Eventi

Nuovo Quattroruote
Scopri il numero di luglio

Nuovo Quattroruote
Scopri il numero di luglio
Chiudi

Quattroruote di luglio, in edicola da mercoledì 30 giugno e disponibile anche in Digital Edition, guarda le elettriche da un punto di vista diverso. Per esempio, sotto il profilo del piacere di guida, presunto appannaggio delle endotermiche: davvero le auto a batteria sono così noiose? Ve lo diciamo dopo aver portato a Vairano tre modelli e le "parenti" elettriche a loro più vicine. La sfida tra la tradizione il nuovo mondo, frutto di libera scelta o imposto che sia, prosegue poi sul fronte del budget: come muoversi se si hanno 30 mila euro da spendere? Meglio una turbodiesel, una mild hybrid o un'Ev? Analizziamo le tre auto e vi diciamo cosa fa per voi. Anche le Prove su strada riflettono l'evoluzione del mercato e l'estrema differenziazione in corso tra diversi powertrain, proponendo l'Audi Q4 e-tron (la prima elettrica nativa di Ingolstadt), la nuova Mercedes-Benz Classe C con il mild hybrid e la Renault Arkana E-Tech Hybrid, dotata di un sistema full. Non mancano le nostre inchieste, con la disamina di cinque antifurto meccanici (testati da un esperto di sicurezza), l'approfondimento sui carburanti sintetici (l'alternativa green a un futuro a batteria) e il nostro viaggio tra le case cantoniere dell'Anas, destinate a essere trasformate in ostelli, bar o ristoranti. Infine, a richiesta c'è il dossier Q Prove "Le medie top", con il meglio dei test di modelli di segmento C e dintorni pubblicati negli ultimi mesi. Curiosi di saperne di più? Vediamo tutti i contenuti nel dettaglio. 

2021-Quattroruote-luglio-1

Audi Q4 e-tron. Le Audi e-tron esistono da tempo, benché declinate soltanto in modelli alto di gamma (Suv o gran turismo) accessibili a pochi. Con la Q4 e-tron, da oggi, si apre quindi una nuova porta d’accesso al mondo elettrico di Ingolstadt: la crossover di taglia media, infatti, si pone esattamente a metà strada fra le tradizionali Q3 e Q5 sia per dimensioni sia per prezzo, con il listino che attacca da 45.700 euro. La versione in prova è però la top di gamma, con l’allestimento più ricco e il powertrain più prestante: i motori a zero emissioni sono due (uno davanti e l’altro dietro, da qui la denominazione quattro e la trazione integrale), mentre la potenza totale è di 299 cavalli. Notevole, però, l’efficienza in relazione alle prestazioni e alla massa: abbiamo rilevato consumi interessanti e autonomie che non generano ansia. Dentro c’è spazio a sufficienza, grazie all’architettura a skateboard con la batteria al centro e le ruote agli estremi del pianale. Mentre la digitalizzazione fa un passo avanti: debuttano l’head-up display con realtà aumentata e uno schermo dell’infotainment più grande. Su strada la sua dote migliore è il confort, mentre l’Esp talvolta risulta un po’ brusco. La prova completa, con la video-analisi dei nostri collaudatori, è disponibile anche nell'area in abbonamento Q Premium.

2021-Renault-Arkana

Renault Arkana. La Renault Arkana E-Tech Hybrid 145 abbina a un aspirato di 1.6 litri un originale sistema ibrido full, ideato e sviluppato dai tecnici della Renault e già montato dal 2020 su Clio, Captur e Mégane. Il sistema è congegnato in modo da demandare la partenza da fermo al solo motore elettrico; fino a 30-40 km/h, poi, se si sta leggeri sull'acceleratore, l'unità a benzina non entra in gioco. In pratica, nella marcia stop & go nel traffico, sembra quasi di essere al volante di un'elettrica, tranne quando si aumenta l'andatura: in tal caso, il motore a benzina si avvia istantaneamente e contribuisce alla propulsione. Nei nostri consueti test di consumo il sistema E-Tech Renault ha dimostrato la sua efficacia. In dettaglio, nei centri urbani con l’Arkana full hybrid le percorrenze sono più che raddoppiate, passando dai 9,8 km/litro della mild a ben 21,1. Sulle strade extraurbane il vantaggio si assottiglia, ma rimane consistente: 19,8 km con un litro di benzina contro 15,9. A velocità di crociera, in autostrada, nonostante non sia il terreno più favorevole per un’ibrida, la E-Tech è riuscita a fare meglio della turbobenzina anche in queste condizioni, mantenendo un vantaggio di quasi tre chilometri per ogni litro.  

