Albero motore


Albero motore
Chiudi
 

L’albero motore è l’elemento fondamentale del propulsore che, assieme alle bielle, trasforma il moto rettilineo alternato dei pistoni in moto rotatorio, consentendo così di trasmettere la potenza al cambio e quindi al differenziale e alle ruote, ma anche alla distribuzione e agli organi ausiliari (pompa acqua, alternatore, compressore del condizionatore, eccetera).

Cos'è. È costituito da un semilavorato di ghisa o di acciaio fuso oppure stampato e poi lavorato con macchine utensili per ricavare le superfici dei perni di banco e di biella, ovvero le sezioni circolari su cui strisciano i cuscinetti omologhi. La forma è caratteristica, perché i perni di biella sono disassati rispetto a quelli di banco, tanto che l’albero motore è chiamato anche “a gomiti” o “a collo d’oca”. L’angolo che l’asse dei perni di biella forma con quello dei perni di banco è determinato dal tipo di motore, per garantire la regolare successione delle fasi dei singoli cilindri. Per esempio, nel quattro cilindri in linea l’angolo è 180 gradi, in un sei è 120. Nel primo caso si dice che l’albero è “piatto”, perché i perni di banco e di biella sono su uno stesso piano. Le manovelle, che sono le parti che collegano i perni di banco a quelli di biella, sono dotate di contrappesi che servono a equilibrare l’albero motore.

Durata. In condizioni normali di funzionamento, l’albero motore dura quanto il propulsore. Se, però, viene utilizzato un olio di scarsa qualità e/o lo si cambia in ritardo, la lubrificazione viene compromessa e i perni e i cuscinetti si possono danneggiare, rendendo necessaria la revisione del motore. Il cedimento dell’albero, invece, è un’eventualità molto rara.

leggi tutto