Rivista

QUATTRORUOTE - Gennaio 2021
CUPRA FORMENTOR 1 / 5
TOP TEN 2020 2 / 5
TOYOTA GR YARIS 3 / 5
SENZA STECCATI 4 / 5
I NUOVI GRIMALDELLI SI TROVANO SUL WEB 5 / 5
PROVA SU STRADA
CUPRA FORMENTOR

A tre anni dal debutto, ecco la prima creatura in tutto e per tutto del marchio spagnolo. Una Suv che ammicca alle coupé, anche in...

ALLEGATO GRATUITO “TUTTE LE NOVITA’ DEL 2021”

IN REGALO

Un dossier di 96 pagine per orientarsi nella raffica di novità previste nel mondo auto nei prossimi 12 mesi: i modelli più recenti immessi sul mercato, le novità in arrivo, i futuri progetti che nasceranno entro il 2021. Una vera e propria bussola per districarsi al meglio in un anno che, nonostante le difficoltà del periodo, si preannuncia di grandi trasformazioni. 

QUATTRORUOTE + DOSSIER “Q PROVE – BEST OF”

€3,90 in più

Torna in edicola la raccolta dei test su strada più interessanti tra quelli pubblicati nel corso dell'anno. Un'occasione unica per confrontare in un colpo solo considerazioni e pagelle stilate dalla redazione Prove e rilevazioni strumentali fornite dalla squadra di collaudatori della pista di Vairano. Imperdibile.

QUATTRORUOTE Gennaio 2021

Quattroruote di gennaio guarda ovviamente al futuro, a un anno che si annuncia ancora molto complicato ma che non esclude una possibile svolta sul fronte della pandemia di coronavirus. La "bussola" per navigare nel mare che ci attende è l'allegato gratuito Q Novità 2021, forte di 96 pagine densissime: parliamo di 80 modelli in arrivo, interviste, approfondimenti sulle nuove tecnologie e dell'immancabile maxi-tabellone finale con i 150 esordi dei prossimi 12 mesi. Anche l'auto di copertina ha il sapore del cambiamento: è la Cupra Formentor, la prima vettura costruita espressamente per il giovane marchio spagnolo. Un esordio di buon auspicio per tempi che, si spera, saranno meno bui.

C'è anche il meglio del 2020. Quattroruote, però, non si dimentica dell'anno appena trascorso: per questo, a richiesta, è disponibile anche il monumentale dossier Q Prove - Best of 2020, con i migliori test su strada pubblicati negli ultimi 12 mesi. Lo speciale, di ben 288 pagine, propone vetture di tutti i segmenti e fasce di prezzo, analizzate nei minimi particolari dal Centro prove di Vairano. Il numero di gennaio e i due dossier sono già disponibili in Digital Edition e vi aspettano in edicola a partire da martedì 29 dicembre: curiosi di saperne di più? Vediamo i nuovi contenuti nel dettaglio.

Cupra Formentor.  In un mondo automobilistico in grande difficoltà a causa dell'emergenza coronavirus, il coraggio può fare la differenza. E la Cupra Formentor dimostra di averne in quantità industriale: di fatto, si tratta del primo modello espressamente concepito per il nuovo (la fondazione è datata 2018) marchio spagnolo. Cresciuto sulla nota piattaforma Mqb Evo a passo lungo del gruppo Volkswagen, certo, ma con un temperamento forte, tutto suo. Un coraggio che emerge prorompente pure nella guida: sono poche le Suv a sentirsi a loro agio in pista e la Formentor (310 CV e quattro ruote motrici), che a Vairano ha girato più veloce di una Stelvio con il 2.0 turbobenzina da 280 CV, è apparsa in forma smagliante fra i cordoli. Le prestazioni, d'altronde, sono di livello: il Centro prove ha rilevato uno 0-100 km/h in 4,5 secondi e una velocità massima di 250,9 km/h. Senza sentirsi a disagio nel quotidiano: via la modalità Cupra, dentro la Normal ed ecco che si scopre una ben rifinita sport utility, abbastanza comoda e con una buona quantità di spazio per i passeggeri.