2021-Quattroruote-luglio-3

Mercedes-Benz Classe C. Difficile, di questi tempi, parteggiare per il motore a gasolio. Eppure, la Mercedes Classe C (quinta serie, codice di progetto W206) riesce nel difficile compito di farti innamorare del diesel. Alzata la sbarra del casello e raggiunta la velocità codice, il biturbo della 220d si piazza sornione a 1.600 giri: magie del cambio automatico a nove marce. E di un cuore che, grazie all’avvento del mild hybrid a 48V – e di un attentissimo lavoro nell’aerodinamica – vanta una media autostradale pari a quasi 21 chilometri con un litro. Ma non si tratta soltanto di pura e semplice efficienza, perché la Classe C ha studiato da “S” negli interni e nella tecnologia. Il ponte di comando è elegante e riceve una cospicua dose di multimedialità, grazie ai due maxischermi dedicati a strumentazione e sistema d’infotainment. Tante le novità anche sottopelle, con l’adozione (giusto per dirne una) delle sospensioni anteriori a quadrilateri, in luogo delle precedenti a schema McPherson. E poi, una sicurezza attiva a tutta prova, soprattutto se si sceglie il pacchetto a richiesta che amplia i sistemi Adas.

2021-Quattroruote-luglio-4

Budget 30 mila. Un budget (30.000 euro, suppergiù) tre auto completamente diverse fra loro. Anche e soprattutto nelle motorizzazioni: c’è il gasolio (Audi A3 Sportback 2.0 TDI S tronic), il benzina mild hybrid (Ford Puma 1.0 EcoBoost 155 CV con cambio manuale) e pure l’elettrico (Mazda MX-30). Le abbiamo confrontate prendendo in considerazione costi di acquisto e gestione, abitabilità e capacità del bagagliaio, prestazioni e consumi – rilevati dal Centro prove – e altro ancora. Scoprendo, per esempio, che la turbodiesel rimane ancora al top per chi fa tanta strada, ma subisce (anche se Euro 6) le limitazioni alla circolazione di alcune grandi città italiane. Il motore a benzina, specie se mild hybrid, è perfetto se non percorrete troppi chilometri all’anno ma, allo stesso tempo, non volete sostituire spesso la macchina, causa normative antinquinamento sempre più stringenti. L’elettrica, invece, trova nella città la sua destinazione d’uso ideale. Tuttavia, sconta una bassa autonomia e tempi di ricarica più lunghi, sempre che si trovi una colonnina disponibile e funzionante lungo il tragitto. Ma l’energia, alle stazioni di rifornimento pubbliche, costa: d’obbligo dotarsi di una wallbox a casa, se si vuole massimizzare il risparmio.

doppia-gt3

Porsche 911 GT3. Dopo il nostro primo assaggio sulla pista Bilster Berg, in Germania, finalmente la settima generazione della Porsche 911 GT3 è arrivata a Vairano: in programma la prova strumentale completa e il nostro consueto giro di pista, sia sull’handling classico sia sulla variante Pro più lunga e impegnativa. Il nostro giudizio sulla più sportiva delle 992 non cambia: la nuova GT3 ha un bilanciamento invidiabile e una straordinaria capacità di mettere a proprio agio il pilota e infondere grande confidenza sin da subito. Il limite si raggiunge in fretta e le mani non sudano. Questo per merito del massiccio lavoro della divisione GT, teso a migliorare drasticamente tutti i comparti della vettura. In particolare, il telaio e l’aerodinamica, che hanno fatto passi da gigante grazie a soluzioni simili a quelle delle 911 da corsa. Il nuovo avantreno e la maggior downforce, nella fattispecie, sono il segreto della sua efficacia. Da non dimenticare però il powertrain, con il sei cilindri boxer di quattro litri aspirato ulteriormente affinato, ancor più reattivo sia in basso sia sul filo dei novemila. Anche il Pdk è più veloce e preciso, a completamento di un pacchetto tecnico che ha quasi raggiunto la perfezione. Tutti i trackdaysti sono avvisati. La prova completa, con la video-analisi di Paolo Massai, è disponibile anche nell'area in abbonamento Q Premium.

doppia-termicheelettriche

Termiche contro elettriche. Il piacere di guida deve necessariamente nascere da bielle e pistoni, oppure anche un'elettrica può dire la sua? Per scoprirlo, siamo andati a Vairano con l'ingegner Paolo Massai, pronto a confrontare tre "coppie" di modelli, endotermici ed elettrici: Volkswagen ID.3 e Golf, Mercedes GLA ed EQA, Fiat 500 e Nuova 500, tutte messe alla prova con test di tenuta di strada, stabilità sull'asciutto e sul bagnato. E dunque, le elettriche sono davvero noiose? La risposta è nelle dieci pagine di una prova davvero speciale.

