri, a volte, non raccontano tutta la verità. Perché ci sono aspetti, leggi quelli emozionali, per i quali non esiste uno strumento di misura. Con le tre sportive che abbiamo messo a confronto, tutto passa attraverso le sensazioni e il puro piacere. E poco importa se a dividerle ci sono i numeri, appunto, ma anche soluzioni tecniche differenti. Queste sono le versioni di punta di sportive già ben note e nascono col preciso intento di sublimare la guida: la Alpine A110 S e la Porsche Cayman GT4, basse, affusolate, tuttodietro, e la muscolosissima BMW M2 CS, con il sei cilindri messo là davanti ma la trazione rigorosamente posteriore. Per comprenderle fino in fondo le abbiamo portate sia in strada sia in pista, dove abbiamo trovato conferme ma anche qualche sorpresa. La francese ci ha ribadito il concetto che la leggerezza è tutto, o quasi. Fatto che sta a cuore pure alla Porsche: la Casa tedesca, con questa GT4, dimostra ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, che la dinamica di marcia è il pane quotidiano, a Weissach. Le due lettere CS, sulla M2, riportano invece alla mente le migliori M3 d’un tempo: un possente sei cilindri e le traiettorie che paiono esser disegnate dalle ruote dietro, anziché da quelle anteriori.

Trailer - Kia Sorento 2020: obiettivo Premium ma consumi bassi

Kia Sorento. La Sorento inaugura un nuovo capitolo della sua vita: non solamente per i cambiamenti nella linea, o per l’abitacolo – sempre in grado di ospitare sette persone – di pregevole fattura. La novità più grande è sotto pelle, perché la Suv-ammiraglia del costruttore coreano punta lo sguardo verso il futuro dicendo addio al motore a gasolio. Nel cofano, solamente powertrain ibridi come quello in prova, composto dall’1.6 turbobenzina e da un motore elettrico, per 230 cavalli totali. Per un consumo che, però, non strabilia: la media rilevata è pari a 13 chilometri con un litro.

2020-Maserati-Ghibli

Maserati Ghibli Hybrid. Partiamo dal fulcro del Model Year 2021 della Ghibli. Un due litri a benzina da 330 CV che porta con sé un paio di novità assolute: non si era infatti mai vista una Maserati ibrida né, tra le stradali, una quattro cilindri. Fuori dal cofano, poi, l'aggiornamento prevede un restyling altrettanto "mild", con pennellate blu elettrico sulle pinze dei freni, sulle tre feritoie che ornano i parafanghi e sul fulmine sotto il tridente del montante posteriore. Poi, tocco che riguarda pure le sorelle non elettrificate, le luci a boomerang dietro, omaggio alla 3200 GT degli anni 90, oltre che alla concept Alfieri. Interessante come punto di partenza, no?

2020-Subaru-Impreza

Subaru Impreza e-Boxer. I punti fermi della Subaru Impreza e-Boxer rimangono quelli di sempre, con il motore a benzina a cilindri contrapposti e la trazione integrale. Terreno fertile per l’ibrido secondo le Pleiadi: allo schema si aggiunge, infatti, un cuore elettrico da 12 kW (inserito nel cambio Cvt) e alimentato da una batteria agli ioni di litio sistemata sopra l’asse posteriore. Nonostante il powertrain dalla vocazione sostenibile, il consumo non è il fiore all’occhiello di questa vettura. Se in extraurbano e in città le cose non vanno male - come dimostrano i quasi 17 km/l rilevati in statale e i poco più di 15 rilevati nel traffico del centro - l’autostrada crea qualche grattacapo all’e-Boxer, con una percorrenza rilevata inferiore ai 12 chilometri con un litro di benzina. Così la media di 14,3 km/l non fa gridare al miracolo. Il comportamento dinamico, però, è come tradizione comanda: grazie al 4x4 e a un assetto composto, l’Impreza infonde sempre una gran sensazione di sicurezza.