Top ten 2020: il maxi confronto. Per certi versi non è una novità, nemmeno in questo anno orribile che si sta concludendo. Il 2020 ha confermato i gusti degli italiani in fatto di auto: fra le prime dieci immatricolate (dati Unrae, periodo gennaio-novembre) figurano piccole – Fiat Panda e Lancia Ypsilon su tutte – ma anche Suv e crossover di segmento B. Per mezzi che non superano di molto né i quattro metri, né lo scoglio psicologico dei 20.000 euro. Cerchiamo quindi di capire, mettendo a confronto prestazioni, consumi e tenuta del valore nel tempo, quali sono stati i motivi che hanno decretato il successo di questa magica decina. In attesa di scoprire tutti i dettagli, ecco una piccola anticipazione. Cominciamo dalla Panda, la preferita dagli italiani anche nel 2020: oltre a un prezzo invitante, la piccola Fiat sa ancora offrire, a una decina d’anni dal debutto, un pacchetto vincente. Per praticità, consumi (16,9 km/l in media), rapporto dimensioni-spazio interno. Il recente restyling ha portato con sé anche un nuovo sistema multimediale, che permette di sfruttare, fra le altre cose, pure la connettività Android Auto e Apple CarPlay. Fa notizia, a suo modo, anche la Ypsilon, ormai (purtroppo) unica portabandiera del marchio Lancia, al secondo posto fra le più vendute del 2020. Mossa anche lei dal tre cilindri Firefly benzina da un litro con sistema mild hybrid 12 V, ha 70 cavalli e chiede sempre poco carburante (media di 16,8 km/l). Dietro le due piccole, come potrete vedere sulla nostra maxi prova confronto, c'è spazio anche per modelli stranieri e per altre tre vetture del gruppo FCA: Panda e Ypsilon, infatti, sono seguite dalle Renault Clio, Fiat 500X, Jeep Renegade, Fiat 500, Citroën C3, Dacia Sandero, Renault Captur e Toyota Yaris.

Toyota GR Yaris. Mettiamola così: un altro attrezzo del genere, sul mercato, non esiste. Con la stessa cifra di una normalissima media ben accessoriata, potete infilarvi in garage una delle macchine più divertenti, efficaci e originali mai viste negli ultimi anni. La GR Yaris, nata per scopi agonistici, reincarna lo spirito di tutte quelle homologation specials degli anni Novanta e primi Duemila: Delta Integrale, Escort Cosworth, Mitsu Evo e Subaru Impreza, tanto per citare le più celebri. Le ricorda sia nelle caratteristiche tecniche sia nelle prestazioni ed emozioni che è in grado di regalare, grazie al tre cilindri più potente del mondo (il 1.6 da 261 CV) e alla trazione integrale con due differenziali Torsen. L’abbiamo portata sull’asfalto di Vairano, dove s’è messa dietro sportive ben più potenti e costose, e sul ghiaccio di Livigno per valutare ancor meglio l’efficacia della sua meccanica. Alcuni numeri parlano per lei: la piccola bomba giapponese accelera da 0 a 100 km/h in 5,4 secondi (un dato rimarchevole, considerata la presenza del cambio manuale), raggiunge la velocità massima di 231,8 km/h e può contare su un impianto frenante davvero gagliardo. Quel che entusiasma di più, però, è la dinamica di guida: qui parliamo di una vera driver's car, peraltro proposta al prezzo di una Golf diesel. Divertente, sicura, efficace: sul mercato non c'è nulla di simile.

Tesla Model 3 vs Alfa Romeo Giulia vs BMW 320d. I tempi cambiano e anche le prove di Quattroruote non sono immutabili attraverso anni e decenni. E ciò che ieri poteva sembrare follia, oggi diventa doveroso. Per esempio, mettere a confronto diretto il mondo delle automobili termiche con quello, più recente e ristretto, delle elettriche. E non per amore di provocazione: alla vigilia del 2021, l’elettromobilista non è più un eccentrico early adopter. E, allora, eccovi servito un piccolo… elettroshock: un'Alfa Romeo Giulia 2.0 turbobenzina e una BMW 320d al fianco di una Tesla Model 3. Possibile? Decidete insieme a noi se si possa o no, con questo testa a testa a tutto campo. Perché le differenze non si giocano soltanto intorno all’autonomia e ai tempi di ricarica. Quello è poco meno che un punto di partenza. 