Impressioni di guida. Questo mese la sezione dei primi contatti propone tre novità di notevole appeal per il grande pubblico: parliamo delle nuove generazioni della Peugeot 308 e della Nissan Qashqai, affiancate dalla variante Suv della Yaris, la Cross: sempre ibrida e, volendo, anche 4x4. Le Impressioni si completano con la DS 9, ammiraglia plug-in ispirata a un’antenata che è leggenda: la DS del 1955.

2021-Quattroruote-luglio-7

Anteprime e Autonotizie. Nel numero di luglio vi diciamo come sarà la nuova Smart in arrivo nel 2022: per la prima volta Suv e sopra i quattro metri. Un salto epocale reso possibile dalla piattaforma Sea, sviluppata dalla Geely, padrona del marchio in joint venture con la Daimler. Un'architettura sofisticata che prevede fino a due motori elettrici e una batteria da 110 kWh nel taglio più grande. Svolta anche in casa Ferrari con il ritorno del V6: ad inaugurarlo è la 296 GTB, con un sistemo ibrido che le vale 830 CV. Ibrida, naturalmente, ma di tutt’altra natura, è la nuova generazione della Lexus NX, la Suv intermedia del marchio premium della Toyota, ma anche qui con una novità: l'arrivo del plug-in. Con un benzina puro vecchio stampo e tanta voglia di rally, vi raccontiamo l’operazione nostalgia della Chimera, omaggio di un imprenditore piemontese alla mitica Lancia 037 stradale. E mentre il servizio della sezione Autonotizie si occupa proprio della sopravvivenza del motore a combustione, che potrebbe essere facilitata dai combustibili biologici e sintetici, raccontiamo su strada la dialettica termico-elettrico mettendo a confronto il comportamento di due BMW agli antipodi: la Serie 2 Coupé, tradizionale e a trazione posteriore, e l’inedita berlina a batterie i4. Il verdetto? Scopritelo sul giornale.

2021-Quattroruote-luglio-5

Attualità e Inchieste. La piaga dei furti d’auto non è ancora stata debellata: ma come difendersi? Abbiamo messo alla prova cinque sistemi di difesa meccanici: semplici ed economici, hanno la funzione di far perdere tempo al ladro e, così, di cercare di far fallire il suo tentativo. Per il test ci siamo avvalsi della collaborazione di un esperto di serrature e di sistemi di sicurezza, che ha "attaccato" i dispositivi con opportuni ferri del mestiere, consentendo così di misurarne l’efficacia. L’intervista del mese vede protagonista Ugo Brachetti Peretti, che abbiamo definito "l’ultimo petroliere": mentre gli altri operatori abbandonano il settore (o quanto meno, ridimensionano la loro presenza), il gruppo IP ha rilevato impianti e raddoppiato, di fatto, la propria rete. Brachetti Peretti, che ne è presidente, spiega le ragioni di questa scelta controcorrente e racconta la sua visione del futuro di elettrificazione della mobilità. L’Anas, invece, ha emesso un bando per assegnare in concessione 100 case cantoniere, da trasformare in ostelli, bar, ristoranti e altro ancora: siamo andati in giro per l’Italia per fotografarle e scoprirne le reali condizioni. Infine, per lo sport, abbiamo fotografato un fenomeno: gran parte dell’abbigliamento per le corse (dalle tute alle scarpe) utilizzato ai massimi livelli è frutto del lavoro di aziende italiane. Vi raccontiamo la storia di quattro tra le più significative, spiegando i segreti di questo successo del made in Italy.

000QRD2107_COVER MEDIE 1

Quattroruote + Q Prove "Le medie top". Il volume, disponibile con Quattroruote a 2,90 euro in più, contiene le migliori prove su strada dedicate ai modelli di categoria media (segmento C e dintorni) pubblicate negli ultimi mesi. Tra le auto in prova: Kia Stonic, Audi A3 e S3 Sportback, BMW Serie 2 Gran Coupé, Citroën C4, Fiat Tipo Cross, Ford Focus ST, Mercedes-AMG A 35, Mercedes-Benz A 250 e, Renault Mégane R.S., Seat Leon, Volkswagen ID.3 e Golf. Q Prove "Le medie top" è proposto anche in Digital Edition all’interno dello sfogliatore di Quattroruote, nella sezione Speciali, al prezzo di 1,99 euro per gli acquirenti della singola copia e a titolo gratuito per gli abbonati alla Digital Edition.

Come richiedere allegati e dossier. Chi è già abbonato a Quattroruote può richiedere gli allegati e i dossier inviando un'email a uf.vendite@edidomus.it, telefonando al numero 800-001199 (dal lunedì al venerdì dalle 8.45 alle 20, sabato dalle 8.45 alle 13) oppure inviando un fax allo 0292856110 o allo 02022111959.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Nuovo Quattroruote - Scopri il numero di luglio

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it