2020-Toyota-CH-R

Toyota C-HR, il prototipo a metano. Non vi accontentate della già apprezzabile parsimonia della vostra auto full hybrid e volete dimezzare la spesa per il carburante portandola a poco più di 3 euro per 100 km? Si può fare, montando un impianto a metano. Oggi l’alimentazione a gas è infatti disponibile anche per le auto bimotore, come il protototipo della Toyota C-HR che abbiamo provato su Quattroruote di dicembre. La vettura utilizzata per la prova è una sorta di showcar frutto della collaborazione tra la Snam4Mobility, la divisione per la mobilità sostenibile del colosso energetico Snam, e il LandiRenzo Group, l'azienda di Cavriago (RE) leader nel campo dei sistemi di alimentazione a gas per vetture e veicoli industriali. L'auto, quindi, non è in vendita e rappresenta di fatto una sperimentazione che non vede coinvolta la Toyota. Noi, però, siamo qui per valutare come va questa C-HR "gasata". E, in sintesi il responso è positivo: va bene. Dal punto di vista dell'impiego, la trasformazione a metano si fa sentire più sulle prestazioni che sulla funzionalità: in assenza del turbo, che consente di azzerare il calo di potenza derivante dall'uso del gas, l'accelerazione e, soprattutto, la ripresa e la velocità massima perdono vigore. Come anticipato, il capitolo costi d'esercizio è quello che regala le maggiori soddisfazioni. La C-HR è già parca di suo, ma alimentandola a metano la spesa corrente per il carburante si abbatte drasticamente, passando da una media di 7,51 euro/100 km a 3,43. Per un corretto calcolo della convenienza economica, però, si deve anche tener conto del costo della trasformazione.

2020-Yaris-GR

Impressioni di guida. Ricca la sezione dei primi contatti, con la grintosissima Toyota GR Yaris, la lussuosa Mercedes-Benz Classe S e una hypercar d'eccezione, la Lamborghini Huracán STO, guidata in pista a Nardò.

Trailer - FIAT Nuova 500: a Vairano con Paolo Massai

Q Electric. Come detto, questo mese la sezione a emissioni zero ospita il debutto della Nuova 500: l'aggettivo non è un caso, perché definirla soltanto elettrica sarebbe riduttivo. Già, perché prima di considerare l'inedita anima a batteria, bisogna infatti soppesare tutto quel che c’è attorno. A partire dal design, ancora una volta una riuscitissima reinterpretazione del linguaggio stilistico della 500, fino agli interni. Anch’essi sono un’azzeccata miscela di stile e funzionalità, ma pure un consistente step evolutivo in termini di supporto al guidatore: ci sono un infotainment nuovo di zecca, ricco di funzioni e facile da usare, e la guida assistita di livello 2, che peraltro funziona bene. Da guidare, la Nuova 500 ha tutto quel che serve per godersi la città senz’ansia. Compatta, volta in un fazzoletto, ha lo scatto istantaneo tipico delle elettriche e di strada, con un pieno, ne fa parecchia: quasi 300 km veri. Certo, se poi volete farci un weekend lontano da casa il range si riduce un po’, fra statale e autostrada: in media copre 240 km. C’è di buono, però, che accetta corrente continua a 85 kW: mezz’oretta e sei di nuovo in marcia con la batteria piena. Sempre questo mese, ci occupiamo anche di torque vectoring con una prova speciale che vede protagoniste due Audi e-tron Sportback, la 55 e la S. Le Autonotizie presentano poi la BMW iX, la versione di serie della concept iNext: Fabio Sciarra ne approfondisce i segreti, poiché l’alimentazione è a batterie, ma sarebbe limitativo circoscrivere a questa caratteristica l’essenza di un’auto che è un manifesto tecnologico sotto molti punti di vista, dalla telematica alla guida semiautonoma. Ci occupiamo poi delle forme della nuova Porsche Macan, la quale, a sorpresa, abbandona definitivamente i motori a combustione. Infine le impressioni di guida, con il test in anteprima della sino-svedese Polestar 2.

Anteprime e Autonotizie. Nell'ambito delle novità dotate di motori endotermici questo mese ci dedichiamo a una vettura molto attesa, la nuova Nissan Qashqai. La Casa giapponese ha rilasciato alcune foto di esemplari camuffati e le prime informazioni tecniche: ve le racconta Andrea Stassano. Di inatteso, invece, c'è il volto di una supercar ibrida a cui la Jaguar vorrebbe affidare un rilancio a lungo inseguito e che passerà anche per una maggiore integrazione con la sorella Land Rover a partire dal design: lo rivela Roberto Lo Vecchio. Infine, nell’era frugale della pandemia, una concessione edonistica: il sogno a occhi aperti della versione scoperta della prima Ferrari ibrida di serie, la SF90.    

