Infotaiment


Infotaiment
Chiudi
 

I sistemi d’infotainment prendono il nome dalla fusione di due parole inglesi, information e entertainment, ovvero informazione e intrattenimento. Con un dono della sintesi tipicamente anglosassone, l’abbinamento permette di racchiudere in un unico concetto - e in un solo dispositivo - tutto ciò che tiene il pilota informato e che gli permette di svagarsi o restare in contatto con il mondo durante la guida.

Come funziona. L’infotainment di un’auto utilizza come principale interfaccia lo schermo posto in posizione centrale sulla plancia e/o quello che integra o sostituisce la strumentazione tradizionale. Attorno ad esso gravitano di norma l’impianto stereo, l’eventuale navigatore satellitare e tutto ciò che riguarda la connettività con gli smartphone. In particolare, i sistemi più moderni sfruttano spesso i software Apple CarPlay e AndroidAuto per far sì che i telefoni iOS e Android possano interagire al meglio con l’elettronica di bordo e permettano di gestire in modo ottimizzato dal display dell’auto alcune app e i contenuti principali.

Funzioni della vettura. Con il medesimo display dell’infotainment si può talvolta controllare anche l’impianto di climatizzazione e consultare i dati rilevati dal computer di bordo, oltre che monitorare gli eventuali flussi di energia sulle auto ibride ed elettriche. Con il passare del tempo e con l’evoluzione tecnologica, l’infotaiment permette un’integrazione sempre più forte con i device personali e la domotica, in attesa di sviluppi che porteranno a una dialogo via via più fitto con le altre auto e le infrastrutture circostanti. Nel frattempo, non mancano già sistemi in grado di navigare in internet, fungere da hot spot per il wifi e trasmettere anche programmi televisivi, in condizioni particolari.

Diverse attivazioni. Il tutto può essere gestito con tasti fisici posti sul volante multifunzione, attorno al display oppure sul tunnel centrale o ancora agendo sul touch screen. Molti sistemi rispondono in alternativa a comandi vocali oppure gestuali, compiuti nello spazio davanti alla console e rilevati da appositi sensori.

A cosa serve. I sistemi d’infotainment assicurano una migliore fruizione delle informazioni in viaggio, consentono una connettività estesa e danno opportunità ai passeggeri di godere di viaggi più piacevoli, senza però che ci siano particolari distrazioni per il pilota. Con i loro schermi di grandi dimensioni hanno poi una funzione estetica, danno alla plancia un aspetto più moderno e tecnologico e consentono l’utilizzo di un minore numero di pulsanti, cosa che lascia più spazio alla fantasia dei designer. Questa razionalizzazione è pensata per far sì che il pilota possa rimanere più concentrato sulla strada quando deve compiere altre operazioni. La struttura dei vari menù proposti dal sistema è (o dovrebbe essere) studiata per semplificare la vita al volante e per consentire di sfruttare in modo rapido e intuitivo tutte le funzioni e le potenzialità del mezzo.

leggi tutto