La carta di qualificazione

18A0399

Guidi veicoli per i quali è necessario aver conseguito anche la patente di categoria C, oppure D? Avrai anche bisogno della Cqc, la carta di qualificazione del conducente. Lo ha disposto la direttiva 2003/59/CE del luglio 2003 imponendo l’obbligo, per tutti i conducenti in proprio o subordinati, di sottoporsi a un percorso di qualificazione iniziale e a successive formazioni periodiche.

Per mezzi pesanti. La Cqc si configura come una sorta di patente professionale (persino la foggia del documento è simile a quella di una normale patente) e non a caso va a sostituire il vecchio Certificato di abilitazione professionale. Nonostante l’input di Bruxelles, la Cqc italiana si discosta leggermente dalla norma: non solo attesta che il titolare è formato e qualificato come conducente, ma porta anche in dote un tesoretto di 20 punti decurtabili (dal documento, ma non dalla patente di guida) se le infrazioni sono commesse alla guida di un mezzo per il quale è necessaria la Carta di qualificazione. Quali? Sostanzialmente, i veicoli per cui è necessaria la patente C o CE (trasporto di cose con massa superiore alle 3,5 tonnellate) e D o DE (mezzi destinati al trasporto di persone con posti a sedere superiori a otto, escluso conducente). Il requisito dei 21 anni scende a 18 per chi vuole conseguire le patenti C e CE ottenendo la Cqc, e da 24 a 21 anni per le patenti D e DE.

Serve impegno. Per conseguire la Cqc è necessario seguire un corso di almeno 140 ore (di cui 10 di pratica) della formazione accelerata, che deve concludersi entro quattro settimane dall’inizio, con lezioni che non possono superare le tre ore giornaliere. L’allievo che si assenta per oltre sei ore deve ripetere il corso. Le lezioni si tengono presso le autoscuole autorizzate (e altri soggetti come associazioni di categoria, federazioni e confederazioni territoriali, insegnanti muniti di apposita abilitazione, che operano tutti su autorizzazione della Motorizzazione): alla fine dell’iter formativo, bisogna sostenere un esame presso la Motorizzazione di competenza. In caso di bocciatura, l’esame può essere ripetuto entro l’anno; se si viene bocciati di nuovo, bisogna ripetere tutto il corso. Una volta conseguito, la Cqc vale cinque anni, ma il titolare deve preoccuparsi di rinnovarla almeno 18 mesi prima della scadenza frequentando un corso teorico di 35 ore.

Quanto costa. Difficile fornire un prezzo in regime di libero mercato. In base alla struttura e all’organizzazione delle autoscuole (o degli altri soggetti abilitati), il costo del corso può variare da un minimo di 1.800 euro a un massimo di 3.000 euro. L’esborso viene sostenuto interamente dal candidato salvo, accordi ad personam con il datore di lavoro.

16122-301

leggi tutto