2020-carrozzieri

Attualità e Inchieste. L’attualità di dicembre prende spunto da una vicenda di cronaca per accendere un faro su una realtà importante dell’automotive italiano, quella dei centri stile e delle storiche carrozzerie dell’area torinese. Il recente annuncio della messa in liquidazione della Pininfarina Engineering, società di ingegneria controllata dalla Pininfarina, ha messo infatti in evidenza le difficoltà di questo settore, un tempo motivo d’orgoglio per l’intero Paese. Nonostante la chiusura di storiche aziende come Bertone e I.De.A. Institute, sono ancora numerose le imprese attive, grazie a un costante rinnovamento di tecnologie e soluzioni proposte ai committenti. Di un profondo rinnovamento, in realtà, avrebbe bisogno anche la burocrazia italiana, come dimostra la vicenda kafkiana che vi raccontiamo, relativa a un commerciante milanese, intrappolato nel gorgo di sentenze, direttive e sanzioni che ruotano intorno all’utilizzo della cosiddetta targa prova. Nella sezione Business parliamo, invece, di costi di manutenzione: un argomento che interessa tutti, perché, grazie ai dati elaborati da Quattroruote Professional, abbiamo potuto definire l’esborso necessario per l’effettuazione dei tagliandi nell’arco di cinque anni di utilizzo per 50 dei modelli più venduti. I risultati non sono affatto scontati: facendo due conti si scopre, infatti, che in cinque anni un'Audi A3 TDI può costare la metà di una Fiat Tipo Multijet. Leggete la nostra anticipazione per saperne di più.

2020-QTech

Quattroruote + dossier Q Tech. Con Quattroruote di dicembre torna, a richiesta, l'appuntamento con Q Tech, il dossier interamente dedicato alla tecnologia e ai suoi più recenti sviluppi. Le 96 pagine sono articolate in cinque diverse sezioni, le quali si aprono con quella dedicata agli Scenari. A che punto è la guida autonoma? È vero che molti progetti in materia sono stati rallentati da altre urgenze e che le prospettive temporali di realizzazione si sono allungate? Sono solo alcuni degli interrogativi cui diamo una risposta, prima di gettare uno sguardo sulle nuove frontiere dell’illuminazione, coi fari Led digital matrix dell’Audi, e sui più recenti materiali, frutto di nanotecnologie, destinati ad acquistare un peso sempre più rilevante nei prossimi anni. A Gaming e simulazione è dedicata, invece, la seconda parte del fascicolo, ma non mancano un focus sui sistemi d’intrattenimento (nella sezione Sound&Infotainment), i ragionamenti sulle batterie, sui loro materiali e una sezione, chiamata Ieri&oggi, dedicata alle riflessioni sulle auto dei giorni nostri e di quelle di un tempo. Che cosa accadrà nel prossimo futuro, quando a invecchiare saranno i sempre più numerosi sistemi dei giorni nostri? Q Tech è disponibile con Quattroruote di dicembre a soli 2 euro in più ed è proposto anche in Digital Edition all’interno dello sfogliatore di Quattroruote, nella sezione Speciali, al prezzo di 1,99 euro per gli acquirenti della singola copia e a titolo gratuito per gli abbonati alla Digital Edition.

2020-QProveElectric

Quattroruote + dossier Q Prove Electric. Lo speciale di 128 pagine è interamente dedicato ai test delle auto elettriche passate dalla nostra redazione nell'ultimo anno. Tra i vari modelli messi alla frusta dal Centro Prove troviamo le Suv Audi e-tron Sportback, Mazda MX-30 e Mercedes-Benz EQC e le piccole Honda e, Mini Cooper SE, Renault Zoe, Skoda Citigo-e iV e Smart EQ fortwo. Non mancano le prove di modelli attesissimi come la Porsche Taycan, la Tesla Model 3, la Volkswagen ID.3 e quelle di vetture che si vanno a posizionare nel cuore del mercato a zero emissioni, come le Hyundai Ioniq e Nissan Leaf. In più, all'interno del dossier sono presenti un approfondimento tecnico sui sistemi di ricarica, da quelli domestici alle colonnine rapide, e un'anteprima di tutti i nuovi modelli a batteria in arrivo nel 2021. Q Prove Electric è disponibile con Quattroruote di dicembre a 2 euro in più ed è proposto anche in Digital Edition all’interno dello sfogliatore di Quattroruote, nella sezione Speciali, al prezzo di 1,99 euro per gli acquirenti della singola copia e a titolo gratuito per gli abbonati alla Digital Edition.