Audi Q5. Quando un modello arriva a metà carriera, la Casa ha due opzioni: può limitarsi a un leggero restyling coi soliti ritocchi estetici, per rinfrescare l’immagine della vettura, oppure può agire più in profondità. È questa la scelta dell’Audi per la Q5, che ha anche guadagnato un infotainment tutto nuovo e un’iniezione di cavalli per il 2.0 litri diesel, che ora è pure dotato del sistema mild hybrid. Il risultato? Aumentano le prestazioni e si riducono i consumi: a fronte di un dato omlogato di 18,5 km/l, il Centro prove ha rilevato una media di 14,6 km/l per un costo per 100 chilometri pari a 8,65 euro.

Impressioni di guida. Anche questa sezione guarda al futuro, nella fattispecie a quello dell'interessantissima Maserati MC20: in attesa della versione definitiva, abbiamo guidato il prototipo su strada e in pista. Non ci sono, comunque, solo le coupé da sogno: questo mese, infatti, soddisfiamo diversi palati mettendoci al volante della Dacia Sandero, della Volkswagen Tiguan, della Skoda Octavia SW iV e dell'Audi A3 Sportback TFSI e.

Q Electric. La protagonista di questo mese è un'elettrica in incognito. Già, perché a prima vista, la BMW iX3 sembra proprio una X3 qualunque. Devi girarle attorno, e soltanto dopo che hai notato quei pochi elementi di distinzione, capisci che è qualcosa di diverso. L’approccio della BMW, con questa Suv elettrica, è l’opposto di quello adottato con la i3 del 2013, la nativa digitale: la iX3 vuol essere infatti simile in tutto e per tutto alle sorelle termiche, sia fuori sia dentro. Ma non va considerato come un modello di transizione, perché sottopelle c’è il powertrain di quinta generazione che servirà anche le future iX e i4. Ci sono 286 cavalli elettrici, sulle sole ruote posteriori, che spingono bene accompagnati da una colonna sonora scritta dal premio Oscar Hans Zimmer. E l’energia arriva da una batteria al litio da 80 kWh. L'efficienza è più che discreta, almeno fra le Suv di questa taglia, dunque l’autonomia è commisurata alla stazza e alle prestazioni: circa 320 km in media e quasi 400 in città. C’è di buono che, se ci si attacca alla corrente continua, la iX3 si può caricare a 150 kW di potenza. Perciò, basta una breve sosta caffè per portarsi a casa un centinaio di chilometri. La sezione prosegue con le Impressioni di guida della nuova Toyota Mirai: il modello a idrogeno della Casa giapponese arriva alla seconda serie con nuove ambizioni, una linea da grande berlina, maggiore autonomia (650 km) e prezzo ridotto. Certo, rimane sempre il problema, almeno in Italia, di dove ricaricare. Infine, abbiamo cercato di capire meglio che cosa ha portato la Hyundai, che aveva già una linea di auto a batteria del tutto integrata alla gamma, a inventarsi un marchio dedicato per commercializzarle. Chi ha ragione? I coreani o chi, come BMW e PSA, mimetizza l’offerta elettrica tra i modelli a combustione? Lo abbiamo chiesto a un esperto di brand.

Anteprime e Autonotizie. Con le news di prodotto concentrate quasi tutte nell’allegato Q Novità 2021, le Autonotizie di gennaio si dedicano al giornalismo d’inchiesta. Il pezzo forte accende i riflettori sulle ibride plug-in: sono utili agli automobilisti o alle Case per evitare le multe sulle emissioni di CO2? In ballo ci sono valori di consumo molto bassi in sede di omologazione, ma assai maggiori nella guida reale: lo sostiene anche l'ong Transport & Environment sposa quest’ultima tesi, parlando di valori di CO2 fino all’89% superiori al dichiarato. L'Acea, l’associazione dei costruttori, ovviamente difende le plug-in: dove sta la verità? Le Autonotizie registrano anche l’arrivo in Italia di due nuovi marchi di proprietà cinese, ma con forti legami con l’Europa: sono MG e Lynk&Co. Spieghiamo perché questi tentativi di sbarco appaiono molto diversi da quelli - infruttuosi - che li hanno preceduti. Infine, diamo una sbirciata in anteprima alle caratteristiche di una supercar imminente e davvero esclusiva, la Pininfarina Battista, che sceglie d’affidare tutta la sua carica emotiva a un altro tipo di carica: quella elettrica.

