Assicurazioni

Assicurazione auto storiche: come funziona


Assicurazione auto storiche: come funziona
Chiudi

Assicurazione auto storiche: cosa sapere

Le auto storiche godono di alcune agevolazioni. In particolare, le compagnie assicuratrici mettono a disposizione specifiche polizza di assicurazione auto storiche per la responsabilità civile. Vediamo nel dettaglio quali sono le caratteristiche della polizza e i relativi costi.

Assicurazione auto storiche

Chi detiene un'auto storica oltre ad avere un modello automobilistico di un certo fascino, può beneficiare di una serie di agevolazioni sul pagamento del bollo auto, ma anche sull'assicurazione sulla responsabilità civile, che comunque resta obbligatoria per circolare su strada. Partiamo dal bollo. Un'auto, per poter essere considerata d'interesse storico e collezionistico, deve avere età compresa tra 20 e 29 anni dalla data di prima immatricolazione ed essere in possesso del Certificato di rilevanza storica (Crs) con relativa annotazione sulla carta di circolazione. Se ha queste caratteristiche, il proprietario può pagare un bollo auto ridotto del 50% (ma alcune regioni prevedono l'esenzione totale). Altra cosa sono le cosiddette auto d'epoca, immatricolate da almeno 30 anni e automaticamente esenti dalla tassa automobilistica. Per quanto riguarda l'assicurazione per la responsabilità civile, è obbligatoria per qualsiasi veicolo che sia posto in circolazione su strada pubblica o privata aperta al pubblico. Per poter ottenere una polizza assicurativa specifica, l'auto deve essere idonea dal punto di vista tecnico, ossia deve aver superato la revisione periodica prevista dal Codice della Strada, l'intestatario della polizza deve aver compiuto almeno 23 anni di età e l'auto deve essere iscritta all’ASI, ossia all’Automotoclub Storico Italiano, o a uno dei registri riconosciuti dal Codice della strada.

Funzionamento della polizza

Il principale vantaggio di questa polizza rispetto alle classiche RC auto è di richiedere un premio annuale molto più contenuto. I motivi sono abbastanza logici e semplici in quanto tendenzialmente le auto storiche, in ragione delle loro caratteristiche tecniche, vengono utilizzate molto di meno rispetto a un'auto moderna il che significa minor rischio di poter essere coinvolti in un incidente. Infatti, è risaputo che le polizze assicurative prevedono importi differenti rispetto alla probabilità che un evento si verifichi e, non a caso, gli importi variano anche in funzione della provincia di residenza del proprietario. Altra importante differenza rispetto alle assicurazioni tradizionali è che quella prevista per l'auto storica non prevede classe di merito basata su bonus-malus per cui l'importo per il premio annuale è fisso e non può variare in alcun modo rispetto al caso specifico. Come avviene nelle polizze tradizionali, anche in questo caso si possono aggiungere delle coperture aggiuntive oltre a quella prevista per RC e in particolare rispetto a tentativi di furto oppure incendio. Si possono coprire i danni a terzi, ottenere il servizio di soccorso stradale oppure essere coperti anche in caso di perdita delle chiavi. Insomma, si può plasmare la polizza secondo le proprie specifiche esigenze tenendo presente che maggiori saranno i servizi, più alti saranno i costi per il premio annuale.

L'iscrizione all'ASI e servizi aggiuntivi della polizza

Sul territorio nazionale ci sono alcune compagnie di assicurazione che propongono ai propri clienti soluzioni esclusive e specifiche per le auto storiche ossia l'assicurazione e la cancellazione dell'auto dal Pubblico Registro Automobilistico. Prima si è fatto riferimento all'esigenza e all'obbligo che l'auto storica sia iscritta all’ASI. Indubbiamente questo permette di avere tanti vantaggi come quello di partecipare a raduni e manifestazioni, ma ci sono anche dei costi annuali di tesseramento che sono pari a 41 euro. Questo aspetto va tenuto in conto se si vuole fare un confronto tra assicurazione auto storiche e polizze per auto moderne. È doveroso fare alcune precisazioni sulla possibilità di iscrivere un'auto storica all’ASI e in particolare che questa deve essere valutata come un’opportunità. Infatti, ogni anno ASI aggiorna un registro nel quale sono inseriti tutti i modelli ammessi e che quindi possono essere considerati auto storiche con tutte le agevolazioni previste sulla polizza e sul bollo auto. Inoltre, i tecnici dell’ASI si occuperanno anche di effettuare delle valutazioni sullo stato in cui si trova il veicolo e se idoneo sotto questo punto di vista.

Contenuto redatto in collaborazione con la redazione Assicurazione di Facile.it

Le nostre guide

Servizi Quattroruote

quotazione

Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

Non ricordi la tua targa? Clicca qui

logo

assicura

Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

In collaborazione con logo

finanziamento

Cerca il finanziamento auto su misura per te!

Risparmia fino a 2.000 €!

In collaborazione con logo

usato

Cerca annunci usato

Da a

listino

Trova la tua nuova auto

Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

provePdf

Scarica la prova completa in versione pdf

A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

Cerca