2020-Fleet

Quattroruote + Fleet&Business Special Edition. Uno spaccato del mercato delle auto aziendali, i nuovi trend del noleggio e del leasing e la sempre più decisa spinta delle aziende verso l'elettrificazione delle flotte: sono queste le tematiche di Fleet&Business Special Edition, il dossier gratuito distribuito assieme al numero di dicembre. Tra i molteplici focus, nell'allegato troverete delle anticipazioni sui nuovi modelli green in uscita, degli approfondimenti sulla visione dei noleggiatori e delle case automobilistiche sul futuro del mercato e un'analisi su come le norme d'omologazione Wltp potrebbero penalizzare i fringe benefit degli assegnatari di vetture aziendali. Temi trattati anche nel nostro consueto Forum, durante il quale abbiamo raccolto i commenti delle associazioni del settore automotive, nonché nella seconda edizione del Fleet&Business digital event. Il fascicolo è disponibile anche in Digital Edition in coda al giornale, inserito all’interno della voce arretrati/allegati.

2020-Volvo-XC40

Volvo XC40 T4 Recharge plug-in. Nell’ottica di un utilizzo business, l’ibrido plug-in può essere risparmioso quanto il gasolio? Nell’edizione speciale di Fleet&Business proviamo a rispondere alla domanda con la prova della XC40 T4 Recharge plug-in, porta d’accesso al mondo delle Volvo alla spina. Con un prezzo (in allestimento Inscription) pari a 40.250 euro Iva esclusa, la Suv sfrutta l’accoppiata turbobenzina e motore elettrico per un totale di 211 cavalli di sistema e un consumo medio rilevato pari a quasi 33 km/l. Una percorrenza che, però, si raggiunge solamente ricaricando la batteria. 

Quattroruote + Youngtimer. Il match del nuovo numero è tra Mazda RX-8, RX-7, 323 GT-R e MX-3: quattro modelli che sintetizzano perfettamente lo spirito del marchio giapponese, che ha da poco tagliato il traguardo dei 100 anni. Youngtimer è disponibile con Quattroruote dicembre a 1,50 euro in più.

Come richiedere allegati e dossier. Chi è già abbonato a Quattroruote può richiedere gli allegati e i dossier inviando un'email a uf.vendite@edidomus.it, telefonando al numero 800-001199 (dal lunedì al venerdì dalle 8.45 alle 20, sabato dalle 8.45 alle 13) oppure inviando un fax allo 0292856110 o allo 02022111959.

COMMENTI

  • Da due mesi a questa parte ,la rivista arriva troppo in ritardo. Lo scorso mese il 12 e questo ad oggi ( 11.12 ) ancora nulla . Ma che sta succedendo ???
  • Vorrei segnalare che un paio di mesi nel listino FIAT pubblicato su QR per Tipo e 500L vengono riportati solo motori diesel quando invece sul configuratore fiat é possibile scegliere anche motori a benzina. Inoltre per quanto riguarda id.3 e id.4 viene indicato che sono a trazione anteriore, quando invece la trazione standard é posteriore. Per la id.3 viene riportata solo la batteria di taglio minore... infine, cosa di poco conto daro i numeri scarsi che fará, ma al Ford Explorer viene indicato un passo di 252 cm.... un po' pochino per una macchina si oltre 5 mt.
  • Devo fare i miei complimenti specialmente per la completezza di alcune prove video come ad esempio la 500e (con l’ottima sezione tecnica redatta dall’eccellente Ingenier Massai) e il confronto tra M2, Alpine e Porsche 718 (con i vari punti di vista, davvero densi di dettagli). Ci vogliono questi contenuti aggiuntivi che sono da vera rivista premium: avanti così!
  • Ma se uno gli allegati (Q Tech e Q Electric) li vuole tutti e due, deve comprare due copie? O c'è un altro modo?
  • Numero ricco, a mio parere. Peccato solo per l'assenza del test qualità nelle prove di Tucson e Sorento.