Attualità e Inchieste. L’attualità di Quattroruote di gennaio prende più che mai spunto… dall’attualità. È sotto gli occhi di tutti, infatti, come le città italiane, soprattutto le più grandi, si siano riempite di monopattini elettrici, in sharing o di proprietà. Il problema è, però, che molti utilizzatori li impiegano violando non solo le norme che ne disciplinano l’uso, ma anche elementari principi di sicurezza. E questo per incoscienza e per una diffusa ignoranza delle regole, come dimostra l’indagine condotta di sera tra i guidatori milanesi e gli esponenti delle forze dell’ordine. Alle nostre domande, infatti, molti intervistati hanno rivelato di non sapere neppure di dover indossare, con l’oscurità, il giubbino riflettente; e gli agenti di polizia locale hanno confessato come il Corpo non consideri prioritario il contrasto a questo tipo di infrazioni. Un altro fenomeno in crescita è, purtroppo, quello dei furti d’auto: Quattroruote ne spiega i motivi, denunciando come su Internet sia facile trovare i dispositivi che consentono ai malviventi di aggirare le deboli difese elettroniche delle vetture, per esempio duplicando agevolmente le chiavi. Una piaga contro la quale le case automobilistiche non fanno abbastanza. Infine, sempre dalla cronaca ma sportiva, arriva lo spunto per un’analisi della sicurezza delle monoposto di Formula 1, messa in evidenza dal grave incidente occorso a Grosjean in Bahrain. Un episodio che richiama situazioni del passato, come la tragedia sfiorata nel 1976 da Niki Lauda, rievocata attraverso l’intervista a uno dei suoi soccorritori, il pilota americano Brett Lunger.

Quattroruote + dossier Q Novità 2021. Lo sapevate che la Fiat sta studiando un prodotto con il quale colmare il vuoto lasciato dalla Punto, in una fascia che è storicamente sua? Che, oltre alla Ferrari, anche la McLaren sta per presentare un sportiva V6 ibrida plug-in? Ignoravate che nell’anno che sta per aprirsi si rinnoveranno alcuni mostri sacri della categoria delle Suv, come la Range Rover e la Jeep Grand Cherokee? E, un po' più sotto, l’apprezzatissima Nissan Qashqai, mentre il prossimo inverno a sparigliare le carte arriverà l’Alfa Romeo Tonale? E che l’Audi introdurrà sul mercato elettrico la sua adrenalinica e-tron GT, che in versione RS supera i 600 cavalli? Beh, allora non potete perdervi Q Novità 2021, allegato gratuitamente su tutta la tiratura di Quattroruote di gennaio: 96 pagine di novità, con 80 modelli in dettaglio, interviste, un approfondimento sull’intelligenza artificiale e il maxi-tabellone finale da conservare come guida per tutti gli oltre 150 esordi dell’anno. Il dossier è proposto anche in Digital Edition in coda alla rivista e inserito all’interno della voce arretrati/allegati.

Citroën C4. La francese, protagonista del nostro allegato Q Novità 2021, rappresenta uno dei debutti più attesi del nuovo anno motoristico, proponendosi nel segmento C con l’originalità tipica del Double Chevron. Nel dossier analizziamo la Citroën C4 centimetro dopo centimetro, mentre qui sopra potete già guardare l'anteprima del nostro primo contatto.

Quattroruote + dossier Q Prove - Best of 2020. Con Quattroruote di gennaio è possibile acquistare anche il dossier Q Prove - Best of 2020, la raccolta dei migliori test su strada pubblicati negli ultimi 12 mesi. Lo speciale, di ben 288 pagine, propone vetture di tutti i segmenti e fasce di prezzo (dalla Fiat Panda alla Ferrari F8 Tributo), analizzate nei minimi dettagli dal Centro prove di Vairano: l’elenco comprende Alfa Romeo Stelvio, Audi A3 Sportback, BMW Serie 4, Dacia Duster, Fiat 500, Ford Puma, Honda Jazz, Hyundai Tucson, Jaguar F-Type, Jeep Renegade, Kia Sorento, Lancia Ypsilon, Land Rover Defender, Mercedes-Benz GLA, Nissan Juke, Opel Corsa, Peugeot 2008, Renault Clio, Renault Captur, Seat Leon, Skoda Octavia, Toyota Yaris e Volkswagen Golf. Q Prove - Best of 2020 è proposto a 3,90 euro in più ed è disponibile anche in Digital Edition all’interno dello sfogliatore di Quattroruote, nella sezione Speciali, al prezzo di 1,99 euro per gli acquirenti della singola copia e a titolo gratuito per gli abbonati alla Digital Edition.

Come richiedere allegati e dossier. Chi è già abbonato a Quattroruote può richiedere gli allegati e i dossier inviando un'email a uf.vendite@edidomus.it, telefonando al numero 800-001199 (dal lunedì al venerdì dalle 8.45 alle 20, sabato dalle 8.45 alle 13) oppure inviando un fax allo 0292856110 o allo 02022111959.

STORIE D'AUTO

Programmi informatici Quando il gioco si fa soft(ware)

Scenari Suv & Co. a un passo dalla maggioranza

Car economy Quando il lavoro non torna a posto

Corrispondenti esteri Un salone in mascherina

Avviso ai naviganti Geolocalizzati in tre parole

Analisi L'altra metà del volante

In libreria Ispirati dalla velocità

In edicola I capolavori del millennio

AUTODIFESA

Sanzioni stradali Mini taglio alle super multe

Posta prioritaria Come ti confronto i preventivi Rca

Sportello Multe, ad Asti spese triplicate

Lamentele La Duster va lontano, ma soffre la ruggine

ATTUALITA'

Incentivi bis Forse ci siamo

Cyberladri I nuovi grimaldelli si trovano sul web

Formula 1 Nessun miracolo

Mobilità urbana Incosciente leggerezza

AUTONOTIZIE

Fabbrica di Hambach Addio Daimler, benvenuta Ineos

Ibride plug-in Non inciampate in quel cavo

Automobili Pininfarina Sotto il segno del mitico Pinin

Parla il ceo della Skoda Appuntamento fra dieci anni

New entry Europee di ritorno

PROVE SU STRADA

Top ten 2020:  Fiat Panda - Lancia Ypsilon - Renault Clio - Fiat 500X - Jeep Renegade - Fiat 500 - Citroën C3 - Dacia Sandero - Renault Captur - Toyota Yaris

Cupra Formentor

Toyota GR Yaris

Senza steccati: Alfa Romeo Giulia - BMW 320d - Tesla Model 3

Audi Q5

Giochi della carrozzeria L'arte della fuga

IMPRESSIONI DI GUIDA

Maserati MC20

Dacia Sandero

Volkswagen Tiguan

Skoda Octavia SW iV

Audi A3 Sportback TFSI e

Q ELECTRIC

Storie d'auto

Autonotizie

Prove su strada

Impressioni di guida

Prova di durata

BUSINESS

Q-Index Torna ai livelli post lockdown

Risorse umane Il welfare sale in auto

Esame di maturità Renault Clio IV

Offerte Confronto tra modelli a gas

Mercato/numeri Rimonta stroncata

Mercato/analisi Benzina e diesel sotto il 60%

Mercato/focus La Panda frena

Barometro Crif-Quattroruote Niente incentivi, credito in panne

Il giusto valore dei carburanti Prezzi poco mossi

MERCATO

I listini del nuovo

Le quotazioni dell'usato

Le prove su strada da gennaio 2011 a dicembre 2020

Ultima pagina

su questo numero